SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Nel menu del pranzo in Italia: uccelli canori conservati

Le associazioni per il benessere degli animali affermano che sperano che l’esperimento dia un nuovo focus alle attività illegali nel paese, che è il peggior killer di uccelli canori in Europa.

La scorsa settimana, un tribunale di Brescia ha tenuto il primo processo contro un uomo del luogo che aveva 788 uccelli canori morti nel suo congelatore. Tra questi c’erano i pettirossi, venduti illegalmente ai ristoranti per 3-5 euro. Apprezzano particolarmente il becco sottile, che è considerato commestibile da alcuni.

In Italia la caccia a qualsiasi animale è consentita solo con licenza e sono previste sanzioni per la caccia e la vendita di animali protetti. Per anni, la questione è stata al centro di un conflitto politico tra i sostenitori dei diritti degli animali, spesso sostenuti da politici progressisti – che hanno chiesto limiti più severi – e associazioni di bracconieri e politici conservatori, con l’obiettivo di facilitare il bracconaggio.

Gli attivisti per i diritti degli animali sottolineano che gli uccelli canori in tutta Europa sono in pericolo, con 40 specie che una volta migrarono in gran numero si estinguono.

“C’è una crisi comune della biodiversità”, ha detto Annamaria Prokassi, membro dell’ENPA, la lega italiana per la protezione degli animali ed ex senatore del Partito dei Verdi.

“Allora la gente banchetta con esso.”

L’ufficiale che ha definito le salse conservate una prelibatezza era il sig. Mazardi, un cacciatore, ha proposto di rimuovere le protezioni per alcuni degli uccelli canori dal menu del venerdì. Ha detto che voleva preservare il patrimonio.

Ha lavorato sotto il nome di “Precision Spit”, un piatto comune a base di pezzi ricurvi di maiale, pollo, coniglio e uccelli canori. Mescola e mormora, dà un sapore aspro unico che non assapora da 10 anni.

READ  Italia Facility Management (FM) Market Report 2021: risposta, ripristino e recupero dopo COVID-19 - ResearchAndMarkets.com