SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

I nuovi francobolli USPS evidenziano la scienza del sole della NASA in tempo per l’estate

Alla fine di questo mese, il servizio postale degli Stati Uniti inizierà a rilasciare una nuova serie di francobolli contenenti immagini drammatiche del Sole dal Solar Dynamics Observatory della NASA.

Dalla sua posizione nell’orbita geostazionaria geosincrona, il Solar Dynamics Observatory (SDO) studia l’atmosfera e il campo magnetico del sole dall’inizio del 2010. La missione della sonda è di aiutarci a capire come funziona il campo magnetico del sole e le sue costanti emissioni di radiazioni. e la carica delle particelle, influenzano la vita e la tecnologia è qui sulla Terra (e in orbita).

“Le macchie solari, i fori coronali e gli anelli coronali, ad esempio, possono rivelare come questi campi magnetici danzano attraverso il sole e la sua atmosfera”, ha scritto USPS in una dichiarazione che annunciava la nuova serie di francobolli. “L’osservazione delle esplosioni di plasma e dei brillamenti solari può aiutarci a comprendere e mitigare l’impatto di tali esplosioni sulla tecnologia nello spazio”.

La serie contiene 10 copie a colori delle immagini SDO del sole nella sua forma più drammatica, disegnate da Antonia Alcala. SDO vede il sole in lunghezze d’onda ultraviolette, che non possiamo vedere (ma possiamo sicuramente sentire i suoi effetti), quindi la NASA ha assegnato falsi colori alle immagini. Sarà disponibile il 18 giugno. Ecco cosa cercare:

Macchie solari

In alcuni punti della superficie del sole, il forte campo magnetico del sole rallenta il processo di convezione che mantiene la materia calda in movimento verso la superficie dal profondo della stella. Questi punti relativamente freddi appaiono scuri contro la luminosità della corona del Sole, o strato più esterno, e sono facili da pensare come punti morti su una stella altrimenti attiva, ma in realtà sono luoghi con un’attività magnetica molto intensa e stanno dando origine per. Per fenomeni come anelli coronali, brillamenti solari ed esplosioni di plasma. Le macchie solari si muovono e cambiano costantemente, di solito per un periodo compreso tra diversi giorni e alcuni mesi.

Anelli coronali

Archi di gas ionizzato caldo e incandescente, chiamati plasma, si estendono per migliaia di chilometri nello spazio dalla superficie del Sole. Alla base del Sagittario, probabilmente troverai macchie solari in agguato. Il plasma è intrappolato sulle linee curve del campo magnetico del sole, quindi quando guardi un anello coronale, vedi il plasma intrappolato che illumina parte del campo magnetico del sole come una gigantesca stella al neon nello spazio. Questi archi di plasma possono collassare in pochi secondi, oppure possono mantenere la loro forma per diversi giorni prima che il campo magnetico si sposti e il gigantesco anello di plasma collassi nuovamente sulla superficie del Sole.

Torce solari

Questi intensi lampi di radiazione solare coprono l’intero spettro elettromagnetico, dalle onde radio ai raggi gamma. Quando sono abbastanza forti, i brillamenti solari possono a volte brevi comunicazioni e persino reti elettriche qui sulla Terra. I brillamenti solari sono prodotti dall’attività nel campo magnetico del sole e di solito esplodono da aree vicino agli ammassi di macchie solari.

Esplosioni al plasma

Queste esplosioni di gas caldi e plasma, chiamate anche espulsioni di massa coronale, si verificano con i brillamenti solari.

Fori coronali

Nelle regioni in cui la corona del Sole è più fredda della media (ma ancora molto calda), il plasma è meno denso e queste macchie dalla superficie del Sole appaiono più scure. La superficie del sole emette costantemente particelle cariche e radiazioni nello spazio – gli scienziati lo chiamano vento solare – ma il vento solare esce da queste aree scure a una velocità doppia rispetto alla media, perché è facile che le particelle fuggano dagli strati inferiori del sole attraverso lo strato relativamente sottile. Fori coronali del plasma.

READ  Quindi un elicottero ha sorvolato la superficie di Marte per la prima volta. Un fisico spaziale spiega perché questo è un grosso problema