La Cina viene rimproverata per la sua nuova frontiera nel Golfo del Tonchino

La Cina è uno dei paesi più incompresi e abusati quando si tratta di ciò che fa e non fa nel Mar Cinese Meridionale, e rivendica quasi tutti i vantaggi. La controversa rivendicazione della Cina sulla linea dei nove punti nel Mar Cinese Meridionale viene attivamente contestata da altri cinque stati litorali della regione, tra cui Filippine e Vietnam.

La richiesta è stata deferita anche alla Corte internazionale. Nel 2013, ad esempio, con il sostegno di Washington, le Filippine hanno contestato in tribunale la legalità della linea dei nove punti.

Manila ha chiesto al tribunale arbitrale internazionale istituito presso la Corte permanente di arbitrato dell'Aia di pronunciarsi su diverse questioni controverse tra Manila e la Cina, inclusa la legalità che circonda l'uso dei diritti storici nella rivendicazione di Pechino e lo status giuridico delle caratteristiche marittime nel Mar Cinese Meridionale.

Alla corte è stato chiesto anche di pronunciarsi sulla gestione delle attività cinesi nel Mar Cinese Meridionale e sulla legalità della Linea dei Nove Punti.

La Corte è stata prevenuta fin dall'inizio quando non è riuscita a garantire la partecipazione della Cina al procedimento giudiziario. Pechino ha annunciato prima dell'inizio del caso che non sarebbe stata parte nel procedimento. Pechino lo ha fatto presentando un documento di sintesi alla corte nel 2014.

Tuttavia, quando la Corte ha emesso la sua sentenza nel 2016, ha ritenuto la Cina, in contumacia, responsabile e vincolata dalla sua decisione.

La corte ha inoltre stabilito che l'uso da parte della Cina dei diritti storici per rivendicare la SCS è illegale. Come previsto, la corte ha ritenuto che la linea a nove punti della Cina nel SCS fosse incompatibile con il diritto internazionale.

READ  Classifiche universitarie australiane: Melbourne è la migliore città studentesca in Australia

Il punto che vorrei sottolineare è come la Corte abbia fatto del suo meglio per vincolare la Cina con la sua sentenza in contumacia. È molto raro nelle moderne relazioni internazionali che gli Stati siano ritenuti responsabili senza il loro consenso.

La Cina è stata giudicata colpevole delle accuse, sebbene non abbia partecipato al procedimento. Il tribunale sembra un tribunale dei canguri.

Il resto è storia.

Avanti veloce fino a marzo 2024.

Il 1° marzo 2004 la Cina ha annunciato la sua nuova mappa del Golfo di Beibu (vedi sotto).

Foto: fornita

Un attento esame della mappa mostra parte del confine sino-vietnamita nel Golfo (in rosso) e la linea blu è la linea di base finale all'interno del lato cinese e non invade il lato vietnamita del Golfo e non sostituisce l'attuale confine bilaterale nel Golfo.

Foto: fornita. /Confini marittimi nel 2000.

Tuttavia, molte persone che non hanno familiarità con l’argomento hanno accusato la Cina di utilizzare linee rette per fare affermazioni esagerate. Alcuni critici hanno addirittura accusato la Cina di un’invasione strisciante volta a rafforzare il suo controllo sulla regione. Queste osservazioni sono per lo più infondate.

L'uso da parte della Cina di linee di base diritte in aree o coste prive di barriere coralline è, secondo molti, incompatibile con alcune disposizioni dell'UNCLOS. Tuttavia, la Cina non è l’unico paese a utilizzare linee di base diritte per delimitare i propri confini marittimi nel Mar Cinese Meridionale. Alcune parti dei confini del Vietnam includono anche linee di base diritte.

Nella sua risposta ufficiale alla linea di base della Cina del 14 marzo 2024, Hanoi ha ribadito che, sebbene i due vicini abbiano rivendicazioni sovrapposte e controverse nel più ampio Mar Cinese Meridionale, nel Golfo del Tonchino, hanno mantenuto relazioni amichevoli.

READ  Recensione: Il costo della corona Parte 1 - Valutazione della famiglia reale - Podcast | Notizia

La risposta ufficiale rileva inoltre che le due parti hanno concordato di condurre pattugliamenti congiunti lì durante la visita del presidente cinese Xi Jinping ad Hanoi nel dicembre 2023.

Per molti outsider, la decisione della Cina di stabilire una nuova linea di base nella regione ha ravvivato vecchie ferite. Alcuni partiti in Vietnam lamentano inoltre, senza alcun fondamento, che la nuova linea di base non è coerente con le pratiche statali e con l’UNCLOS. Alcuni credevano erroneamente che la nuova linea di base eccedesse i limiti concordati dalle due parti nel Golfo del Tonchino.

Sebbene il conflitto rimanga una possibilità, ci sono anche prospettive di cooperazione tra Cina e Vietnam nel Golfo del Tonchino. La Cina e il Vietnam intrattengono importanti relazioni economiche, poiché il commercio e gli investimenti sono importanti motori della loro relazione. Entrambi i paesi hanno incentivi per mantenere la stabilità nel Golfo del Tonchino per facilitare attività economiche come la navigazione e la pesca.

Entrambi i paesi comprendono l’importanza di mantenere la stabilità nella regione per attrarre investimenti e garantire la crescita economica. Potrebbero cercare di lavorare insieme e con altri attori regionali per affrontare sfide comuni come la pirateria e il degrado ambientale.

Il rapporto della Cina con il Vietnam per quanto riguarda le questioni marittime è complesso e sfaccettato. Storicamente, i rapporti tra i due paesi sono stati tesi a causa delle controversie territoriali nel Mar Cinese Meridionale. La Cina rivendica la sovranità su gran parte del Mar Cinese Meridionale, comprese le isole Paracel e Spratly, rivendicate anche dal Vietnam.

Questa disputa ha portato a vari scontri, compresi scontri tra navi militari e lo spiegamento di piattaforme petrolifere nelle acque contese. Il Vietnam si oppone costantemente alle azioni aggressive della Cina nel Mar Cinese Meridionale e cerca il sostegno di altri paesi, inclusi gli Stati Uniti e altri paesi dell’ASEAN, per controbilanciare la crescente influenza della Cina nella regione.

READ  Gli alpinisti del K2 sostengono di camminare davanti a un uomo morente fino alla vetta

Nel complesso, il rapporto della Cina con il Vietnam sulle questioni marittime è caratterizzato da un misto di competizione, cooperazione ed evitamento dei conflitti. I due paesi continuano a gestire le loro complesse relazioni bilanciando i loro interessi strategici nel Mar Cinese Meridionale.

Sebbene esistano tensioni e potenziali conflitti nel Mar Cinese Meridionale, esistono anche opportunità di cooperazione tra Cina e Vietnam, soprattutto in aree di reciproco interesse economico e stabilità regionale. Una gestione efficace dei conflitti e un dialogo rafforzato possono aiutare a mitigare i rischi di escalation e rafforzare la cooperazione nella regione.

Sebbene di tanto in tanto siano scoppiate rivolte, Cina e Vietnam, che intrattengono significative relazioni economiche e politiche, si sono anche impegnati in dialoghi e negoziati per gestire le loro differenze e prevenire l’escalation in un conflitto armato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto