HomeWorldMappatura della devastazione causata dal terremoto in Marocco - ABC News

Mappatura della devastazione causata dal terremoto in Marocco – ABC News

Attraverso la catena montuosa che si estende attraverso il Marocco a sud di Marrakesh, migliaia di persone stanno scavando tra le macerie del devastante terremoto della scorsa settimana.

Il terremoto, di magnitudo 6,8 della scala Richter, è avvenuto vicino a Oukaimeden nelle montagne dell’Alto Atlante, a circa 75 chilometri a sud-est della capitale.

Seguirono tre scosse e più di 2.900 persone furono confermate morte, e questo numero è destinato a crescere.

Uno sguardo più attento alla storia, alla geografia e alla composizione dell’area fornisce alcuni indizi sul motivo per cui questo terremoto è stato così mortale.

Il Marocco si trova sul bordo settentrionale della placca tettonica africana, vicino al complesso confine con la placca eurasiatica.

Questa terra un tempo faceva parte del supercontinente Pangea, ma quando si separò si formarono le montagne dell’Atlante.

La catena montuosa dell’Atlante a sud di Marrakech cresce di circa 1 mm ogni anno. ()

Ma le placche africana ed eurasiatica continuano a muoversi Mentre si uniscono, la catena montuosa “si alza attivamente”..

I ricercatori hanno scoperto che crescono di circa un millimetro all’anno, ma raramente producono un grande terremoto.

Il professor Jesús Galindo Zaldivar dell’Università di Granada ha dichiarato a The Conversation che è probabile che “la pressione derivante dallo spingere insieme le placche si sia accumulata nelle profondità della Terra per molto tempo”.

L’US Geological Survey (USGS) ha affermato che il terremoto di questa settimana è stato causato da una “faglia inversa”.

Ciò accade quando le placche tettoniche si scontrano, “provocando un ispessimento della crosta terrestre”, ha detto il professor Galindo Zaldivar.

“La pressione lungo queste linee di faglia può innescare terremoti poiché le rocce si muovono improvvisamente per rilasciare la pressione accumulata”.

Questo è stato il più grande terremoto a cui il Marocco abbia assistito in più di 100 anni.

Secondo l’USGS, dal 1900, si sono verificati solo nove terremoti di magnitudo 5 o superiore entro un raggio di 500 km da questo evento. Nessuno di loro era più alto della taglia 6.

Il terremoto più mortale che si ricordi in Marocco negli ultimi tempi si è verificato ad Agadir nel 1960. Il terremoto di magnitudo 5,9 ha ucciso più di 12.000 persone quando ha colpito la città costiera.

READ  Una coppia venezuelana fa del suo meglio per sorridere ma un bradipo è in pericolo

Il disastro ha portato a cambiamenti nelle norme edilizie in tutto il Marocco, ma molti edifici – soprattutto case rurali – non sono ancora costruiti per resistere a tale forza.

Nel 1960, un terremoto di magnitudo 5,9 uccise più di 12.000 persone. ()
L’Hotel Saada ad Agadir, sulla costa marocchina, è stato ridotto in macerie.()

Il terremoto di Agadir si è verificato ad una profondità relativamente bassa di 15 chilometri dalla superficie.

La profondità del terremoto iniziale avvenuto la scorsa settimana era di circa 18 chilometri, mentre la profondità delle scosse di assestamento era di circa 10 chilometri.

Quanto più profonda è la sorgente di un terremoto, tanto più lontano devono viaggiare le onde sismiche prima di raggiungere la superficie.

L’impatto di un forte terremoto – di magnitudo 6,8 – avvenuto a poca profondità ha provocato “un’enorme perdita di vite umane”.

Ha aggiunto: “A causa della profondità dell’evento e della sua vicinanza a centri abitati, molti edifici sono stati sottoposti a forti scosse”. Lo ha riferito l’USGS.

“Ciò potrebbe portare a un fallimento catastrofico”.

I dati USGS mostrano quanto sia stata intensa la scossa mentre il terremoto si estendeva dal suo epicentro.

Dei 2.901 decessi segnalati fino a mercoledì, 1.643 erano avvenuti ad Al Haouz, una regione con una popolazione di circa 570.000 abitanti, secondo il censimento del Marocco del 2014.

Al Haouz è famosa per i suoi pittoreschi villaggi e valli situati nelle montagne dell’Alto Atlante.

Ma ora interi villaggi nella zona delle forti scosse sono stati rasi al suolo dalla forza del terremoto.

In alcuni luoghi, come Tafghaght, i residenti affermano che più della metà della popolazione è morta.

Uno sguardo alle montagne dell’Atlante, all’attività sismica e ai dati sulla densità di popolazione nella regione rivela quante persone vivevano nelle aree più colpite.

Il professore emerito di rischio geofisico e climatico presso l’University College di Londra, Bill McGuire, concorda con una serie di fattori che hanno contribuito alla massiccia portata della perdita.

READ  L'attacco aereo israeliano su Rafah uccide 14 palestinesi, molti dei quali bambini Notizie della guerra israeliana a Gaza

Ha aggiunto: “Il problema è che, sebbene i terremoti devastanti siano rari, gli edifici semplicemente non sono costruiti abbastanza resistenti per resistere a forti terremoti, quindi molti di essi crollano, provocando un gran numero di vittime”.

Le montagne dell’Atlante rivestono una grande importanza nella storia geologica del Marocco, ma ospitano anche importanti siti culturali.

La catena montuosa si estende per 2.500 chilometri, dividendo il paese da Agadir sulla costa occidentale fino al confine con Algeri a est.

A Tinmel, a circa 50 chilometri a est dell’epicentro, sembrano essere stati danneggiati fino a 40 edifici.

Tra questi, situato ai piedi della montagna, c’è ciò che resta della storica Moschea Tinmel.

Le immagini satellitari mostrano una moschea del XII secolo nel villaggio marocchino di Tinmel, prima del devastante terremoto del settembre 2023.()
Le immagini satellitari mostrano una moschea del XII secolo nel villaggio marocchino di Tinmel, dopo il devastante terremoto che ha colpito nel settembre 2023.()

Questa struttura fu costruita nel XII secolo ed è considerata uno dei siti storici più importanti delle montagne dell’Atlante.

La moschea in terra e pietra fu costruita dalla dinastia medievale degli Almohadi che conquistò il Nord Africa e la Spagna.

Nella remota Valle dell’Atlante, gli Almohadi stabilirono la loro capitale prima di avanzare per conquistare Marrakesh e marciare attraverso la regione, spinti dal fervore religioso.

La moschea è stata inserita nell’elenco dei siti proposti come Patrimonio dell’Umanità. Ora è in rovina.

La Grande Moschea di Tinmel.()
Si spera che il sito storico venga restaurato.()

In risposta a una domanda della Reuters sui danni subiti da Tinmel, una fonte del Ministero della Cultura marocchino ha detto: “Il Ministero ha deciso di restaurarlo e gli stanzierà un budget”.

Nella vicina zona di Talat Yacoub, i sopravvissuti hanno detto alla ABC che quando si è verificato il terremoto, si sono sentiti come se gli edifici fossero esplosi verso l’alto e fossero crollati di nuovo al suolo.

L’analisi delle Nazioni Unite mostra che centinaia di edifici sono stati danneggiati.

Talaat Yacoub prima del devastante terremoto.()
Talaat Naqoub dopo il terremoto che ha portato al crollo degli edifici.()
Un’altra parte dell’aspetto di Giacobbe prima del terremoto.()
La stessa parte di Talaat Yaqoub dopo il terremoto.()

Le frane innescate dal terremoto hanno bloccato l’accesso a remote città e villaggi di montagna, rallentando gli sforzi per portare rifornimenti urgenti nell’area del disastro.

Quando le strade hanno cominciato ad aprirsi di nuovo, i marocchini in fuga dalla fase peggiore del terremoto hanno formato una folla Una serie di terreni tortuosi attraverso le colline sulla Strada Nazionale 10.

READ  Michael Gove non è riuscito a procurarsi i biglietti per le partite di calcio in tempo

Nelle loro auto portano biancheria da letto, vestiti, cibo e altri aiuti a chi ne ha bisogno.

Gli aiuti sono affluiti a Talaat Niqoub con la riapertura delle strade.()

A ovest, l’intero villaggio di Ait Othman, vicino ad Amizmiz, sembra essere stato raso al suolo.

Il paesaggio montuoso della regione di Adassil è ora disseminato di detriti di mattoni e bastoni rotti.

Il piccolo villaggio di Ait Othman vicino ad Amizmiz prima del terremoto.()
L’analisi delle immagini satellitari delle Nazioni Unite indica che Ait Othman è stata effettivamente rasa al suolo.()

In una piccola città, Tikikht, ogni casa è stata distrutta.

Abitazioni tradizionali fatte di mattoni di fango, pietra e legno grezzo sono ovunque nelle montagne dell’Alto Atlante e alcuni edifici hanno centinaia di anni.

Ma le loro possibilità di affrontare il terremoto erano scarse perché ha scosso la terra.

Quelli che una volta erano edifici, ora non sono altro che cumuli di macerie che le famiglie scavano alla disperata ricerca dei propri cari scomparsi.

Il villaggio di Tikakht è stato completamente distrutto.()

È difficile comprendere la portata del disastro.

Il governatore di Adassil ha detto a un’agenzia umanitaria che circa 5.000 edifici nella zona sono stati distrutti, con altre migliaia danneggiati e a rischio di crollo completo.

La Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa (IFRC) ha avvertito che la riparazione dei danni e la ricostruzione delle case e delle infrastrutture preesistenti potrebbero richiedere anni.

“Attendiamo con ansia la risposta per diversi mesi, se non anni”, ha affermato Hossam El-Sharkawy, direttore regionale della Federazione internazionale delle società di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa per il Medio Oriente e il Nord Africa.

Le agenzie di soccorso hanno lanciato appelli urgenti per ottenere sostegno da parte della comunità internazionale.

In alcune parti della zona terremotata, la gente del posto ritiene che gli aiuti siano già passati. Molti hanno espresso la loro rabbia nei confronti del governo marocchino.

Un uomo di Talat Yaqoub ha detto alla Reuters: “I villaggi della valle hanno dimenticato. Abbiamo bisogno di ogni tipo di aiuto. Abbiamo bisogno di tende”.

Prima del terremoto, la vita nei villaggi della catena montuosa dell’Atlante era tranquilla, tradizionale e in gran parte indisturbata.

Ora, la gente di queste colline ha bisogno dell’attenzione del mondo e di tutto l’aiuto che può fornire.

Molti di coloro che sono sopravvissuti sentono di essere già stati dimenticati.()
Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News