HomeTop NewsBarbari entro le porte! I turisti rendono le città italiane un...

Barbari entro le porte! I turisti rendono le città italiane un lento faticoso, ma il cibo e il vino sono buoni come sempre

In Thailandia il governo ha chiuso le spiagge dove i turisti hanno distrutto ecosistemi e barriere coralline. A Venezia hanno vietato l’attracco alle navi da crociera grandi come leviatani. Ma a Roma non potevano nemmeno raccogliere la spazzatura.

Dopo un calo durante il periodo Covid, il numero di turisti internazionali in Italia nel maggio di quest’anno è aumentato del 15% rispetto all’anno precedente: circa 7,7 milioni, un milione in più rispetto allo scorso anno; Quest’anno sono attesi 68 milioni di visitatori. Molti di questi turisti affollano le principali attrazioni italiane, con barche che portano ogni giorno decine di migliaia di persone a Capri e carovane di autobus che viaggiano tra le rovine di Pompei.

Anche George Clooney e la sua famiglia hanno messo in vendita la loro villa sul Lago di Como per l’afflusso di turisti. La folla si mette in fila per scattare foto divertenti sullo sfondo della Torre Pendente di Pisa. Un tempo una città affascinante, Amalfi è ora poco più che una piazza dominata da caffè e pizzerie, una collina fiancheggiata da negozi di souvenir che vendono bottiglie di limoncello e magliette.

Anche luoghi che un tempo erano considerati interessi secondari per i turisti, come Milano, Genova, Bari, Sorrento e Verona, sono diventati più popolari. Molto ricco: il turismo è la più grande industria italiana; La produzione è seconda.

Da nessuna parte è peggio che a Roma, dove ci vogliono ore per entrare nei Musei Vaticani; Prenotando con diversi giorni di anticipo si ottengono i biglietti più costosi per Villa Borghese; E l’attrazione della Fontana di Trevi si fa strada tra la folla. Le strade sono sporche, i graffiti sono ovunque sugli edifici antichi, gli autobus e i tram sono sporchi, le metropolitane sono rudimentali. Ho chiesto all’addetto alla reception di un hotel quale numero di autobus prendere e lui ha detto: “Non lo so. Non salgo su un autobus da vent’anni.

Naturalmente, l’Italia non è la sola ad avere tali problemi da periodo di boom. Il turismo internazionale è in aumento ovunque, con Parigi, Londra, Barcellona e persino Reykjavik che registrano numeri record.

Una delle tante cause di attacco post-Covid è il caldo Molto Calore – temperature anticipate e successive nel corso dell’anno, prolungando così la stagione turistica di almeno due mesi. Nei climi già caldi come l’Italia e la Grecia, non esiste più una stagione e le persone viaggiano tutto l’anno. A queste condizioni meteorologiche si aggiungono ondate di caldo soffocante in estate, accompagnate da temperature in aumento e instabili. Anche gli italiani che visitano le spiagge siciliane in estate trovano il caldo insopportabile. E l’aria condizionata è una comodità rara.

L’Italia ha avuto molto successo nell’attrarre persone da tutto il mondo per le sue numerose conquiste culturali durante l’Impero Romano e la sua vasta bellezza naturale. Gli asiatici hanno lo stesso fascino degli europei e degli americani, e oggigiorno molti cinesi e sudcoreani fanno la fila per visitare il Museo degli Uffizi di Firenze o la Cappella Sistina di Roma quanto gli americani.

Avendo viaggiato in Italia decine di volte in cinquant’anni, l’esperienza ha cominciato a essere più una delusione che un piacere ristoratore. Posso sedermi in Piazza di Spagna con una tazza di gelato, ricordando quel bellissimo momento in cui Audrey Hepburn e Gregory Peck fecero lo stesso nel film “Vacanze Romane” del 1953, ora che sedersi sui gradini è vietato—beh, sorvegliato—a causa della il costante vandalismo del monumento da parte dei turisti.

Tuttavia, l’invasione turistica è riuscita a mantenere viva la cultura enogastronomica dell’Italia: fatto sta che molti turisti arrivano in luoghi come Capri o Venezia la mattina e ripartono nel pomeriggio. Questo è un vantaggio solo per i negozi di souvenir e i proprietari di pizzerie. Ciò significa che i visitatori non si siedono a pranzo o a cena fino a pomeriggio inoltrato, permettendo a noi italiani, noi compresi, di rilassarci davanti a un piatto di pasta e un bicchiere di vino.

Da nessuna parte questo è stato più evidente durante un viaggio a Roma questo mese che ad Al Moro, un ristorante preferito da Federico Fellini e dalla sua troupe cinematografica negli anni ’20. È ancora popolare e il cibo è ottimo, così come le loro specialità Fettuccine al Morro– sono stati perfezionati decenni fa. Forse a cena potrebbe essere necessario prenotare, ma a pranzo io e mia moglie all’una lo abbiamo trovato quasi vuoto. Tuttavia, la folla vivace, schiacciante e cacofonica della Fontana di Trevi ha reso difficile raggiungere il ristorante. Questi turisti non mangiano in ristoranti come Al Morro; Se c’è tempo mangeranno una pizza o un panino italiano.

In due settimane in giro per l’Italia, da Roma a Sorrento, ho mangiato il migliore che abbia mai mangiato. Fino all’autunno, su un tavolo appena dentro l’ingresso vengono esposti scintillanti frutti di mare freschi Funghi porcini Ricco di pasta e risotti, non c’è alcun compromesso sulla qualità o sul tentativo di soddisfare la folla di turisti. In più i prezzi non sono cambiati rispetto a quelli pre-Covid: un piatto molto generoso Rigatoni alla carbonara O Tagliolini cacio e pepe In una trattoria costa dai 12 ai 14 euro, in un ristorante di fascia alta dai 16 ai 20 euro. Una caraffa di buon vino della casa può costare intorno ai 12€, e la carta dei vini è ricca di bottiglie sotto i 30€. Con questo aspetto grandioso ottieni tovaglie inamidate, luci soffuse, posti a sedere comodi e senza ostacoli e un livello di rumore completamente civile. E il servizio è incluso, quindi non è richiesta alcuna mancia.

Quindi, esausto per aver combattuto la folla per le strade d’Italia, non sono mai stato più felice quando varco la porta di un ristorante – familiare o nuovo – per sedermi, rilassarmi e andarmene. Al di là una folla frenetica.

La grandezza di Roma è ancora lì, ma ci vuole più tempo per vederla. Ma il tempo è ancora fermo davanti a una ciotola Spaghetti all’amatriciana.

READ  Muore in Italia uno studente indiano; La famiglia chiede l'assistenza del governo per il rimpatrio
Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News