SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Italia 1, navi da crociera, navi da crociera 0. Roma a Venezia si muove al bando.

Rome Ven Italy ha interrotto un importante viaggio attraverso il centro storico di Venezia, riaprendo la spaccatura tra il dipartimento del turismo di Venezia e i residenti che vogliono vietare Behemoth dopo che le navi giganti sono tornate nella città di Laguna a giugno.

Martedì il governo italiano ha deciso di impedire alle grandi navi di accedere ai canali e alla piazza di Venezia fino a quando non saranno costruiti nuovi punti di attracco sulle rive del lago. Gli attivisti contro le grandi navi da crociera da decenni, le ondate di navi e l’inquinamento che provocano e il sottile tessuto di Venezia sostengono danni.

La decisione del gabinetto del primo ministro Mario Draghi ha contribuito a mantenere a galla l’economia di Venezia, ma ha risolto una controversia di lunga data sul lucroso trasporto marittimo che ha fatto arrabbiare molti residenti.

L’aumento del traffico marittimo negli ultimi anni ha innescato una crescente recessione a Venezia, dove molti affermano che la forte consapevolezza delle grandi navi erode le deboli fondamenta degli edifici storici del lungomare.

“Questo è un passo fondamentale per preservare l’integrità ecologica, naturale, artistica e culturale di Venezia”, ​​ha affermato il ministro dei Trasporti italiano Enrico Giovanni.

“Sono felice che ora abbiano messo a punto soluzioni ragionevoli per questi grattacieli galleggianti. Non sono contrario a che vengano a Venezia, ma è ora che mi impediscano di passare San Marco”, ha detto il grafico 52enne Marco Luitrandi.

L’Autorità Portuale di Venezia prevede di rinnovare la darsena a distanza di sicurezza dal centro storico della città, che sarà luogo di attracco temporaneo per le navi.


Foto:

Luca Bruno / Associated Press

Ma lavorando nel cuore turistico della città di Venezia ha difeso l’incrociatore.

“Semplicemente ci è venuto in mente allora. Come puoi interrompere improvvisamente questo processo? “Lavorando su navi da crociera dei prodotti dell’azienda e lo spostamento dei bagagli velleka Antonio ha detto. “Voglio che i lavoratori che non hanno lavorato negli ultimi 18 mesi si rendano conto di quanti danni stanno facendo”.

Nel 2020, la città ha perso circa 200 milioni di euro nell’area, che equivale all’incirca a 237 milioni di dollari, in cui la nave era dovuta alla mancanza di reddito.

Il viaggio che porta alla fine del governo è terribile. Roma inizialmente ha vietato l’accesso alla costa italiana nel 2012 dopo che la Costa Concordia si è arenata al largo della costa toscana nel gennaio di quell’anno.

Tuttavia, il governo concesse a Venezia un’eccezione fino a quando non trovò un percorso alternativo attraverso il lago. Fino ad ora, le grandi navi da crociera hanno navigato per circa 300 metri da Piazza San Marco al porto del Porto Passeggeri attraverso le famose vedute del Canale Guideca.

Nel giugno 2019 una nave si è scontrata con una nave veneziana, una piccola imbarcazione è stata danneggiata e cinque persone sono rimaste ferite. Le navi dell’incidente dal cuore di Venezia hanno incoraggiato a sfrattare la campagna locale.

L’industria delle crociere ha accolto con favore la decisione.

Scrivi Giovanni Legorano a [email protected]

Copyright © 2021 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  L'alleanza di centrodestra italiana può riprendersi dall'influenza dell'estrema destra? - Valerio Alfonso Bruno e Vittorio Emanuel Parsi