HomeTop NewsUn alto funzionario dell'Eni afferma che il Nord Africa sarà il principale...

Un alto funzionario dell’Eni afferma che il Nord Africa sarà il principale fornitore di gas dell’Italia per gli anni a venire

MILANO, 12 settembre (Reuters) – Algeria, Egitto e Libia saranno i principali fornitori di gas dell’Italia per i prossimi anni, ha detto a Reuters il responsabile delle risorse naturali di Eni, aggiungendo che il gruppo energetico esplorerà e investirà in nuovi progetti a basse emissioni di carbonio in Africa .

L’anno scorso Eni (ENI.MI), il più grande importatore di gas naturale in Italia, ha reagito rapidamente al calo delle forniture di gas russo spedendo maggiori volumi dall’Africa al suo paese d’origine.

Il cambiamento è stato reso possibile dalla presenza decennale del gruppo nel continente, con l’Algeria che ha sostituito la Russia come maggiore fornitore di gas dell’Italia.

“L’Africa è un continente in cui sono necessari maggiori investimenti, anche nei tradizionali business di esplorazione e produzione”, ha detto in un’intervista a Reuters Guido Brusco, direttore operativo delle risorse naturali di Eni.

Nei prossimi anni, la società vedrà consolidarsi la quota dell’Algeria e dell’Egitto, e un contributo maggiore a diversi paesi sub-sahariani, tra cui la Libia e la Repubblica del Congo, nonché l’Angola, ha affermato Brusco.

In questo contesto Eni è pronta a investire miliardi per garantire l’export verso l’Italia, servire il mercato africano e inviare più gas in Europa.

“I giacimenti stanno diminuendo, ma l’80% della domanda globale di energia è ancora basata sui fossili, quindi è importante gestire l’esaurimento di petrolio e gas man mano che si sviluppano fonti più pulite. Soprattutto in Africa, dove la popolazione aumenta e la crescita accelera”, ha affermato Brusco.

READ  Le 10 bong in vetro del 2024: Scopri le Migliori Opzioni

Eni è il più grande produttore internazionale di gas dell’Africa, ha affermato, aggiungendo che oltre il 90% del gas estratto dal gruppo nel continente lo scorso anno è andato al mercato africano.

Questa percentuale potrebbe diminuire nei prossimi anni man mano che la produzione del gruppo nel continente aumenterà e sarà disponibile più gas per le esigenze africane.

Nessun problema in campo ZOHR

In Egitto, dove lo scorso anno la produzione di Eni è stata di 346 kg di barili di petrolio equivalente al giorno (KBOED), Brusco ha affermato che la società investirà circa 3,5 miliardi di dollari in quattro anni in attività che includono l’esplorazione e la gestione dei giacimenti esistenti. Problemi per il campo di Zohr.

“La prestazione del campo è in linea con i nostri piani e migliore di quella dei grandi giacimenti in Russia”.

Eni sta incrementando la propria produzione in Algeria da 95 mila boed a oltre 120 mila boed quest’anno.

Le esportazioni del gruppo dall’Algeria all’Italia sono previste a circa 15 miliardi di metri cubi (miliardi di metri cubi), in aumento rispetto ai 12 miliardi di metri cubi dell’anno scorso, a seconda della domanda, ha affermato Brusco.

In Libia, dove l’anno scorso Eni ha prodotto 165 mila BOED, prevede di investire 8 miliardi di dollari.

Dopo aver annullato le Borse Major annunciate nel 2014, Eni ha affermato che riprenderà presto l’esplorazione e che le perforazioni proseguiranno nei prossimi anni.

Tornato nell’Africa sub-sahariana, Brusco ha presentato Bale in Costa d’Avorio, un progetto di punta per Eni per lo sviluppo del primo giacimento di gas e petrolio del continente a zero emissioni nette.

READ  L’indice della produzione industriale italiana è sceso del 2,9% nell’aprile 2024

“La produzione è iniziata il mese scorso, meno di due anni dopo la scoperta, e sta andando bene”, ha detto.

Oltre all’esplorazione e alla produzione, Eni sta investendo anche nella transizione energetica, concentrandosi su progetti rinnovabili e agricoli in Africa per produrre materie prime agricole per il business dei biocarburanti, e sta valutando l’apertura di bioraffinerie nel continente.

($1 = 0,9324 euro)

Reporting di Francesca Landini, montaggio di Gavin Jones e Susan Fenton

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Ottieni i diritti di licenzaApre una nuova scheda

Francesca copre alcuni dei più grandi gruppi energetici europei dal 2022, concentrandosi sui loro sforzi per decarbonizzare il proprio business garantendo al contempo crescita e progresso tecnologico. Riferisce inoltre sulle iniziative dell’UE contro il cambiamento climatico e la regolamentazione energetica in Italia. È stato selezionato come miglior reporter del 2022 da Reuters. Prima di Energy, Francesca ha fatto parte del team di reporter di Reuters nel settore spazio e difesa. È laureato in economia e nel tempo libero ama dipingere.

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News