HomescienceLa ricerca rileva che la tassa sullo zucchero potrebbe ridurre i tassi...

La ricerca rileva che la tassa sullo zucchero potrebbe ridurre i tassi di ricovero ospedaliero per asma nei bambini del 20,9%

In un recente studio pubblicato su Comunicazioni sulla natura, I ricercatori hanno valutato l’impatto della UK Soft Drinks Industry Levy (SDIL) sui tassi di ricovero ospedaliero per asma nei bambini in Inghilterra.

Soggiorno: Tassa sull’industria delle bevande analcoliche nel Regno Unito e ricoveri ospedalieri pediatrici per asma in Inghilterra. Credito immagine: VDZ3 Media/Shutterstock.com

sfondo

Il Comitato consultivo scientifico sulla nutrizione del Regno Unito (SACN) raccomanda che l’assunzione di zucchero libero dovrebbe essere inferiore al 5% dell’apporto energetico totale. Tuttavia, i livelli di consumo attuali sono almeno il doppio e il triplo di quelli degli adolescenti.

Le bevande zuccherate (SSB) sono una delle principali fonti di zucchero libero e sono associate a malattie non trasmissibili come l’obesità, il diabete, le malattie cardiovascolari e l’asma. Una meta-analisi ha rilevato una maggiore prevalenza di asma tra i consumatori di SSB.

La SDIL del Regno Unito, implementata nell’aprile 2018, mira a ridurre il contenuto di zucchero nelle bevande. Sono necessarie ulteriori ricerche per esplorare gli effetti a lungo termine sulla salute della SDIL nel Regno Unito e per comprendere i meccanismi sottostanti che collegano l’abbassamento del glucosio e la ridotta incidenza dell’asma.

A proposito dello studio

I ricoveri ospedalieri del NHS per asma (codice International Classification of Diseases (ICD) -10: J45) nei bambini di età compresa tra 5 e 18 anni sono stati analizzati utilizzando i dati Hospital Episode Statistics (HES).

Le analisi sono state generalmente condotte per gruppi di età (5–9, 10–14 e 15–18 anni) e per indice di deprivazione multipla (IMD). L’ammissione dei bambini sotto i cinque anni è stata esclusa a causa di difficoltà diagnostiche.

Il periodo di studio è andato da gennaio 2012 a febbraio 2020, comprendendo l’annuncio dello SDIL (marzo 2016) e l’implementazione (aprile 2018) e terminando prima del primo blocco della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) per evitare fattori confondenti.

READ  La navicella spaziale Juno della NASA sorvola la massiccia luna di Giove | avvocato occidentale

Le analisi delle serie temporali interrotte (ITS) hanno valutato l’impatto della SDIL sui ricoveri pediatrici per asma, confrontando i tassi osservati con uno scenario di controllo senza SDIL. I ricoveri di massa sono stati convertiti in tassi di incidenza per 100.000 abitanti, con modelli adattati per diversi mesi con cambiamenti significativi nei tassi di ricovero.

Gli scenari controfattuali sono stati modellati utilizzando dati pre-annuncio, con intervalli di confidenza stimati utilizzando il metodo delta. L’autocorrelazione è stata trattata utilizzando test di Durbin-Watson e modelli di media mobile di autocorrelazione (ARIMA) per ridurre al minimo il criterio di informazione di Akaike (AIC).

Le analisi statistiche sono state eseguite nella versione R 4.1.0. I dati sono stati forniti in forma aggregata e anonima e sono stati ottenuti tramite un accordo di condivisione dei dati con NHS Digital.

Risultati

I tassi medi di ricoveri ospedalieri per asma nei bambini durante i periodi pre-annuncio e post-annuncio rivelano disparità significative. I bambini provenienti dalle aree più povere avevano tassi di ricovero ospedaliero per asma quasi tre volte superiori rispetto a quelli provenienti dalle aree meno deprivate, con tassi rispettivamente di 26,4/100.000 persona-mese (p/m) e 9,3/100.000 p/m.

Inoltre, i bambini più piccoli avevano tassi di infezione più elevati, con i bambini di età compresa tra 5 e 9 anni che avevano quasi il doppio del tasso di ricoveri ospedalieri rispetto ai bambini di età compresa tra 15 e 18 anni.

Nei bambini di età compresa tra 5 e 18 anni, è stata osservata una riduzione assoluta complessiva dei ricoveri ospedalieri per asma di 4,0 (2,4, 5,7)/100.000 cpm, o una riduzione relativa del 20,9% (IC 95%: 29,6, 12,2). scenario controfattuale in cui lo SDIL non viene né annunciato né implementato.

READ  I ricercatori utilizzano modelli linguistici di grandi dimensioni per aiutare i robot a navigare

Tendenze al rialzo nei ricoveri per asma sono state generalmente osservate fino a pochi mesi dopo l’annuncio della SDIL, seguite da una tendenza al ribasso. I cambiamenti stagionali hanno mostrato diminuzioni dei tassi di ammissione in aprile e agosto, in coincidenza con le vacanze scolastiche, e aumenti significativi all’inizio dell’autunno, soprattutto a settembre.

Questo picco di settembre corrisponde all’inizio dell’anno scolastico, un periodo associato a una maggiore esposizione a virus respiratori, allergeni e stress, nonché a interruzioni nell’uso routinario di inalatori preventivi durante l’estate.

Ciascun gruppo di età ha mostrato una tendenza all’aumento dei ricoveri ospedalieri per asma dall’inizio del periodo di studio. Tuttavia, sono state osservate riduzioni significative 22 mesi dopo l’implementazione dello SDIL rispetto allo scenario controfattuale.

I bambini di età compresa tra 5-9 anni e 10-14 anni hanno riscontrato riduzioni relative del 18,6% (IC 95%: 30,0, 7,2) e 24,3% (IC 95%: 32,1, 16,5), rispettivamente, con percezioni che suggeriscono la tendenza opposta al rialzo dopo SDIL annuncio.

Gli adolescenti di età compresa tra 15 e 18 anni hanno registrato una diminuzione relativa del 15,6% (IC 95%: 19,7, 11,5), con un appiattimento ma non un’inversione della tendenza al rialzo del pre-annuncio nei ricoveri ospedalieri.

Il tasso di ricoveri ospedalieri per asma infantile è diminuito in tutti i gruppi di deprivazione. Le riduzioni assolute sono state di 4,8 (7,4, 2,3)/100.000 cpt/m nei quintili più indigenti e 3,4 (4,4, 2,3)/100.000 cpt/m nei quintili meno indigenti.

Le riduzioni relative sono state rispettivamente del 15,5% (IC 95%: 23,7, 7,2) e 26,4% (IC 95%: 34,6, 18,1). Le riduzioni assolute sono state relativamente coerenti tra i diversi quintili IMD, sebbene vi siano prove di riduzioni relative più elevate nelle aree meno svantaggiate.

READ  La terapia fisica intelligente basata sui dati migliora la qualità della vita del paziente

Conclusioni

I risultati sono coerenti con studi precedenti che collegavano il consumo di SSB all’asma, ma questo disegno quasi sperimentale fornisce prove più forti di una relazione causale.

I risultati suggeriscono che simili tasse SSB in altri paesi potrebbero ridurre i ricoveri per asma infantile e migliorare la salute pubblica.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News