La Cina nega il suo ruolo nel sospetto sabotaggio del gasdotto tra Finlandia ed Estonia Novità investigative

L’8 ottobre, un gasdotto e un cavo di comunicazione sono stati rotti in quello che secondo gli investigatori finlandesi potrebbe essere stato un atto di sabotaggio.

La Cina ha chiesto un’indagine “obiettiva, equa e professionale” mentre la Finlandia indaga sul sospetto sabotaggio di un gasdotto sottomarino che lo collega all’Estonia e alle reti più ampie dell’UE.

Cina e Finlandia hanno iniziato a comunicare in merito ai danni al gasdotto Balticconector, che secondo quanto riferito è fuoriuscito il 9 ottobre. Helsinki ha affermato che le sue indagini si stanno concentrando sul possibile ruolo di una nave cinese.

L’Ufficio investigativo nazionale del paese europeo ha dichiarato venerdì che sta esaminando il coinvolgimento della nave portacontainer NewNew Polar Bear nell’incidente, che ha visto anche il taglio di due cavi di comunicazione.

Lunedì il ministero degli Esteri estone ha dichiarato che Tallinn ha contattato Pechino cercando di “incoraggiare la cooperazione riguardo alle indagini”.

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha dichiarato in una conferenza stampa lo stesso giorno che Pechino spera che le parti interessate possano scoprire la verità il prima possibile, respingendo qualsiasi ipotesi che la Cina sia responsabile.

“Resta inteso che la nave cinese si trovava normalmente nelle acque interessate al momento dell’incidente e non è stato trovato nulla di anormale a causa delle cattive condizioni del mare in quel momento”, ha detto Mao.

Ha aggiunto che la Cina ha sempre chiesto alla comunità internazionale di rafforzare la cooperazione e proteggere congiuntamente la sicurezza delle infrastrutture transfrontaliere.

Pattugliatore marittimo Torva della guardia di frontiera finlandese [Lehtikuva/Finnish Border Guard via Reuters]

Le preoccupazioni per la sicurezza nella regione baltica sono in aumento

Secondo l’Ufficio investigativo nazionale finlandese, vicino al danno all’oleodotto è stato trovato un “oggetto pesante” e si sta indagando se ciò sia correlato all’incidente.

READ  Gli ex mercenari Wagner sono tra coloro che hanno subito pesanti perdite vicino ad Avdiivka

“L’indagine ha confermato che il danno è stato causato da una forza meccanica esterna e, sulla base delle conoscenze attuali, non c’è motivo di credere che il danno sia stato causato da un’esplosione”, ha detto l’ispettore investigativo Risto Lohi in una dichiarazione la scorsa settimana.

L’incidente ha sollevato preoccupazioni circa la sicurezza degli approvvigionamenti energetici nella più ampia regione nordica e ha spinto la NATO ad aumentare i propri pattugliamenti nel Mar Baltico.

Le preoccupazioni sulla sicurezza energetica sono aumentate a nuovi livelli nell’Unione Europea dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel febbraio 2022. La regione baltica è particolarmente vulnerabile a causa del numero limitato di collegamenti energetici con il resto del blocco.

La settimana scorsa, gli investigatori estoni hanno affermato che stavano esaminando due navi in ​​relazione all’incidente, tra cui la nave cinese e la nave russa Sevmorbot.

La compagnia energetica russa controllata dallo Stato Rosatom ha affermato che la sua nave non ha nulla a che fare con i danni al gasdotto.

“Respingiamo categoricamente qualsiasi ipotesi infondata secondo cui una nave gestita da Rosatom potrebbe essere in qualche modo collegata all’incidente del gasdotto Balticconnector nel Golfo di Finlandia l’8 ottobre”, ha affermato la società.

Tuttavia, i funzionari della regione baltica rimangono scettici nei confronti di Mosca e hanno chiesto un’azione.

Il presidente lettone Edgars Rinkević ha dichiarato la scorsa settimana che la NATO dovrebbe chiudere il Mar Baltico alle navi se la Russia fosse dimostrata responsabile.

Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha dichiarato lunedì che le minacce contro la Russia sono inaccettabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto