SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Perché gli italiani pensano che il calcio “ritornerà a casa” se vincono?

“Sta andando a casa!” Il grido di una folla di tifosi inglesi nelle ultime settimane. Ma cosa significa in realtà “ritorno a casa” quando la squadra in questione non vince una coppa importante da 55 anni? Per molti – e per gli italiani in particolare – l’Italia è stata la vera patria del calcio dal 1966: vincitori dei Mondiali nel 1982 e 2006, vincitori dei Mondiali nel 1968 e due finalisti da allora, per non parlare della Serie A che produce squadre leggendarie con Squadre leggendarie. Una fanbase estrema, non c’è da meravigliarsi se gli italiani si considerano i veri fautori del bel gioco.

Molti degli aggettivi solitamente attribuiti agli italiani in generale possono essere facilmente usati per descrivere la squadra di calcio italiana: sofisticata, carismatica, intimidatoria, a volte melodrammatica, emotiva con un sacco di abilità e più di un semplice accenno di guancia. La squadra italiana è stata divertente da guardare dall’inizio di questo torneo (le partite di Austria e Spagna hanno mostrato la loro solida determinazione anche se giocate con meno stile), ma ecco il punto: tutte queste qualità di cui sopra possono valere ugualmente per la squadra inglese. Sono finite le noiose squadre difensive a cui gli italiani sono abituati, solo per essere sostituiti da qualcosa che assomiglia… beh, molto simile all’Italia.

Come guarderanno la partita gli italiani? A Roma, molti tifosi si dirigono al villaggio del calcio di Piazza del Popolo, luogo frequentato dai giovani per assistere a tutte le partite. Nel nord della città, Cinevillage Parco Talenti mostra la finale in un’arena solitamente utilizzata per serate di cinema all’aperto. Nel Parco della Cervelletta, l’associazione culturale Ragazzi del Cinema America sostituisce i film con un fiammifero.

READ  Sophia Loren riceve le chiavi di Firenze

Questa situazione si ripete su e giù per la penisola, con molte grandi città che mostrano il gioco nelle arene. Piazza Maggiore a Bologna ha ceduto rapidamente tutti i suoi posti per la partita. Tuttavia, a causa delle preoccupazioni per la pandemia, alcuni sindaci puntano al controllo della folla: il Duomo di Milano non ospiterà alcuno spettacolo, anche se le fan zone in tutti i siti della città lo faranno. Napoli, patria forse del tifoso più calcistico d’Italia, il comune non organizzerà nessuno spettacolo.

E che dire della mia città natale degli ultimi 30 anni, Venezia? Per noi in Piazza San Marco non esiste un maxischermo. Amici e famiglie si riuniranno, se possibile all’aperto, per assistere alla partita. Il tifoso veneziano da sempre Federico De Lazzari guarderà la partita con gli amici (e sua moglie britannica) e si godrà alcune birre europee nel loro giardino sul retro. Dice che tra i suoi compagni ossessionati dal calcio, nessuno prevede la vittoria dell’Italia, ma sottolinea che l’Italia è sempre stata più forte quando viene descritta come perdente. La cosa che ha notato sono stati i cambiamenti nei tifosi inglesi: gli italiani erano venerati per il loro senso del fair play, e i fischi durante l’inno nazionale della squadra avversaria a Wembley, per non parlare dell’incidente del laser contro la Danimarca, sono stati uno shock. E, naturalmente, molti amici italiani hanno commentato l’ironia della prospettiva di un’Inghilterra post-Brexit che vince l’euro.