Aprile 10, 2021

SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’Italia lancia ‘Hydrogen Valley’ per rafforzare la catena di fornitura – PV Magazine International

La società di ricerca italiana ENEA prevede di costruire una “valle dell’idrogeno” da 14 milioni di dollari nella provincia di Roma. rivista pv Giorgio Gratiti, direttore delle tecnologie energetiche e delle risorse rinnovabili, ha parlato con e ha scoperto che il progetto include anche la produzione di idrogeno da fotovoltaico.

L’ENEA, Istituto Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile, sta sviluppando una ‘valle dell’idrogeno’ nella provincia di Roma – una comunità energetica basata su un ecosistema dell’idrogeno che copre un’area di circa 100 ettari, da cui il fotovoltaico, compresa la produzione di idrogeno, può essere testato su elettroliti innovativi Istituzione di una pipeline di 1 km per trasportare idrogeno puro e una seconda pipeline per la miscelazione di idrogeno e metano, ma integrazione di tecnologie di uso finale come le celle a combustibile.

“L’obiettivo è lanciare un ecosistema per l’economia dell’idrogeno, che dovrebbe essere un punto di riferimento critico a livello nazionale per la ricerca, l’innovazione e il trasferimento tecnologico, ma soprattutto per i settori industriali legati all’idrogeno”, ha detto Giorgio Gratiti, direttore del Dipartimento di Energia Tecnologie ed Energie Rinnovabili all’ENEA. rivista pv, Una parte dell’idrogeno è prodotta da un impianto fotovoltaico collegato ad un elettrolizzatore da 200 kW.

Hydrogen Valley fa parte della strategia “Mission Innovation”, con 24 Stati membri e la Commissione europea che si impegnano a raddoppiare i finanziamenti pubblici per la ricerca. I finanziamenti provengono direttamente dai paesi membri.

Elettrolizzatori

A Million 14 Million Hydrogen Valley, l’ENEA installerà un elettrolizzatore commerciale alcalino o polimero e cercherà elettrolizzatori avanzati.

“Stiamo lavorando a soluzioni avanzate per aumentare l’efficienza di conversione e il tempo di funzionamento degli elettrolizzatori, caratteristiche importanti su cui dobbiamo intervenire”, afferma Graditi, riferendosi alla consolidata elettrolisi di alcali e polimeri, ma elettrodi AEM come membrane a trasferimento anionico o elettrolizzatori ad alta temperatura Adozione di tecnologie.

READ  Dante d'Italia otterrà giustizia 700 anni dopo la sua morte?

Mentre gli elettrolizzatori odierni raggiungono una capacità di circa 200 MW, Graditi ha spiegato che almeno 1 gigawatt di elettrolizzatori dovrebbe essere disponibile entro il 2025. Ciò significa ridurre i costi di installazione di $ 400-600 per kilowatt e 50 kW / kg di elettricità per gli elettrolizzatori che funzionano a basse temperature.

Il progetto utilizzerà fondi italiani nell’ambito della Mission Innovation Initiative. “L’Italia ha una notevole esperienza in questo campo”, ha confermato Graditi. “Pensa a SOLIDpower, celle a combustibile e Denora e Nuvera per gli elettrolizzatori. L’Italia può giocare un ruolo importante in questo gioco, che si avvale di una filiera industriale già pronta e di centri di ricerca di rilevanza internazionale, dove sarà fondamentale una chiara direzione politica, una tecnologia verde che possa essere sviluppata secondo il principio della neutralità tecnologica e un’azione nazionale integrata. “

Secondo Graditi, gli investimenti potrebbero avere ripercussioni anche sulla produzione di pannelli fotovoltaici in Italia. “Un’economia dell’idrogeno contribuirà ad aumentare la produzione nell’UE di moduli fotovoltaici necessari per generare energia rinnovabile per i generatori elettrolitici”, ha affermato. “Pertanto, anche in Italia, possiamo vedere il rilancio delle catene di produzione di blocchi fotovoltaici e lo sviluppo di quelle esistenti”.

Interesse europeo comune

ENEA è Consulente Tecnico Scientifico del Ministero dello Sviluppo Economico per IPCEI sull’Idrogeno (progetto chiave di comune interesse europeo). Ha individuato l’interesse di 150 aziende italiane disposte a collaborare. A livello nazionale, sta lavorando alla valutazione dei progetti proposti da queste aziende per costruire una filiera nazionale all’interno dell’ambiente europeo.

L’Italia parla con altri paesi europei, principalmente Germania, Francia, Paesi Bassi, Danimarca, Portogallo e Spagna. “Si tratta di cooperazione e di una visione comune per un’economia europea dell’idrogeno”, ha affermato Graditi. Al momento, sono in corso incontri a livello europeo con il dipartimento per lo sviluppo della Commissione, la Germania e la Francia per definire le prossime tappe per l’idrogeno IPCEI. La domanda ora è se le tecnologie semplici possono essere prioritarie o essere molto simili al quadro europeo. La Germania potrebbe essere il “paese leader”; Ciò porterà alla definizione di un documento europeo globale per IPCEI.

READ  A Spitfire, il Brunei guida l'Italia alla Coppa

Idrogeno verde o blu?

L’8 luglio 2020, la Commissione Europea ha introdotto la Strategia Europea sull’Idrogeno con un duplice scopo: da un lato, promuovere ed espandere l’uso dell’idrogeno come alternativa ai combustibili fossili, e dall’altro, dare la priorità alla produzione di idrogeno verde oltre alla decarbonizzazione, ma anche per la produzione a basse emissioni di carbonio. IPCEI e la Valle dell’idrogeno in Europa soddisfano gli obiettivi della strategia europea. La classificazione del colore dell’idrogeno dipende anche da altre discussioni in corso, come una serie di regole che definiscono quali investimenti sono verdi e quali no.

“Il nostro è un approccio tecnologicamente neutro perché dobbiamo considerare che tutti i processi di transizione devono essere graduali”, ha sottolineato Graditi. “L’obiettivo è senza dubbio l’idrogeno verde, ma tecnologie mature [that are] Una parte delle filiere produttive nazionali esistenti deve essere valorizzata e utilizzata per questa trasformazione. Questa è la condizione per l’idrogeno blu. Comprende diversi interessi nazionali come Eni, Sybem e Snm. “

Secondo Gradity, la competitività dell’idrogeno verde può essere raggiunta solo quando è inferiore a 2 per chilogrammo. Il raggiungimento di questi livelli dipende dagli investimenti privati ​​tramite IPCEI e altri investimenti europei in altri strumenti come l’idrogeno e i fondi di rimborso. “Il miglior periodo di cinque anni per raggiungere questo obiettivo impegnativo è il 2025-2030”.

Questo contenuto è protetto da copyright e non può essere riutilizzato. Se desideri collaborare con noi e riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: [email protected]