SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Perché i prezzi delle case australiane sono ancora in aumento nonostante il Covid?

Invece di crollare durante il Covid, il mercato immobiliare australiano è esploso e c’è un tipo di proprietà molto richiesto.

Nella lunga storia dell’Australia, boom e crolli sono stati parte integrante della vita nella nostra grande terra del sud.

Dalla corsa all’oro del 1850 a una lunga lista di boom dei prezzi delle materie prime, l’Australia ha goduto a lungo della gioia che deriva da un’economia in forte espansione e dal dolore degli inevitabili crolli.

Quando l’oro fu trovato nel Nuovo Galles del Sud e nella regione del Victoria nel 1850, le comunità agricole molto piccole divennero fiorenti cittadine da un giorno all’altro. Sia gli australiani che gli immigrati affollano queste città, tutti cercando di arricchirle, con alcuni dei loro discendenti che rimangono lì fino ad oggi.

Come risultato di questa corsa nelle regioni, il costo degli immobili e dei beni in queste regioni è aumentato, poiché l’aumento del numero di cercatori e altri nuovi entranti ha spostato l’equilibrio tra domanda e offerta in queste piccole città un tempo tranquille .

Nei prossimi 170 anni, questa corsa nei territori si ripeterà più e più volte, risultando più o meno nelle stesse condizioni dell’Australia regionale nell’era della corsa all’oro.

Avanti veloce al presente, ed è chiaro che l’Australia sta ancora una volta recuperando terreno con l’ennesimo boom che è sorto almeno in parte dall’enorme squilibrio tra domanda e offerta, questa volta nel paese mercato immobiliare.

Quando la pandemia ha portato per la prima volta l’Australia in isolamento, c’era da aspettarselo La domanda di immobili diminuirà drasticamente, con le banche Big Four che avvertono di un crollo fino al 32% dei prezzi delle case in quel momento.

READ  I profitti sono diminuiti del 91% presso la Bank of America Europe con sede a Dublino

Ma questo non doveva essere.

Il boom immobiliare epidemico in Australia

Tra una combinazione di tassi di interesse record bassi, fattori guidati dalla pandemia come lavorare da casa e il desiderio di più spazio e vari programmi di stimolo del governo, la domanda di immobili è effettivamente salita ai massimi storici.

A causa di questi vari fattori, nonché della pandemia che ha spinto molti proprietari di case a riconsiderare il proprio elenco di proprietà, Il mercato immobiliare del paese Si trova effettivamente nel bel mezzo della propria atmosfera da corsa all’oro.

A livello nazionale, i nuovi volumi di quotazione sono diminuiti in modo significativo durante il 2020 e all’inizio del 2021, portando il numero totale di proprietà sul mercato ben al di sotto della media del decennio dall’inizio della pandemia.

Quando questa offerta limitata di immobili sul mercato è stata combinata con i massicci livelli di domanda causati dalla pandemia, ha portato alla crescita più rapida dei prezzi delle case dagli anni ’80.

Ma questa è solo una parte della nostra storia.

Quando si approfondiscono i dati, le cause del boom attuale diventano più chiare, come fa lui Debolezze che il mercato immobiliare potrebbe incontrare in futuro.

Numeri nazionali

Dopo che l’Australia è emersa dal primo round di lockdown lo scorso anno, il desiderio di più spazio e di un cortile è diventato improvvisamente una necessità per molte famiglie.

Cose come lavorare da casa e lo spazio per far giocare i bambini hanno reso inaccettabili le attuali modalità di vita di molte famiglie in unità o appartamenti, poiché gli australiani si sono adattati al nuovo mondo colpito dalla pandemia.

READ  Italia e Spagna aiutano a tirare fuori la zona euro dalla recessione | Euro-zona

Di conseguenza, la domanda di case autonome, in particolare quelle con cortili di dimensioni ragionevoli, è alle stelle e, come ci si aspetterebbe, il numero di tali case sul mercato è diminuito drasticamente.

Secondo il fornitore di dati sui prezzi delle case CoreLogic, nell’agosto 2018 c’erano 153.803 case in vendita a livello nazionale. Alla fine di agosto di quest’anno, ora ci sono solo 88.872 case, in calo di oltre il 42%.

Alcuni di voi potrebbero chiedersi perché sia ​​stato scelto agosto 2018 invece di agosto 2019, a causa dell’impatto delle elezioni federali di maggio 2019 sulla distorsione dei dati.

Anche le unità hanno visto un calo di poco più del 25%, ma non hanno visto nemmeno lontanamente lo stesso livello di domanda delle case.

Tuttavia, a seconda della capitale che stai guardando, la loro esperienza nel mercato immobiliare può essere molto diversa, in particolare Melbourne e Perth.

A Melbourne, il numero di unità sul mercato ha invertito la tendenza nazionale aumentando dell’1,9% rispetto a questa volta nel 2018, a causa del prolungato blocco della città.

A Perth, il numero di unità è diminuito solo del 2,6% rispetto a un calo del 25,4% a livello nazionale.

Il boom della corsa all’oro e il crollo della corsa all’oro?

Allo stato attuale, il boom immobiliare in corso sembra destinato a continuare, soprattutto una volta che i blocchi saranno inevitabilmente revocati nel NSW e nel Victoria.

Anche con un minor numero di acquirenti della prima casa a causa dell’aumento dei prezzi fuori mercato, il numero di investitori che acquistano sul mercato continua a crescere sempre più.

Ma a lungo termine, il destino di questo boom sarà deciso dalla forza della domanda una volta che i fattori guidati dalla pandemia finalmente svaniranno.

READ  Settore agricolo chiave per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030: Tomar alle Nazioni Unite

Per alcune aree come la costa settentrionale del NSW, dove la domanda è probabilmente aumentata in modo permanente, l’effetto può essere relativamente attenuato.

Ma in altre aree regionali, lo stesso ciclo di espansione e contrazione che ha caratterizzato l’Australia per più di 170 anni potrebbe ripetersi ancora una volta.

Per quanto riguarda le previsioni a lungo termine delle capitali, la metaforica “Magic 8 Ball” può attualmente rispondere solo “Chiedi più tardi”.

Con l’incertezza che probabilmente rimarrà alta per il prossimo futuro, ci sono molte possibilità sul tavolo da tutto lo spettro.

Ci sono molte previsioni e teorie, ma se gli ultimi 18 mesi ci hanno insegnato qualcosa, potresti avere più fortuna con un pezzo di carta e un bersaglio per le freccette.

Tarek Brooker è un giornalista freelance e commentatore sociale | Tweet incorporato