HomeentertainmentSono stati introdotti regimi italiani di credito d'imposta per il cinema e...

Sono stati introdotti regimi italiani di credito d’imposta per il cinema e la televisione

Dopo mesi di incertezza, sono stati presentati al Ministero della Cultura i piani per una serie di revisioni del credito d’imposta cinematografico e televisivo italiano.

Lo ha rivelato questa mattina Nicola Borelli, Direttore Generale del Cinema e dei Materiali Audiovisivi del Ministero dei Beni Culturali, all’AVPSummit del Sud Italia.

Borrelli ha affermato che la domanda prevede ancora un’agevolazione fiscale del 40% per alcuni film e serie TV italiane, ma per i progetti ammissibili all’aliquota intera ci saranno regole più severe sull’ammissibilità.

Ha detto che queste regole includeranno aggiornamenti sugli incentivi per l’equipaggio, che potrebbero richiedere l’ingaggio di uno scrittore o regista italiano, mentre ci saranno “spese minime sul suolo italiano”. Per qualificarsi le riprese devono svolgersi per almeno un giorno in Italia.

In questo modo, il governo italiano, guidato dal primo ministro di destra Giorgia Meloni, recupererà alcune risorse dando priorità alla produzione italiana, ha affermato Borrelli. Il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha dichiarato lo scorso ottobre che la spesa pubblica per il credito d’imposta era aumentata da 494 milioni di dollari (423 milioni di euro) nel 2019 a 907 milioni di dollari (841 milioni di euro) nel 2022, e che era necessario frenarla.

“Abbiamo deciso di attuare i cambiamenti non perché vogliamo ridurre la quantità di denaro, ma perché vogliamo evitare di sprecare risorse utili”, ha detto Borelli. Ha aggiunto: “A volte i giornalisti dicono che le nostre risorse non sono state utilizzate adeguatamente, ma al contrario, abbiamo raggiunto gli obiettivi a cui aspiravamo”.

Ha detto che ci saranno “alcune modifiche” rispetto al titolo originale, che ha visto un enorme boom di progetti cinematografici in Italia, ma “gli elementi principali sono già noti”.

READ  La canzone dei Cure ha ispirato il film italiano e francese La mia estate con Irène

I piani sono stati presentati al ministero e maggiori informazioni verranno probabilmente rilasciate entro poche settimane, prima della pausa estiva.

Borrelli ha affermato che il governo Meloni sta riorganizzando una serie di programmi simili in diversi settori. Fonti dell’AVPSummit di questa settimana hanno sollevato preoccupazioni con Deadline riguardo al fatto che le agevolazioni fiscali sarebbero state significativamente allentate in seguito alla forte prestazione della Meloni alle elezioni europee, mentre alcuni si aspettavano risposte a fine ottobre.

La mossa arriva dopo mesi di incertezza e dopo che molte produzioni italiane hanno interrotto le riprese in attesa di vedere quale livello di credito d’imposta possono ottenere. Questo problema ha interessato sia le produzioni locali che i progetti internazionali che cercano di girare in Italia, benedetti dal successo di HBO. Loto bianco Le riprese si sono svolte in Sicilia.

Le aziende cinematografiche e televisive italiane hanno tenuto una conferenza stampa di emergenza a Roma diverse settimane fa per discutere dei danni ai loro settori causati dall’incertezza. L’incontro ha riunito i membri di 14 organismi professionali, tra cui l’organizzazione dei cineasti org 100 Autori, i gruppi di produttori Anica e AGICI, Cartoon Italia e l’associazione degli attori Unita.

Borelli è intervenuto all’AVPSummit insieme a finanziatori del Regno Unito e della Francia.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News