SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Tra paradiso e inferno: cavalcando la frontiera alpina

Mezzo viaggio sull’angelico Col du Petit Saint Bernard in Francia e il demoniaco Colle San Carlo oltre il confine in Italia

Testi: Mark Bailey Fotografia: Juan Trujillo Andrades

“A metà del viaggio della nostra vita, mi sono ritrovato in una foresta oscura.”

Faticare sui ripidi pendii boscosi dei Colli San Carlo in Valle d’Aosta italiana, la linea di apertura della città di Dante Grande incendio Sembra stranamente appropriato. Il poeta italiano del XIV secolo, perso e spaventato in una foresta “selvaggia”, fu costretto a sopportare un viaggio allegorico attraverso l’inferno per rivedere il paradiso celeste.

In un certo senso so come ci si sente, mentre lottavo con ansia sotto un baldacchino scuro di imponenti abeti rossi e pini cercando di raggiungere una vetta illuminata dal sole che non potevo più vedere.

Non sono esattamente i Nove Cerchi dell’Inferno, ma i 30 tornanti simili a scogliere che devo affrontare sembrano abbastanza cupi nel caldo della giungla. La salita di 1.971 metri del Collie San Carlo potrebbe essere sconosciuta rispetto ai grandi del Giro d’Italia, ma la pendenza media dura del 10% su una distanza di 10,5 km la colloca nella stessa lega dell’ascesa di una cotta per l’anima come Mortirolo (10,5% su 12,4 km)).

Durante il suo viaggio all’Inferno, Dante vede un’iscrizione minacciosa sopra le porte dell’Inferno: “Abbandonate ogni speranza, voi che entrate qui”. I segni chilometrici in legno che ho superato danno dichiarazioni simili: 11,45% di pendenza in avanti; 7,5 km ancora da percorrere.

I quadricipiti ei polpacci si trasformano lentamente in pietra. Dall’inizio alla fine, questa salita spietata non offre tregua dalle sue gradazioni mortali per ravvivare le mie gambe. Quindi questo è l’aspetto del purgatorio.

Quando finalmente scappo dall’oscurità dei boschi ed esco, inzuppato di sudore, in cima, prendo il demone che mi ha attirato qui, la mia guida locale, Edward. Mi sorride da dietro gli occhiali di colore rosso, che danno ai suoi occhi lo stesso bagliore ardente di Lucifero.

Avrei bisogno di una scatola di qualcosa di freddo e zucchero prima di poterlo perdonare. Mentre ero sdraiato su un muro di pietra, a fissare il cielo limpido, non ho visto i raggi del sole nel cielo ma le luci danzanti, le vertigini e la disidratazione.

Raid di confine

La mattina del nostro viaggio, mentre mettiamo le bici al sole, il filmato di Edward sembra decisamente angelico. Ieri siamo stati trattati al possente Col de l’Iseran – 2.764 metri su una strada asfaltata nelle Alpi – e il suo suggerimento della brezza per la corsa di oggi dà l’impressione che sarà una giornata per recuperare, quindi non preoccuparti.

Siamo nella località sciistica di Val d’Isere nella Valle Tarentaise in Francia, ed è un’ottima base da cui partire per esplorare le Alpi italo-francesi.

La città abbraccia il fiume Iser, circondata da piste da sci e foreste incontaminate. Edward suggerisce di iniziare con il Col du Petit St Bernard di 2.188 metri, quindi saltare attraverso il confine in Italia, prima di saltare la scalata nascosta e sconosciuta del Colle San Carlo.

Il nostro percorso, dice, ci permetterà di esplorare le vette ghiacciate della Savoia nel Rodano-Alpi, famose per le sue stazioni sciistiche e il formaggio Ribluchon, prima di immergerci nella serena valle italiana di Aosta, un mondo di montagne fortificate, polenta golosa e aria dei boschi. Hai un aspetto poetico.

READ  Quando Raj Kapoor, Dev Anand ha incontrato il padre di Charlie Chaplin

Usciamo presto dal nostro chalet con il profumo della crema solare e del lubrificante per corde per annusare l’aria fresca dell’alba. L’inizio del viaggio è stato esaltante poiché abbiamo calato 1.000 metri dalla Val d’Isere (1.850 metri) alla Torre di San Maurizio (815 metri) a una distanza di 30 chilometri.

Attraversiamo lo splendido tratto del Lago de Chevrell e la diga di Tine e attraversiamo tunnel punteggiati di cascate che attraversano le fauci cadenti delle montagne.

Pendii di roccia bianca sono visibili sui fianchi delle montagne, che a volte sono tappezzati di una fitta giungla e talvolta si arrampicano con skipass finemente scolpiti.

La leggera pendenza della discesa ci invita ad aumentare la velocità e dobbiamo fermarci per tirare le giacche e scaldare il braccio perché l’ombra della montagna e il vento freddo ci fanno rabbrividire.

Si è tentati di attraversare tutte le città della valle, ma vale la pena rallentare per godersi le tradizionali case in pietra e legno in stile Savoia di Santi Foy Tarentes.

Soprattutto, il lento viaggio attraverso i graziosi villaggi mi dà più tempo per respirare il meraviglioso aroma del pane che emana dalle mie boulangerie.

Santi e paesaggi

Nella città di Séez, ai margini del Parco Nazionale della Vanoise, giriamo a destra e ci avventuriamo lungo i pendii inferiori del Col du Petit St Bernard. Con un’altitudine di 1.382 metri a una distanza di 26 chilometri, la lunghezza della salita è la sfida qui, non la pendenza stessa, che è in media un moderato 4,6%, anche se con alcune parti che mordono le gambe all’8% e al 15%.

Con oltre 20 ampi tornanti in salita, godiamo rapidamente di una vista mozzafiato sulla valle boscosa di Isir, dove borghi, campi patchwork e il filo d’argento abbagliante del fiume si trovano sotto le torri grigie delle montagne.

La salita inizialmente sale attraverso i terreni agricoli, ma lo scenario cambia drasticamente dopo aver superato la stazione sciistica di La Rosière. Questa è la porta d’accesso a paesaggi di aspre vette, campi rocciosi, scogliere e laghi d’inchiostro. Qui lo schema grigioverde è rotto solo dal luccichio di alcuni splendidi pendii neri, che brillano come la pelle appena lucidata.

Il Col du Petit St Bernard ha avuto un importante punto d’appoggio strategico nel corso della storia, con gli eserciti di Giulio Cesare, Annibale e Napoleone che hanno attraversato la vetta.

Prende il nome da San Bernardo da Mentone, che vi aprì una casa per anziani nel 1050 per fornire un rifugio sicuro ai pellegrini in viaggio verso Roma. L’ospizio è caduto in rovina ma da allora è stato ricostruito e ora offre cibo e riparo ad escursionisti e ciclisti affamati.

Fare clic per iscriversi

Il passo apparve per la prima volta al Tour de France nel 1949, quando la leggenda italiana Gino Bartale raggiunse la vetta in testa alla corsa. Da allora, è apparso altre tre volte, l’ultima nel 2009, quando l’italiano Franco Bellezotti ha guidato il passo per assicurarsi la maglia a pois, solo per essere spogliato in seguito per ragioni dolorosamente familiari a un tifoso professionista. sport.

READ  Coppie di film che non si sopportano nella vita reale

In vetta, ci fermiamo per un pranzo al Bar du Lac, che serve piatti rustici di pasta e polenta, e passeggiamo nelle acque scure del Lago Verney.

Da qui possiamo vedere cime grigie che corrono verso il lontano orizzonte e testimonianze di un cerchio di pietre di 72 metri di larghezza risalente all’età del ferro. Vicino alla cima, il guidatore di una decappottabile Mercedes classica ma lunatica richiede una partenza spinta. Kit di lusso, motore sfuggente – Conosco la sensazione.

Il lavoro italiano

Solo una bandiera blu conservatrice delinea i confini, e iniziamo la corsa verso l’Italia con un mucchio di tornanti stretti. Spesse linee elettriche e funivie attraversano la valle, come se le montagne vicine stessero giocando a culla di gatti giganti. Sono lento a godermi la vista delle ombre delle nuvole che strisciano attraverso le ricche e verdi vallate sottostanti.

Presto arriviamo nella città da cartolina di La Thuile. Con i suoi hotel dai colori pastello, elegantemente dipinti, bandiere svolazzanti e un sontuoso sfondo di montagne, potrebbe essere direttamente dal set del film di Wes Anderson.

Da qui possiamo avvicinarci direttamente al Colle San Carlo attraverso la sua salita a sud-ovest, ma Edouard suggerisce che sarebbe meglio continuare l’escursione di 15 chilometri in discesa a Morgex e poi tornare due volte per affrontare la salita dal suo più ripido approccio nord-orientale. Mi arrendo senza pensare.

Arrivati ​​alla prima parte della salita, ho capito cosa mi ero permesso di fare. Questo è essenzialmente un allenamento intenso che si traveste da una svolta ammaliante.

La gamma di colori del 10% è grezza e senza compromessi e il calore intenso di quella foresta oscura, in stile dantesco, non fa che aumentare il calvario. Ricordo quanto ho vissuto la Grande Ascensione di Jiao nelle Dolomiti – il 9,1% in più di 10,1 km di distanza – e mi rendo conto che questa salita è ancora più difficile.

Non offre pietà. Immergiti in un ritmo, abbassa la testa e sparisci in una nebbia di dolore e insicurezza. Alcuni graffiti divertenti – Sopra la polenta conciata – Promette di soffrire i ciclisti con ricche ciotole di polenta in alto.

Quando finalmente è arrivata in vetta, fradicia d’acqua e ansimante, anche il super-fit Edward sembrava aver lottato sulle pendici del Collie San Carlo.

Da questo nobile punto di vista, torneremo a La Thuile per concludere il nostro viaggio. Sarebbe possibile completare un epico viaggio di andata e ritorno di 170 km in Val d’Isere ma con le colline e il caldo, questo tratto di 101 km a senso unico sembra più che sufficiente.

Mentre ci rilassiamo all’ombra, tutto il dolore si dissolve e iniziamo ad assorbire i panorami dalla vetta. Non sono sicuro di poter gestire una ciotola fumante di polenta in questo momento, ma lo scenario della soleggiata Valle d’Aosta è abbastanza fresco.

• Cerchi ispirazione per la tua avventura in bicicletta estiva? Tour dei ciclisti Centinaia di voli tra cui scegliere

Il ritorno del santo

Segui la nostra storia su due arrampicate

Per scaricare questo percorso, vai su cyclist.co.uk/103bernard. Questo percorso di 101 chilometri inizia da un punto all’altro nella stazione sciistica francese di Val d’Isère e porta al Col de Petit Saint-Bernard e al Colle San Carlo. Dirigiti a nord lungo la D902, oltre la diga di Tignes e la città di Saint-Foy-Tarentaise, quindi svolta a destra a Séez per unirti alla D1090 su e sopra il Col du Petit San Bernard.

READ  Zlatan, trailer, troupe e data di uscita del film di Ibrahimovic

Attraversare il confine con l’Italia, quindi sbarcare sulla SS26 per La Thuile. Scendi a Morgex prima di ridimensionare 39 riyal per affrontare Collie San Carlo. Questo percorso termina a La Thuile, ma se hai tempo e forma puoi completare un epico anello di 170 km per tornare in Val d’Isere.

Giro del fantino

Trek Émonda SLR 8 Disc 2018, £ 5.599, trekbikes.com

Per il 2021, c’è una nuova Émonda sul blocco che promette di essere più veloce e più bella. Ma significa semplicemente che presto sarai in grado di catturare questo precedente modello del 2018 per una storia, e viene comunque fornito con tutti i benchmark delle prestazioni che potresti desiderare su una bici da arrampicata.

Sebbene sia dotato di freni a disco, l’intero pacchetto pesa solo 6,65 kg, il che è a dir poco impressionante. Aggiungi un telaio solido e sicuramente non avrei potuto fare di più per aiutarmi a sollevare il Collie San Carlo, il che significa che stavo solo incolpando me stesso. Sulle piste ha dimostrato di rispondere in modo rassicurante e sui tratti pianeggianti nel mezzo fa del suo meglio per smorzare le vibrazioni provenienti dalla strada, con l’aiuto di pneumatici da 28 mm.

C’è un aspetto pulito e essenziale di Émonda – anche la vernice è intenzionalmente sgradevole – che fa sembrare questa bici una macchina da prestazione pura. Proprio quello che ti serve per una giornata sulle Alpi.

Acquista ora la Trek Émonda SLR 8 Disc

Come l’abbiamo fatto

Viaggio

ciclista Volare con easyJet, che ha voli da Londra a Ginevra o Lione a partire da circa £ 60 andata e ritorno (tariffe pre-chiusura). Il carrello della bici parte da £ 90 per la restituzione se prenotato in anticipo. Si tratta di circa tre ore di macchina da Ginevra a Val d’Isère. Il nostro veicolo di supporto alla corsa fornito da SnowDrone (snow-drone.com), Che fornisce anche un servizio di navetta aeroportuale privato.

Controlla subito i voli da Londra a Ginevra su Expedia

Alloggio

Abbiamo soggiornato all’Hotel La Tovière 3 stelle in Val d’Isere (hotel-latoviere.fr). L’hotel è bike friendly, con depositi per biciclette, sauna e bagno turco per favorire il recupero e un ottimo ristorante. Le camere costano da 59 euro (colazione esclusa).

Prenota subito il tuo soggiorno all’Hotel La Toviere su Booking.com

grazie

Siamo stati guidati dall’eccellente Edward Rowland di On Gravity, con sede a Tignes, a breve distanza dalla Val d’Isère. Le visite guidate costano a partire da € 100 al giorno e includono il noleggio bici e casco. Chiama +33 (0) 603886311 per i dettagli.

ciclista È stato ospite dell’Assessorato al Turismo della Val d’Isere (valdisere.com). Mille grazie a Rosie, Kerstin e Cecile per il loro aiuto nell’organizzazione del viaggio.