SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La mostra si concentra sulla convivenza dopo la pandemia

Mostra alla 17a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia a Venezia, Italia, sotto lo slogan “Come vivremo insieme?” FOTO DI XINHUA

Il tema portante della diciassettesima edizione della Biennale di Architettura di Venezia non potrebbe essere più appropriato in un momento di allontanamento sociale e quarantena causato dalla pandemia del Coronavirus: “Come vivremo insieme?”

L’evento, ufficialmente noto come 17a Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, si è aperto sabato e durerà fino al 21 novembre e prevede più di 60 padiglioni nazionali e 17 eventi collaterali separati.

La Biennale di Architettura era originariamente prevista per lo scorso anno, ma è stata ritardata a causa della pandemia.

Il Padiglione Nazionale della Cina è tra i più grandi e espone il lavoro di oltre 100 artisti e architetti cinesi. Nel frattempo, più di una dozzina di artisti e architetti cinesi esporranno le loro opere nel Padiglione di San Marino, la minuscola repubblica interamente circondata dalle terre italiane a sud-est della città italiana di Bologna.

Secondo Paolo Rondelli, Commissario Nazionale del Padiglione San Marino alla Biennale, l’iniziativa fa parte del “Progetto Amicizia”, un accordo firmato tra San Marino e la Cina nel 2015. Aiuta anche a celebrare il cinquantesimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra i due paesi.

“Abbiamo una lunga storia di forti relazioni con la Cina, e questa ala di Venezia fa parte di quella storia”, ha detto a Xinhua il parlamentare di San Marino Rondelli. “Il nostro obiettivo è aprire una finestra che faccia luce sul nostro Paese e su alcuni artisti di talento”.

Secondo lo scrittore e storico dell’arte italiano Matteo Altomari, apparire alla Biennale di Venezia è una caratteristica di qualsiasi artista o architetto.

READ  Il Pesaro Festival si prepara a un'uscita che non ha limiti di genere, durata o limiti di età

“La biennale è una delle più grandi mostre al mondo per la creatività in qualsiasi campo, che si tratti di arte, architettura, cinema, danza, teatro o molti altri campi”, ha detto Tumari a Xinhua. “La cosa bella è che è molto eclettica in termini di stili e culture rappresentate e tuttavia è sempre appropriata.”

Questa connessione è particolarmente evidente con il tema di quest’anno: come vivremo insieme? Un riferimento al mondo post-pandemico che arriva in un momento in cui molte parti del mondo si stanno lasciando alle spalle il peggio dell’epidemia.

“Nel contesto di forti divisioni politiche e crescenti disuguaglianze economiche, abbiamo chiesto agli architetti di immaginare gli spazi in cui potremmo vivere insieme generosamente”, Hashem Sarkis, Dean della School of Architecture and Planning al MIT e Curatore di questa Esposizione Internazionale di Architettura di l’Anno alla Biennale di Venezia ha detto prima dell’apertura della manifestazione.