News

domenica
Giugno, 26

La scoperta australiana potrebbe accelerare lo sviluppo del vaccino SARS-CoV-2

Featured in:

Sono passati circa 16 mesi da quando il Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) è apparso a Wuhan, in Cina, ma la relazione tra immunità e protezione clinica contro SARS-CoV-2 rimane sconosciuta. Non sono ancora disponibili modelli predittivi affidabili di protezione immunitaria contro le infezioni. Modelli come questi sono essenziali per definire le interrelazioni per la protezione contro i vaccini SARS-CoV-2 in futuro.

Analisi della relazione tra i livelli di neutralizzazione e la protezione osservata contro l’infezione da SARS-CoV-2

Per colmare questa lacuna, i ricercatori australiani hanno recentemente esaminato la relazione tra i livelli di neutralizzazione in laboratorio e la protezione osservata ottenuta dall’infezione da SARS-CoV-2. Hanno utilizzato i dati di 7 vaccini attualmente disponibili e coorti di recupero. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista Medicina della natura.

I ricercatori hanno stimato che il livello di neutralizzazione richiesto per prevenire il 50% delle infezioni rilevabili era il 20,2% del livello medio di convalescenza. Il livello di protezione stimato di neutralizzazione per il 50% delle infezioni gravi da SARS-CoV-2 era significativamente inferiore al 3% del livello medio di convalescenza.

“Gli anticorpi neutralizzanti sono piccole proteine ​​a forma di Y che il nostro corpo produce in risposta a infezioni o vaccinazioni. Si legano al virus, che riduce la sua capacità di infettare”, afferma la dottoressa Deborah Kromer del Kirby Institute.

“Sebbene sappiamo da tempo che gli anticorpi neutralizzanti sono probabilmente una parte importante della nostra risposta immunitaria a COVID-19, non sapevamo di quanti anticorpi avrebbe bisogno per l’immunità. Il nostro lavoro è la prova più forte che ancora lo dimostri. livelli di anticorpi specifici si traducono in alti livelli di protezione dalle malattie “.

Il modello prevede la relazione tra l’efficacia contro le varianti virali e la neutralizzazione

La modellizzazione del decadimento del titolo di legame durante i primi 250 giorni dopo l’immunizzazione prevede una significativa perdita di protezione contro l’infezione da SARS-CoV-2, sebbene la protezione contro la malattia grave sia ampiamente preservata. I titoli di neutralizzazione sono ridotti rispetto ad alcune delle nuove varianti SARS-CoV-2 che destano preoccupazione rispetto alla variante del vaccino. Il loro modello prevede la relazione tra l’efficacia contro le varianti virali e la neutralizzazione.

READ  Il test WA del bambino in quarantena in hotel è positivo

Questo studio utilizza i dati disponibili sulle risposte immunitarie e protettive per modellare il titolo anticorpale protettivo e il comportamento a lungo termine dell’immunosoppressione indotta dalla SARS. Il modello indica che il titolo di neutralizzazione è un indicatore critico dell’efficacia di un vaccino man mano che in futuro saranno disponibili più vaccini. I risultati mostrano che il livello di neutralizzazione è un forte predittore di protezione immunitaria e fornisce un modello basato sull’evidenza per la protezione immunitaria per SARS-CoV-2, che aiuterà nello sviluppo di strategie vaccinali per controllare il corso futuro del COVID- 19 pandemia.

Il modello sviluppato dai ricercatori prevede anche che la protezione immunitaria dall’infezione da SARS possa diminuire nel tempo con la diminuzione dei livelli di neutralizzazione. Ciò indica che potrebbe essere necessaria l’immunizzazione di richiamo entro un anno. Tuttavia, i risultati suggeriscono che la protezione acquisita dalla malattia acuta COVID-19 può essere significativamente più permanente a causa di risposte alternative, comprese le risposte immunitarie cellulari che svolgono un ruolo importante nella lotta alle infezioni.

I risultati sono coerenti con i risultati degli studi sull’influenza e sull’infezione stagionale da coronavirus

Questo metodo per stimare il titolo di equalizzazione utilizza un approccio di modellazione simile utilizzato per determinare il titolo protettivo per l’infezione influenzale. Tuttavia, la differenza principale è l’uso dei dati nei modelli. Mentre il modello COVID-19 utilizza un’ampia gamma di immunogenicità e l’efficacia di diversi vaccini per determinare il titolo profilattico del 50%, gli studi sull’infezione influenzale utilizzano i dati del titolo HAI dei singoli soggetti e il loro rischio di infezione in studi di coorte o studi di provocazione umana al fine di valutare la protezione. Gli autori ritengono che aiuterà a convalidare i risultati del loro studio utilizzando un’analisi del rischio individualizzata simile alla futura infezione da COVID-19.

READ  Il ciclo di 27,5 milioni di anni di attività geologica

I risultati sono coerenti con gli studi sull’influenza e l’infezione stagionale con il Coronavirus, che dimostrano che l’infezione è possibile un anno dopo l’infezione iniziale, sebbene l’infezione sia generalmente lieve. Allo stesso modo, è stato riscontrato che l’efficacia preventiva diminuisce di circa il 7% / mese dopo la vaccinazione contro l’influenza. Avvertono inoltre che questi modelli e previsioni si basano su diversi presupposti sui meccanismi e sul tasso di perdita immunitaria.

Il dottor Kroemer ha affermato che questa scoperta ha il potenziale per cambiare il modo in cui conduciamo le sperimentazioni sui vaccini COVID-19 in futuro.

“I livelli di immunità anticorpale sono più facili da misurare rispetto alla misurazione diretta dell’efficacia del vaccino nel tempo. Pertanto, misurando i livelli di anticorpi in un gruppo di nuovi vaccini candidati durante le prime fasi degli studi clinici, possiamo determinare se un vaccino debba essere utilizzato per prevenire COVID- 19. “.

Lo studio fornisce un quadro per l’integrazione delle vaccinazioni disponibili e dei dati dello studio di recupero

Secondo gli autori, sulla base di questi risultati, le principali priorità ora sono protocolli di sperimentazione clinica standardizzati e lo sviluppo di saggi standardizzati per determinare risposte immunitarie e neutralizzanti.

Gli autori ritengono che i dati dello studio consentiranno ulteriori test e convalida di altri correlati immunitari di protezione. Tuttavia, questo studio sviluppa un quadro per integrare i dati disponibili da studi di vaccinazione e convalescenza per sviluppare uno strumento per prevedere il futuro dell’immunità SARS-CoV-2 e la pandemia COVID-19.

“Importanti priorità per il campo sono lo sviluppo di test standardizzati per misurare la neutralizzazione e altre risposte immunitarie, oltre a protocolli di sperimentazione clinica standardizzati”.

Find us on

Latest articles

- Advertisement - spot_imgspot_img

Related articles

40 La migliore sacco da fit boxe del 2022...

Cerchi una guida professionale su come acquistare la migliore sacco da fit boxe? I professionisti hanno compilato...

40 La migliore estrattori di succo moulinex del 2022...

Cerchi una guida professionale su come acquistare la migliore estrattori di succo moulinex? I professionisti hanno compilato...

40 La migliore compressore aria professionale del 2022 –...

Cerchi una guida professionale su come acquistare la migliore compressore aria professionale? I professionisti hanno compilato un...

40 La migliore pedometri del 2022 – Non acquistare...

Cerchi una guida professionale su come acquistare la migliore pedometri? I professionisti hanno compilato un elenco dei...

40 La migliore deumidificatori argo del 2022 – Non...

Cerchi una guida professionale su come acquistare la migliore deumidificatori argo? I professionisti hanno compilato un elenco...

40 La migliore generatori di corrente honda del 2022...

Cerchi una guida professionale su come acquistare la migliore generatori di corrente honda? I professionisti hanno compilato...