SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Ristoranti a Roma protestano contro le chiusure italiane

Postato su: Modificata:

Roma (AFP)

Centinaia di persone hanno protestato lunedì nella capitale italiana contro la chiusura dei ristoranti per diverse settimane a causa di Covit-19, restrizioni che molte preoccupazioni continueranno ad aprile.

Le proteste dei proprietari di ristoranti e altri a Roma sono le ultime di una serie di proteste anti-blocco in tutta Italia, tra cui una manifestazione di negozianti a Napoli sabato e una protesta simile da parte dei ristoranti della capitale la scorsa settimana.

Sotto il cielo piovoso, la polizia antisommossa ha arrestato i manifestanti in una piazza centrale dopo averli bloccati da un’area fuori dal Palazzo CG, l’ufficio del primo ministro.

I membri di estrema destra hanno sventolato la bandiera triangolare dell’Italia e si sono uniti alla lotta, lanciando bottiglie, fumogeni e bombe lampo contro i pacchetti.

Rinchiusi in tutta Italia durante le vacanze di Pasqua, tutti i ristoranti, i bar e le caffetterie sono stati chiusi ad eccezione del servizio da asporto.

L’allentamento delle restrizioni in alcune regioni d’Italia non include la riapertura dei ristoranti, che ora dovrebbero chiudere entro la fine del mese.

Un manifestante, che ha dato il suo nome come Marricio, ha detto che il suo ristorante aveva fallito.

“Vorrei dire al ministro (della Salute) Speranza:” Taglia il tuo stipendio dell’80% e vedremo quante di queste persone lo faranno “, ha detto. “Perché non posso mantenere la mia azienda aperta in questo modo.”

Giovedì, il primo ministro Mario Draghi ha dichiarato di sperare entro la fine del mese di allentare alcune misure anti-governative, come i divieti sui pasti al ristorante. Ma ha dovuto aspettare nuovi dati sanitari prima di decidere.

READ  "Looking for Italy" di Stanley Ducey: come cercare in Australia

Nel frattempo, il ministro della Salute Roberto Speranza ha ribadito di essere “estremamente cauto” in quanto aveva registrato 9.789 nuovi casi di coronavirus e il bilancio delle vittime si avvicinava ai 115.000.

“A maggio, a seconda dei parametri dell’epidemia e del potenziale di vaccinazioni fragili … potrebbero esserci le condizioni per meno misure di controllo”, ha detto domenica a Repubblica.

Durante una manifestazione a Napoli nel fine settimana, decine di negozianti hanno indossato biancheria intima durante una protesta contro la chiusura prolungata delle loro attività.

Hanno denunciato quella che vedevano come l’ingiustizia del governo – permettere ad alcuni negozi di rimanere aperti – vendere biancheria intima come un articolo “essenziale” – mentre altri hanno insistito perché fosse chiusa.