HomescienceUna scoperta rivoluzionaria degna di attenzione nella ricerca sull’origine del virus delle...

Una scoperta rivoluzionaria degna di attenzione nella ricerca sull’origine del virus delle api

Le api mellifere europee sono le specie di api più comuni nella produzione di miele in tutto il mondo. Hanno colonie più grandi rispetto ad altre specie di api, producono più miele, sono meno aggressive e sono eccellenti raccoglitrici.

La diffusione del virus delle ali deformate (DWV) è uno dei fattori più importanti del declino della popolazione di api mellifere europee in tutto il mondo. Questi virus causano deformità alle ali e influenzano le funzioni nervose delle api infette. Viene trasmessa alle api da acari parassiti chiamati acari Varroa.

Nono Hasegawa, dottorando presso l’Okinawa Institute of Science and Technology (OIST). Unità per l’ambiente comunitario integrato La dottoressa Maeva Tecker, ex ricercatrice dell’OIST, ha collaborato con altri scienziati ed è coautrice di un articolo recentemente pubblicato sulla storia evolutiva del virus delle ali deformate nelle api europee e asiatiche.

Il loro articolo, “Origini evolutivamente diverse dei virus delle ali deformate nelle api mellifere occidentali”, è stato pubblicato sulla rivista Con le persone. I risultati mostrano che uno dei ceppi più comuni del virus, DWV-A, è originario dell’Asia e non dell’Europa, come suggerito in precedenza.

“Le api mellifere europee sono state introdotte in Asia e in altre parti del mondo e sono diventate ampiamente utilizzate in orticoltura perché sono più produttive per l’apicoltura rispetto alle api mellifere asiatiche endemiche. Si tratta di specie di api invasive e questo è un problema perché quando noi Se introduciamo diverse specie di api, possiamo trasferirle in aree in cui non si trovano naturalmente, aumentiamo il rischio di diffusione di malattie sia nelle specie autoctone che in quelle invasive”.

READ  Gli astronauti hanno bisogno di mangiare, ma inviare cibo nello spazio è difficile. Questa singola pianta potrebbe contenere la chiave

Quando le api mellifere europee furono introdotte in Asia, gli acari Varroa cambiarono ospite, passando dall’ospite nativo originale, l’ape asiatica, al nuovo ospite più sensibile, l’ape europea, e trasmettendo nel processo il DWV all’ape europea.

“Il virus delle ali deformate è facile da riconoscere sul campo perché si può vedere chiaramente che le ali delle api infette sono deformate. Le api infette possono anche diventare disorientate quando si muovono. In definitiva, quando un gran numero di api sono infette, la colonia può essere “Se stesso a causa della mancanza di mangime, questo può portare a un alveare malsano che può gradualmente morire, e attualmente si ritiene che i virus delle ali deformate siano uno dei principali fattori che causano il declino delle popolazioni di api mellifere europee in tutto il mondo”, ha aggiunto Nono.

I loro ospiti originari, l’ape asiatica, hanno avuto milioni di anni di coevoluzione con l’acaro parassita Varroa. Si sono adattati agli acari in diversi modi, ad esempio rimuovendoli fisicamente e rimuovendo le api morte e infette dall’alveare.

Le api europee, d’altro canto, hanno avuto molto meno tempo per sviluppare metodi per combattere il virus, il che le ha rese più vulnerabili.

I ricercatori si sono concentrati su due ceppi principali del virus delle ali deformate, DWV-A e DWV-B. Hanno utilizzato il sequenziamento dell’RNA, un metodo per analizzare la presenza e la quantità di RNA in un campione biologico, e hanno analizzato gli acari Varroa raccolti da diverse api ospiti provenienti da 56 località in tutto il mondo per rilevare la presenza di virus.

Poiché i virus trasmessi dagli acari sono per lo più virus RNA, il sequenziamento dell’RNA consente ai ricercatori di analizzare i virus presenti in ciascun campione. Avendo campioni che variavano spazialmente e temporalmente, sono stati in grado di prevedere statisticamente l’origine del DWV-A.

READ  Il National Institutes of Health sta conducendo un ampio studio di terapie con anticorpi policlonali per COVID-19

Hanno scoperto che il ceppo DWV-A non è originario dell’Europa ma piuttosto dell’Asia, contrariamente a quanto pensavano in precedenza i ricercatori. Ciò suggerisce che il DWV-A fosse presente negli acari Varroa prima dell’introduzione delle api europee in Asia. Questo ceppo del virus si è poi diffuso in tutto il mondo dopo essere stato trasmesso alle api mellifere europee tramite gli acari.

I virus delle ali deformate vengono trasmessi alle api dall’acaro parassita Varroa e possono causare deformità delle ali e influenzare la funzione neurologica.

La presenza di acari Varroa portatori del virus e che si spostano verso un nuovo ospite ha probabilmente portato ad un aumento delle infezioni da DWV-A in tutto il mondo.

A differenza del DWV-A, non hanno trovato prove evidenti che i livelli del ceppo DWV-B fossero influenzati dal cambio di ospite della Varroa a livello globale. Il DWV-B è stato scoperto per la prima volta nel 2001, decenni dopo la prima apparizione del DWV-A, suggerendo che si trattasse di un nuovo virus per le api mellifere europee o che fosse limitato a luoghi specifici in passato e che sia stato scoperto solo più tardi.

È possibile che il ceppo DWV-B fosse già presente in alcune popolazioni di api europee prima del suo arrivo in Asia, e che l’acaro Varroa abbia fornito un nuovo metodo di trasmissione. In alternativa, il ceppo DWB-B potrebbe essere stato acquisito da un altro ospite dopo il cambio dell’ospite di Varroa o attraverso la contaminazione di campioni di laboratorio utilizzati in studi di ricerca.

È interessante notare che si è verificato un aumento del DWV-B in Europa e Nord America e, allo stesso tempo, un aumento della prevalenza dell’acaro Varroa in queste regioni. Gli scienziati affermano che il lavoro futuro dovrebbe indagare sulle origini del DWV-B per comprendere meglio come i nuovi virus entrano nell’ecosistema delle api Varroa.

La ricerca sul virus delle api condotta da Nonno Hasegawa è stata descritta sulla copertina di PNAS

La ricerca di Nonno Hasegawa sulle origini del virus globale delle api le è valsa un posto sulla copertina di PNAS.

READ  Tassi epidemici di disturbi alimentari tra le donne

Nono ha sottolineato l’importanza di fornire habitat adeguati per altri impollinatori chiave. “Sebbene le api mellifere europee siano buone raccoglitrici e possano aiutare nell’impollinazione di massa, possono superare gli impollinatori autoctoni come pipistrelli, farfalle, falene e altre api”, ha spiegato. “La monocoltura, la pratica di coltivare un singolo raccolto su una vasta area, può avere impatti negativi sugli impollinatori e sull’ambiente. Dobbiamo conservare gli impollinatori autoctoni coltivando piante autoctone ed evitando l’introduzione di specie invasive”.

I risultati di questo studio possono fornirci una comprensione più profonda di come nascono, si diffondono e come gestirli.

/Liberazione generale. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle dell’autore(i). Visualizza integralmente qui.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News