SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il ruolo di Gianluca Viali nella vittoria dell’Italia a Euro 2020 è incoraggiante e incredibile

Gianluca Violino mi ha fatto strozzare. Pensaci, questo non è il mio primo rodeo.

Finali di Coppa del Mondo, Finali di Champions League e Finali di Europa League, Finali di playoff, Finali di Coppa nazionale, Finali di campionato europeo e Copa America…

Quando hai il privilegio di quello che faccio per vivere, metti da parte le emozioni e cerchi di essere il più professionale possibile. Non è sempre facile, non quando ami questo gioco e le persone che lo circondano, non quando assisti al trasporto emotivo di centinaia di milioni di persone in tutto il mondo, non quando capisci che questo è uno dei testi più comuni dell’umanità.

Quindi, sì, ci sono momenti in cui divento un postcom emotivo. Ma mai prima dell’evento. A Wembley fino a domenica sera, vale a dire.

– Euro 2020: ultime notizie, caratteristiche, video
– Stream giornaliero ESPN FC su ESPN + (solo Stati Uniti)
– Niente ESPN? Ottieni l’accesso istantaeo

È consuetudine, di solito un’ora prima del calcio d’inizio, che giocatori e allenatori camminino per il campo e si facciano un’idea di ciò che li circonda. La maggior parte della squadra e degli allenatori italiani lo ha fatto prima della finale di Euro 2020 contro l’Inghilterra.

Un uomo stava lì da solo, in piedi in mezzo al campo, e roteò gli occhi a ciò che vide. Qualcuno che vive a pochi minuti da me a Londra e un ragazzo che conosco da 25 anni. Questo è Luca. Ho fatto una foto e l’ho twittata, Vialy vede il prato verde di Wembley, un tempo piccolo ed enorme.

Non gli ho chiesto cosa fosse successo nella sua testa durante quei minuti che sembravano ore, e sono stato trasformato dalla tribuna stampa di Wembley e stavo bene. non glielo chiederò. Lascia che questo sia un momento personale nonostante molte speculazioni.

READ  La presidenza italiana afferma che sta lottando per raggiungere un terreno comune nel clima del G20

Italia e Inghilterra, i due paesi che ha invitato a casa per la quasi spaccatura della sua vita, potrebbero affrontare una finale europea.

Il suo caro amico di calcio, che ha 37 anni, e la sua “doppietta” Roberto Mancini, che veniva dai tempi di Zamboria, potrebbero avergli chiesto di entrare in Nazionale a novembre 2019, e potrebbero aver raggiunto la finale ostacolo di nuovo. (Ufficialmente, il titolo di lavoro era “Capo missione”; ufficiosamente era da qualche parte Consulente, Amico di viaggio e – bilancia il mansini interiore che aziona il violino stravagante riformato – allo yin di un uomo allo yang di un altro).

Alla fine, quando lui e Mancini indossavano lo stesso colore a Wembley, stavano giocando Finale Coppa dei Campioni 1992 1992 Contro il “Dream Team” di Johan Cruyff del Barcellona. I colori e l’abbigliamento erano diversi: maglia bianca, con le tradizionali “righe tonde” del campione, poi; Casi grigio lime oggi. Era la “vecchia” Wembley, prima dell’arco, e prima della ricostruzione, ma il luogo e il peso dell’aria che respirava erano gli stessi. (Il risultato sarà diverso; 29 anni dopo la sconfitta, Vial e Mancini risulteranno vittoriosi.)

Potrebbe essere un momento felice a Wembley. FA Cup, trofeo di campionato e scudo sociale vinse sotto le vecchie Torri Gemelle quando 20 anni fa allenava il Chelsea.

Tornare al calcio per quasi due decenni dal suo ultimo incarico ufficiale potrebbe avergli ricordato cosa si è perso. In due decenni ha messo su famiglia, ha scritto due libri, ha avuto una carriera di successo come opinionista televisivo e ha concluso la sua carriera.

Negli ultimi cinque anni in quegli anni, c’è stato il cancro con il cosiddetto “compagno di viaggio sgradevole”.

READ  Quando l'Italia riapre, soggiorna in questo castello umbro recentemente ristrutturato

Sì, lo chiama. Un “compagno di viaggio” lo segue nel viaggio della vita.

“Non la vedo come una guerra”, scrive nel suo libro “Obiettivi: storie che ispirano a superare le sfide della vita”, che mi ha aiutato a guarire e tradurre. “Non sono un guerriero, non sto combattendo contro il cancro: questo è un nemico molto forte, non avrò alcuna possibilità. Sono in viaggio, il cancro si è unito a me in quel viaggio … Continua il mio obiettivo , lasciami in pace finché non sarà abbastanza grande.”

In quel viaggio Vali ha preso la chemioterapia che ha rovinato il suo corpo, trasformando l’atletica del suo corpo in pelle e ossa (e cuore: non è mai andato via). Ha affrontato la morte, la fine dell’esistenza (o, almeno, questa esistenza) e le conseguenze che avrebbe avuto sulla sua famiglia e sui suoi cari.

Ma gli ha anche insegnato un’energia positiva, regolare e alternata, l’adrenalina di un iper-realista, che porta al silenzio di chi vuole fermarsi e godersi i piccoli dettagli della quotidianità. “

Ecco perché ha accettato l’invito di Mancini e della Federcalcio italiana: “Se penso al lavoro, è facile bloccare i pensieri irrazionali dalla mia mente”, ha scritto. Potrei aggiungere, anche terrificante – la fine della propria esistenza.

Vially è stato attento a rispettare il suo ruolo nella delegazione italiana. Non è un assistente allenatore e non nasconde il suo profilo né interferisce con nessun altro. Era lì per Mancini ei soldati quando necessario.

Secondo l’antica usanza superstiziosa, alcuni dicevano che Mancini sarebbe venuto a Matsini solo la mattina. Altri dicono che sia stato l’elemento chiave di un’altra superstizione che Mancini e la squadra hanno insistito per mantenere per tutta la partita: la squadra è stata lasciata indietro quando l’autobus è partito “dimenticato” ed è stato accolto solo pochi metri dopo.

READ  Harry Wilson esorta il Galles a battere la Turchia per evitare un tuffo forzato italiano | Euro 2020

Il fatto è che è difficile mantenere un basso profilo quando sei un Gianluca Via e hai toccato così tante vite.

“Mi odia per averlo detto, ma non mi interessa”, ha detto Alessandro Florence dopo la finale. “Tutti devono saperlo. Abbiamo un esempio che ci insegna a vivere in ogni momento, in ogni situazione. E sto parlando di Gianluca Violino, per noi è speciale. Senza di lui, senza Mancini e altri allenatori, questo successo non significa nulla. Lui Un esempio vivente. Sapevo che si sarebbe arrabbiato, ma dovevo dirlo”.

Per me, so come si sente Firenze. Vialy potrebbe arrabbiarsi con me mentre legge questo. Ma andava detto. Ci vuole molto per soffocare qualcuno che ha visto così tanto calcio che ho visto anche prima che un pallone venga calciato.