SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La Germania alla fine dell’era Merkel: la prossima alleanza per ereditare un’economia non ancora del tutto ripresa

Bruno Cavalier (ODDO BHF) | Tra poche settimane Angela Merkel cesserà di essere cancelliera, carica che ricopre dal 2005. Alla guida della prima economia dell’UE, Viva la Grande Crisi Finanziaria (2008), le crisi del debito sovrano nella zona euro (2010-2015), il disastro di Fukushima (2011), L’annessione della Crimea da parte della Federazione Russa (2014), la crisi dei migranti (2015), la Brexit (2016-2019) e la pandemia (2020-2021), che hanno influenzato le decisioni politiche ed economiche in Germania e in Europa. I sondaggi mostrano che c’è un pareggio tra i tre principali contendenti per succederle. Ecco un aggiornamento sulla situazione economica.

Angela Merkel è stata cancelliera tedesca per quattro mandati consecutivis, cioè più di 15 anni, secondo solo a Otto von Bismarck (>22 anni) e al suo mentore Helmut Kohl (>16 anni). Durante questo periodo, ha stabilito relazioni con quattro presidenti americani, quattro presidenti francesi, cinque primi ministri britannici, otto primi ministri italiani, tre presidenti della Banca centrale europea, ecc. Sul fronte economico, è generalmente accettato che la sua performance negli affari europei sia stata relativa stabilità durante diversi momenti di tensione, come la crisi italiana del 2011 e la crisi greca del 2015. Ma questa stabilità è stata spesso pagata da Qualche rallentamento nel processo decisionale Perché le misure richieste sono contrarie all’ortodossia monetaria e finanziaria, motivo per cui l’opinione pubblica tedesca e la base elettorale della CDU si sono opposte. Invece, durante la pandemia, il cancelliere tedesco ha spinto per una rapida risposta fiscale, che ha portato al pacchetto di stimolo dell’Unione europea. Non basta dirlo Il suo ritiro dalla vita politica lascia un vuoto in Germania e sulla scena internazionale.

Politica – A poche settimane dalle elezioni parlamentari del 26 settembre, l’esito sembra molto dubbio. I tre principali partiti di governo (CDU/CSU, SPD, Grünen) e i loro candidati sono quasi alla pari nei recenti sondaggi di opinione., se si tiene conto del margine di errore, pari a circa il 20% della volontà di voto; Ma le loro tendenze recenti differiscono, con SPD in aumento, CDU/CSU in calo e i Verdi quasi stabilizzati. L’FDP liberale, con circa il 12%, beneficia delle intenzioni di voto regressive della CDU. L’alternativa scettica all’UE per la Germania (AfD), il terzo gruppo più grande del Bundestag per numero di seggi, si è attestata a oltre il 10%.. L’estrema sinistra supera la soglia del 5% necessaria per vincere i seggi. Sulla base di recenti sondaggi di opinione – che chiaramente non sono previsioni – la composizione del prossimo parlamento tedesco sarà la seguente (tabella).

READ  ASX impostato su un margine superiore; Wall Street si sta preparando per maggiori profitti

Finora, il principale miglioramento dei seggi sembra essere stato per i Verdi. L’alleanza CDU/CSU, nonostante il ridotto numero di seggi, resterà il partito più numeroso del Bundestag. Dalle precedenti elezioni del 2017, La politica in Europa ha sollevato molte polemiche in Germania (Attacchi pubblicitari a Mario Draghi, denunce alla Corte costituzionale contro i programmi di acquisto di attività della Banca centrale europea e critiche al pacchetto di incentivi europeo a favore dei paesi del sud.) Tuttavia, l’AfD non sembra aver ampliato il suo pubblico euroscettico. In definitiva, come in altre democrazie occidentali, la frammentazione politica è in aumento, mentre il sistema elettorale si basa molto sulla rappresentanza proporzionale. La pandemia può influire anche sull’affluenza e sui risultati (voto per corrispondenza). Tutto questo indica a Abbiamo una lunga strada da percorrere per formare la prossima coalizione. Sulla base delle previsioni di cui sopra, le coalizioni più probabili sono tre partiti (tabella), che si traduce in accordi sulla distribuzione delle posizioni ministeriali e sulla definizione del programma di governo. Brevemente, La Germania continuerà a governare dal centro, con un fermo impegno per il progetto europeo, ma per la prima volta in quindici anni, il baricentro può spostarsi da destra di centro a sinistra di centro. Se i Verdi faranno parte della coalizione, sarà la prima volta dal mandato di Gerhard Schröder (1998-2005).

budget A livello macro, uno dei principali risultati delle elezioni è la politica fiscale. Nessuno dei tre maggiori partiti ha proposto regolamenti finanziari impegnativi, alcuni dei quali sono sanciti dalla costituzione. Però, Ciò non significa un inasprimento immediato con l’obiettivo di tornare a uno stato di eccedenza. Dal punto di vista della spesa, non c’è motivo di allontanarsi troppo dalle tendenze recenti. A questo proposito, vale la pena correggere lo stereotipo di una Germania restia a spendere. Tra il 2011 e il 2019 la spesa pubblica (esclusi gli interessi) è aumentata del 3,6% annuo, molto più che nel resto dell’area dell’euro (1,7%). specialmente, La spesa per investimenti pubblici è cresciuta rapidamente, a un tasso medio del 4,0% annuo, portando la quota dall’1,9% del PIL del 2005, all’inizio dell’era Merkel, al 2,8% di oggi (la media europea è del 3,4%). La necessità di adeguare l’economia tedesca al nuovo panorama ambientale giustifica ulteriori investimenti, secondo le convinzioni della Commissione. C’è un ampio consenso su questo punto.

READ  La Cina è caduta con un'incredibile ascesa

Le differenze tra le due parti sono chiaramente visibili in termini di tassazione e regolamentazione. I conservatori non si aspettano grandi cambiamenti. Il DOCUP sostiene un’imposta sul patrimonio con un’aliquota base dell’1%, la riforma dell’imposta di successione e della tassazione dei coniugi e la creazione di un’imposta fiscale, in cambio della riduzione delle imposte sulle famiglie a basso reddito. Il Partito dei Verdi, d’accordo con la SPD su questo punto, prevede di aumentare il salario minimo a 12 euro l’ora, rispetto agli attuali 9,5 euro. Si dovrebbe notare che L’attuazione di una qualsiasi di queste proposte dipenderà dal tipo di coalizione che verrà formata e accordi tra i suoi partecipanti. In generale, sembra aver preso piede l’idea di una politica fiscale più attiva, cioè meno movimento esclusivamente attraverso le regole fiscali.

Economia La prossima alleanza erediterà un’economia che non si è completamente ripresa dalla crisi del coronavirus. All’inizio dell’epidemia, la Germania è stata in grado di limitare gli effetti più dei paesi vicini Adottando misure di contenimento meno severe. All’epoca, la cancelliera fu elogiata per la sua gestione della prima ondata di contagi. Di conseguenza, il rimbalzo nell’attività che è seguito automaticamente quando le restrizioni sono state revocate è stato più debole. La buona prestazione della Germania non è continuata. Le ondate successive di infezioni portano a nuove restrizioni all’inizio del 2021e ritardo di recupero. Nel secondo trimestre del 2021, il PIL reale tedesco è stato inferiore di 3,3 punti rispetto al livello pre-pandemia (4° trimestre 2019), lo stesso divario in Francia e quasi lo stesso divario in Italia (3,8 punti). Sebbene la domanda globale di materie prime sia straordinariamente forte, cosa che avrebbe dovuto avvantaggiare una potenza industriale come la Germania, i vincoli di offerta erano e prevalgono tuttora. Il problema è così grave che La produzione industriale in Germania sta attualmente registrando un calo maggiore rispetto al resto d’Europa. È cinque punti sotto il suo livello pre-crisi, mentre il gap si è quasi colmato a livello dell’Eurozona grazie ai guadagni nella produzione di apparecchiature informatiche e medicinali (grafico a sinistra).

READ  Le ultime notizie sulla diffusione del Corona virus nel mondo
immagine002 1024x295 1

È chiaro che la Germania soffre di sovraesposizione all’industria automobilistica, Che è 25 punti al di sotto del range normale. L’ovvia ragione è la mancanza di componenti elettronici, un problema globale. Va notato che il calo dell’attività automobilistica in Germania non è iniziato con l’epidemia. Gli ultimi tre anni hanno visto una serie di effetti negativi, a prima vista temporanea, sotto forma di nuove normative ambientali, frizioni commerciali e ora la carenza di chip semiconduttori. In definitiva, questo cambia radicalmente il contributo di questo settore all’attività totale (grafico rhs).

chiaramente, Questo non significa il declino dell’industrializzazione nell’economia tedesca, ma è vero che il vantaggio in termini di costo del lavoro di cui godeva il paese quando è stato creato l’euro per circa quindici anni è quasi scomparso. Il livello del costo del lavoro per unità di prodotto è ora marginalmente inferiore in Germania rispetto al resto della zona euro. A lungo termine, ciò potrebbe ridurre lo slancio del settore e spostare la struttura produttiva più verso il mercato interno e in misura minore verso l’export.

Nel breve termine la ripresa resterà vincolata dalla debolezza del settore auto, ma altri settori dei servizi compenseranno ampiamente questo svantaggio. Nonostante qualche recupero/moderazione, Gli ultimi indicatori del clima economico delle indagini IFO e PMI prevedono un’accelerazione della crescita del PIL nel terzo trimestre (dopo +1,6% t/q/s), legato alla continua ripresa dei consumi dei servizi. Nel settore dell’ospitalità, ad esempio, l’attività si è attestata al 40% dei livelli normali nel secondo trimestre; Se tornasse all’80% nel terzo trimestre, che non è molto lontano dopo la fine delle restrizioni, si aggiungerebbe 0,7 punti di crescita. Con un mercato del lavoro che mostra forti intenzioni di assunzione, Il livello di attività pre-pandemia deve essere superato entro la fine del 2021. Nel 2022, l’economia tedesca dovrebbe beneficiare della graduale scomparsa dei colli di bottiglia nella produzione (aumento ritardato della produzione di automobili). Di conseguenza, gli analisti, a differenza di altre economie avanzate, si aspettano una crescita più forte nel 2022 rispetto al 2021, rispettivamente del 3,5% e del 5%.