SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Si, Oui, Hai: interpretare la gioia e il dolore ai Giochi di Tokyo | Gli sport

TOKYO (AFP) – Chiedigli quante lingue parla e Alexander Ponomarev risponde: “Se intendi capire me stesso, ho perso il conto”.

non. Ponomarev parla russo, ucraino, inglese, tedesco, spagnolo, francese e danese. Si ottiene in svedese, portoghese, italiano e norvegese.

Ah, ma che dire dei giapponesi?

“Muzukashi”, che significa “difficile” in giapponese, ha risposto Ponomarev, e potrebbe essere interpretato nel senso che parla poco.

Beh, nessuno è perfetto.

Ponomarev è l’interprete principale per i Giochi di Tokyo, supervisionando un equipaggio di quasi 100 interpreti che portano gioia olimpica e crepacuore olimpico in una calibrata cacofonia di 11 lingue: giapponese, inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo, italiano, arabo, cinese, coreano e portoghese.

Ponomarev ha lavorato alle sue prime Olimpiadi nel 2008 a Pechino e ha assunto la carica di presidente di Rio de Janeiro nel 2016. Sua madre aveva iniziato a imparare la lingua, contrabbandando DVD di film americani nella vecchia Unione Sovietica. Le lingue si accumulano una per una.

Ha spiegato: “Quando qualcuno entra in una stanza piena di interpreti e c’è qualcuno che non parla lingue, sembra una Torre di Babele. Puoi vedere persone che parlano allo stesso tempo in tutti questi dialetti e lingue e usando parole strane. Potrebbe sembrare assurdo, ma in realtà non lo siamo.”

Cosa sono a Tokyo occupati.

La maggior parte lavora nel centro stampa principale in una stanza piena di cavi con 20 cabine di traduzione allineate alle pareti. Fili, monitor e programmatori di computer incollano le loro parole in una rete. Gli stand sono decorati con l’arte giapponese di maestri famosi come Hokusai e portano etichette come JPN o ENG per indicare quali lingue vengono lavorate.

READ  Aggiornamenti live delle Olimpiadi di Tokyo: Matildas vs Svezia per un posto in finale

A differenza delle precedenti Olimpiadi, tutte le interpretazioni vengono fatte a distanza. Le conferenze stampa da postazioni remote sono inserite nel centro del centro stampa. Circa dozzine di interpreti non sono nemmeno nel paese, e vengono dalle Americhe o dall’Europa per occuparsi di eventi notturni in Giappone.

Le loro traduzioni simultanee sono accessibili in tutte le sedi olimpiche sull’app. Ciò elimina gli interpreti che sono limitati nel traffico che vanno da qualche parte e non è più necessario distribuire dispositivi di traduzione portatili.

“Siamo sempre qui nel centro stampa, a guardare l’azione in TV proprio come tutti gli altri”, ha detto la traduttrice tedesca Andrea Hoffmann-Miller. “A Rio, abbiamo dovuto prendere l’autobus solo per quattro ore per arrivare al posto dove nuotare. E nel mio caso, se un atleta di lingua tedesca non ha vinto, abbiamo trascorso otto ore sull’autobus per niente”.

Ponomarev ha notato che le differenze culturali influenzano la lingua. può nominare un oratore del portoghese brasiliano a un brasiliano e un oratore del portoghese peninsulare a un portoghese; Lo stesso vale per lo spagnolo, parlato in modo diverso in 20 paesi.

Un visitatore che quel giorno entrò nel suo ufficio scoprì che Ponomarev parlava spagnolo con un accento spagnolo. Stava parlando con un argentino, un venezuelano e un altro spagnolo. Parlavano tutti la loro stessa marca di spagnolo, e più volte è scivolato in francese.

“Quando hai quattro o cinque interpreti nella stanza e tutti condividono almeno due o tre lingue, passano automaticamente avanti e indietro”, ha spiegato Ponomarev. “La conversazione inizia in una lingua e poi si sposta rapidamente in un’altra solo perché un’altra lingua è più adatta per parlare di un determinato argomento”.

READ  Max Verstappen domina ancora per vincere il Gran Premio di F1 della Stiria mentre Daniel Ricciardo fatica

Per un poliglotta, passare da una lingua all’altra sembra più naturale che restare in una sola, come un musicista che suona più strumenti. Ad esempio, ha usato la parola tedesca “shadenfreude” che significa piacere dalla sfortuna degli altri.

“Questo tipo di parola esiste solo in tedesco e sarebbe difficile esprimere questo concetto in inglese. Allo stesso modo, ci sono concetti che esistono solo in Russia e non li trasmettiamo bene in nessun’altra lingua. Per evitare lunghe descrizioni, passiamo a un’altra lingua e le persone le capiranno subito.

Ha detto che tutti gli interpreti che lavorano con lui si erano preparati prima delle Olimpiadi, studiando le sfumature del judo o le vicissitudini del pentathlon moderno. Ma può essere un po’ confusa, soprattutto in eventi nuovi come il surf e lo skateboard.

“Questi sono giovani e hanno le loro parole”, ha detto. “Se qualcuno dicesse ‘l’onda è cattiva, amico’, significa che le onde erano fantastiche.”

Ponomarev e molti dei suoi dipendenti hanno lavorato a eventi politici di alto livello come il G-20 o il World Economic Forum, che sono molto più difficili delle Olimpiadi.

“C’è una grande varietà di persone – presidenti, reali, politici, influencer che sono interessanti, lo chiami”, ha detto.

A volte, le cose possono diventare molto delicate alle Olimpiadi. Hoffman Miller ha quasi pianto mentre parlava dei Giochi invernali del 2010 a Vancouver, poiché il georgiano Luger Nodar Kumaritashvili è morto durante un allenamento prima della cerimonia di apertura. Ha perso il controllo di questa slitta e ha colpito un palo d’acciaio vicino alla pista.

“Sono stata scelta per fare l’intervista stampa per questo, ed è stato un evento molto triste e non lo dimenticherò mai”, ha detto. “È stato molto commovente ed è stato davvero difficile per tutti noi seduti sul palco a rispondere alle domande della stampa e a tenere bassi i nostri sentimenti”.

READ  Xhaka alla Roma di recente, l'Arsenal prende di mira la mossa di Renato Sanchez, la lotta di Isak con il Real Madrid, Ben White è costato £ 50 milioni

L’interpretazione è, dopo tutto, più arte che scienza: una disciplina che richiede abilità, sì, ma anche una forte dose di umanità. Ponomarev e il traduttore tedesco Hoffmann Miller hanno riconosciuto di incoraggiare o simpatizzare con gli atleti in caso di sconfitta.

“Siamo tutti assolutamente entusiasti di questi atleti”, ha detto Ponomarev. “Perché quando spieghi, sei nella testa di qualcun altro. Non interpreti le parole, interpreti il ​​significato. E quando sei nella testa di qualcun altro, inizi a entrare in empatia”.


Altre Olimpiadi AP: https://apnews.com/hub/2020-tokyo-olympics e https://twitter.com/AP_Sports