SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Hilary Mantell: mi vergogno di vivere in una nazione che ha eletto questo governo | Notizie dal Regno Unito

Hilary Mantell si è detta “vergognata” del trattamento riservato dal governo britannico ai migranti e ai richiedenti asilo e intende diventare cittadina irlandese per “tornare europea”.

In un’ampia intervista a La RepubblicaLa scrittrice due volte vincitrice del Booker Prize ha anche dato la sua prospettiva sulla monarchia, raccontando come l’endometriosi “mi abbia rovinato la vita” e come Boris Johnson “non dovrebbe essere nella vita pubblica”. Affronta anche le critiche di J.K. Rowling ai diritti dei transgender.

Alla domanda sulla retorica di Priti Patel sull’immigrazione e sui richiedenti asilo e se rappresentasse “il lato più brutto della nuova” Gran Bretagna globale “dopo la Brexit”, lo scrittore ha dichiarato al quotidiano italiano: “Era la generazione di immigrati dei miei nonni. [from Ireland]; La mia vita e le mie storie a volte sono confuse, perché molti dei miei personaggi hanno padri irlandesi.

“Vediamo la brutta faccia della Gran Bretagna contemporanea nel fatto che le persone sulle spiagge maltrattano i rifugiati esausti anche mentre si precipitano a terra. Fa vergognare.

“E lei si vergogna, ovviamente, di vivere nella nazione che ha eletto questo governo e permette a se stessa di guidarlo”.

Alla domanda sulla possibilità del continuo “soft power” della Gran Bretagna, ha detto: “Il nostro attuale governo sta inviando segnali contrastanti – vantandosi della “Gran Bretagna globale”, mentre allo stesso tempo sottovaluta il paese tagliando gli aiuti esteri, come se questo fosse un rompere. mantenere le sue promesse.”

Al romanziere, nato nel Derbyshire, è stato chiesto anche dell’ossessione per la monarchia britannica.

Lei disse:La popolarità della proprietà come istituzione mi sconcerta.

“Non voglio pensare che le persone siano schiavizzate dalla natura e che godano davvero della disuguaglianza… Potrei respirare facilmente in una repubblica, e potrei essere in grado di organizzarlo. Spero di tornare alla storia della mia famiglia e diventare cittadino irlandese”.

Dice che spera di lasciare l’Inghilterra e andare avanti. “Il Covid ha ostacolato il nostro passo prevedibile, ma per quanto ami il posto in cui vivo ora – nel paese occidentale, in riva al mare – sento il bisogno di fare le valigie ed essere di nuovo europeo”.

Assali: Antonello Guerrera Ho anche chiesto a Mantell di Johnson e se fosse d’accordo “che ha una personalità molto più complessa dello stereotipo ‘Brexter/clown/ecc'”.

Mantell, che ha attirato critiche per la sua storia su un ex primo ministro, L’assassinio di Margaret Thatcher, ha detto: “L’ho incontrato molte volte, in luoghi diversi. Sono d’accordo sul fatto che sia un personaggio complesso, ma è molto semplice: non dovrebbe essere nella vita pubblica. E sono sicuro che lo sappia. “

Biografia del mantello, Rinunciare al fantasma, Pubblicato nel 2003, è ora pubblicato in Italia.

La 69enne ha detto che la sua scrittura le ha permesso di parlare di endometriosi. “Per me, la condizione e i tentativi di trattamento hanno rovinato la mia vita. Molti casi non vengono diagnosticati per anni, causando un’estrema angoscia. Sono contento di aver giocato un ruolo così piccolo nell’iniziare la conversazione sulla condizione”.

La scrittrice ha aggiunto che da giovane non voleva avere figli prima che le fosse diagnosticata all’età di 27 anni, quando la sua “catastrofe fisica ha rimosso l’opzione”. Ora, però, desidera nipoti.

“A nessuno piace una porta chiusa e chiusa a chiave. Fortunatamente per me, non ho mai sperimentato la grave inferiorità che provano alcune donne senza figli. Ma vorrei avere dei nipoti. A questo punto della mia vita lo sento di più”.

Mantell è stato anche coinvolto nella controversia sui diritti transgender della Rowling che ha diviso il mondo letterario.

L’autore di Harry Potter ha scritto un saggio personale l’anno scorso che includeva esempi di dove credeva che le richieste degli attivisti transgender fossero pericolose per le donne, che i gruppi di difesa LGBT hanno descritto come divisivi e transfobici.

Successivamente, Rowling, Salman Rushdie, Margaret Atwood e altri hanno scritto una lettera aperta avvertendo che la diffusione della “censura” porta a “l’intolleranza delle opinioni dissenzienti” e “la diffusione della vergogna pubblica e dell’ostracismo”.

Mantell ha affermato che gli attacchi alla Rowling online dopo il suo articolo sono stati “ingiustificati e vergognosi”.

“È barbarie per una piccola minoranza guidare il discorso pubblico e spaventare coloro che non sono d’accordo con loro”, ha aggiunto.

Ha detto: “Recentemente mi sono trovata ‘fuorviante’. Ho ricevuto un post universitario con notizie riguardanti gli ex-alunni, dove mi chiamavano ‘loro’ e non ‘lei'”.

“I miei libri erano ‘loro’.” Non sono stata discriminata – altri laureati sono stati trattati allo stesso modo.

“Ho pensato: ‘Essere una donna significa molto per me. Non voglio confiscare la mia femminilità nelle pubblicazioni”.

READ  Il personale del Castello di Windsor ha rimosso gli effetti personali di Harry dal Frogmore Cottage e li ha messi in deposito.