SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Rick Steves: una lettera d’amore al Milan

Dato che abbiamo dovuto ritardare i nostri viaggi a causa della pandemia, penso che una dose settimanale di sogni di viaggio potrebbe essere una buona medicina. Ecco un promemoria della gioia che ci attende in Europa all’altra estremità di questa crisi.

Dicono che per ogni chiesa di Roma c’è una banca a Milano. In effetti, il successo economico dell’Italia nel dopoguerra è da attribuire, almeno in parte, a questa seconda città di banchieri, propagandisti e operatori di insalate di pasta. Mentre Venezia, Firenze e Roma hanno dominato le menti dei viaggiatori, Milano ha ancora molto da offrire a chiunque visiti.

L’importanza del Milan non è una novità. Gli antichi romani chiamavano questo luogo il Mediolanum, o “luogo centrale”. Nel IV secolo d.C., era la capitale della metà occidentale dell’Impero Romano. Dopo aver lottato durante l’Alto Medioevo, Milano salì alla ribalta sotto le potenti famiglie Visconti e Forza. Al tempo del Rinascimento, Leonardo si era trasferito qui e aveva chiamato la città “Nuova Atene”.

Il Duomo di Milano, il centro della città, è la terza chiesa più grande d’Europa. È enorme: 480 piedi di altezza e 280 piedi di larghezza, le sue foreste sono 52 colonne di dimensioni Sequoia e ospitano 2.000 statue. Il luogo può ospitare 10.000 fedeli. Mentre salivo le strette scale a chiocciola progettate per gli operai che hanno costruito la chiesa, sono arrivato sul tetto in una foresta di torri di pietra. La folla si accalca sul tetto per una splendida vista della città, della piazza e delle Alpi italiane nelle giornate limpide. Ma sono i dettagli architettonici della chiesa che attirano la mia attenzione. Lasciati stupire dagli innumerevoli motivi scolpiti nel marmo più di cinque secoli fa – ogni fiore, ogni gargoyle, il volto di ogni santo è diverso – mi rendo conto che il pubblico non aveva mai avuto intenzione di vedere quest’arte. Un atto d’amore costoso, destinato solo agli occhi di Dio.

READ  Il LIC è il decimo marchio assicurativo più prezioso e il terzo marchio più forte al mondo

La cattedrale si trova in Piazza del Duomo, la piazza principale di Milano. È una classica scena europea. I professionisti si affrettano, i bambini determinati vanno in giro e i piccoli ladri si divertono.

Un grande vicolo con cupola di vetro sulla piazza segna il centro commerciale della fine del XIX secolo, la Galleria Vittorio Emanuele. Fu costruito intorno al 1870, durante i giorni dell’Unità d’Italia, e fu il primo edificio della città ad essere dotato di illuminazione elettrica. L’arte è una gioiosa propaganda che celebra la fondazione dell’Italia come paese indipendente. I suoi negozi, ristoranti e caffè alla moda riflettono la posizione di Milano come capitale italiana della moda.

Faccio la scena sotto quelle cupole di vetro e sorseggio lentamente un bicchiere del tradizionale liquore italiano, Campari, che fu servito per la prima volta alla fine del XIX secolo in un bar di questa particolare galleria. Alcune delle persone più calde d’Europa che guardano le persone trasformano il mio caro drink in un buon rapporto qualità-prezzo. Mentre mi godevo lo spettacolo, ho notato un ronzio amorevole e divertente intorno al toro nel mosaico delle torri terrene. Per fortuna, la gente del posto calpesta i testicoli del Toro. Due ragazze mi dicono che è meglio girare

È sera, e vedo persone in abiti formali girare su quel povero toro. Si stanno dirigendo verso il teatro lirico più famoso del mondo: La Scala. Come altri grandi teatri d’opera in Europa, la Scala si assicura che i poveri audiofili possano ottenere i biglietti singoli o i posti a sedere che vengono venduti il ​​giorno dello spettacolo. E il Museo della Scala contiene una vasta gamma di oggetti che sono praticamente oggetti di culto per gli amanti dell’opera: gradini, busti, ritratti e maschere mortuarie originali di grandi compositori e musicisti. Immagina: un cappello Verdi, gli occhiali Rossini, un bastoncino di Toscanini … persino un pesto di fettuccine.

READ  Gli Stati Uniti propongono di coordinare il Gruppo dei Sette per contrastare il potere economico della Cina

La mattina successiva è il momento clou delle visite a Milano: la sfortunata Ultima Cena di Leonardo, che fu dipinta direttamente sulla parete del refettorio della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Leonardo fu assunto per decorare la sala da pranzo dei monaci, e questo era uno spettacolo appropriato. Soffrendo dell’uso sperimentale dell’olio da parte di Leonardo, il capolavoro iniziò a deteriorarsi entro sei anni dal suo completamento. La chiesa fu bombardata durante la seconda guerra mondiale, ma – miracolosamente, sembra – il muro che sorregge l’Ultima Cena rimane in piedi.

Oggi, per preservarlo il più possibile, l’umidità nella stanza è attentamente regolata: sono consentite solo 30 persone ogni 15 minuti. Quando tocca a me entrare, guardo a destra e … eccolo qui. In una grande stanza imbiancata, i colori svaniscono, ma la combinazione sembra sognante. Leonardo ritrae il dramma psicologico mentre il Signore dice: “Uno di voi mi tradirà”, ei messaggeri si riuniscono in gruppi esausti di tre, chiedendosi: “Signore, non è vero?”

Quando finisci di 15 minuti di visualizzazione, dirigiti verso la vibrante città moderna con un rinnovato apprezzamento per Milano: la città più sottovalutata d’Italia.

Questo articolo è tratto dal nuovo libro di Rick, For Love of Europe.

Rick Steves Scrive guide europee, ospita programmi di viaggio in televisione e alla radio pubblica e organizza tour europei. Puoi inviare un’e-mail a Rick all’indirizzo [email protected] e seguire il suo blog su Facebook.

© Copyright Times Colonist