SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

L’esempio di Trump che suona in Asia, il mondo deve intervenire

I due fronti – l’opposizione civile da una parte e gli eserciti etnici dall’altra – sono troppo per il regime. Temendo proprio questo, il Tatmadaw richiese negoziati con gli eserciti etnici. Questo è stato rifiutato. Quindi l’Air Force iniziò invece a bombardarli.

Allo stesso tempo, è aumentata anche la violenza dei militari contro i manifestanti civili. L’ultima escalation dell’esercito è avvenuta venerdì. Era già abbastanza brutto che le forze avessero sparato a folle di manifestanti pacifici per settimane e, peggio ancora, iniziarono a ordinare ai cecchini di sparare alla testa a civili disarmati.

Ma venerdì l’esercito Ha lanciato un’incursione all’alba In un campo di protesta nella vecchia capitale di Pago, hanno sparato con giochi di ruolo e mitragliatrici contro manifestanti disarmati. Quella mattina ne uccisero almeno 80, il più grande massacro da quando hanno iniziato il loro colpo di stato. Uccidi il Tatmadaw Più di 600 civili in totaleSecondo il gruppo di controllo.

I due movimenti di resistenza stanno formalizzando la loro alleanza: “Aspettiamo ogni giorno l’annuncio della formazione di un governo di unità nazionale”, afferma Chris Sidoti, ex commissario australiano per i diritti umani e uno dei tre membri di un gruppo internazionale di esperti che si fa chiamare il Consiglio consultivo speciale per il Myanmar.

Il “governo di unità” includerà la Lega nazionale per la democrazia di Aung San Suu Kyi e membri eletti del parlamento, nonché i leader della società civile e degli eserciti etnici.

“L’esercito manca di legittimità e sembra stia perdendo il controllo”, osserva il parlamentare liberale australiano ed ex diplomatico Dave Sharma, che martedì convoca una sottocommissione parlamentare per gli affari esteri e gli aiuti per discutere la crisi.

READ  La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti vota per fare di Washington uno stato, ma una battaglia al Senato incombe

L’inviato speciale delle Nazioni Unite in Myanmar Christine Schraner Burgener, Aspettarsi Un “bagno di sangue” a meno che non sia un qualche tipo di intervento. Tuttavia, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite è paralizzato: il veto di Cina e Russia gli impedisce persino di condannare il colpo di stato, per non parlare di intraprendere qualsiasi azione.

Sharma teme lo scenario peggiore: “Se hai un conflitto civile di lunga durata, attirerà inevitabilmente attori esterni e potresti avere una situazione in cui il Myanmar diventa Siria in Asia”, dove i paesi vicini si allineano per proteggere i loro interessi. In altre parole, uno stato fallito nel cuore dell’Asia.

Illustrazione: Andrew DysonAttribuisci a lui:Età

Il conflitto potrebbe estendersi oltre i confini, portando a grandi flussi di rifugiati, sottolinea Sharma. “Penso che questo problema aumenterà solo in Australia e nella regione. Dovremo esaminare le impostazioni politiche e coordinarci con i paesi regionali”.

Non ci sono prove di alcuna attività del Segretario di Stato, Maryse Payne, motivo per cui probabilmente spetta a Sharma, solo un membro del parlamento, cercare di stimolare il dibattito, anche se è troppo educato per dirlo.

Sidoti ha una lista di idee politiche per l’Australia. Il primo è unirsi agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna per imporre sanzioni all’impero commerciale di Tatmadaw. Un altro è quello di partecipare al processo di genocidio di due anni contro il Tatmadaw presso la Corte internazionale di giustizia.

Caricamento in corso

Il terzo è lavorare con la Thailandia per assicurarsi che gli aiuti umanitari arrivino in Myanmar. Quarto, lavorare con l’ASEAN, che ha difficoltà a esercitare una pressione coordinata sul Tatmadaw, in parte perché l’ASEAN può lavorare solo con il consenso di tutti e 10 i suoi membri, e il Myanmar è uno di loro.

READ  Duterte, nelle Filippine, è l'ultima vittima della battaglia della Cina nel Mar Cinese Meridionale

Chi rappresenterà il paese alla riunione dell’ASEAN? L’Australia potrebbe aiutare a sbloccare la situazione convocando un’iniziativa più ampia per mediare con il regime, inclusi alcuni membri chiave dell’ASEAN, nonché Stati Uniti, Cina, India, Timor orientale e Giappone, suggerisce Sidoti.

Infine, Canberra dovrebbe essere pronta a riconoscere un fronte nazionale unito come governo legittimo in Myanmar nel momento in cui verrà dichiarato. Il tentato colpo di stato non è riuscito con grato Trump. Il mondo ha la possibilità di assicurarsi che non funzioni nemmeno con l’esercito del Myanmar.

Peter Harsher è un editore internazionale.

I più visti al mondo

Caricamento in corso