SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

La ricerca dei sopravvissuti termina mentre il bilancio delle vittime del crollo dell’hotel Siji Kaiyuan in Cina sale a 17

Altre nove persone sono state confermate uccise nel crollo di un hotel economico nella Cina orientale, portando il numero finale a 17.

E i media ufficiali hanno annunciato, mercoledì, la fine degli sforzi di ricerca e recupero nel sito.

Altri sei sono stati salvati in precedenza da sotto le macerie del Seiji Kaiyuan Hotel È crollato in un mucchio di cemento frantumato Travi metalliche piegate lunedì nella pittoresca città di Suzhou.

Uno dei rilasciati è rimasto illeso e altri cinque sono stati portati in ospedale per le cure.

La città di Suzhou ha dichiarato sul suo account sui social media che 23 persone sono state estratte dalle macerie dell’hotel, ma non tutte sono sopravvissute.

I soccorritori hanno usato gru, scale, tagliametalli e cani da ricerca per cercare i sopravvissuti.

Crollo di un edificio nella Cina orientale, veduta aerea
Le cause del crollo sono ancora in corso di accertamento.(

AFP: Stringer/Immagina la Cina

)

Per l’operazione sono state mobilitate più di 600 persone, tra cui squadre di soccorso sismico e 120 veicoli.

I social media della città hanno affermato che gli investigatori avrebbero indagato sulle cause del crollo e che la polizia aveva convocato i rappresentanti legali dell’hotel, i gestori e coloro che hanno lavorato alla progettazione e alla costruzione dell’edificio.

Ha aggiunto che alcuni di loro sono stati posti sotto “misure di sorveglianza penale”, indicando che erano soggetti a qualche forma di detenzione o sorveglianza. Non sono stati dati numeri o nomi a coloro che sono stati oggetto di queste misure.

Il Siji Kaiyuan Hotel di tre piani e 54 camere è stato aperto nel 2018, secondo Ctrip, un’app di prenotazione online cinese.

Una storia di crolli

I crolli e gli incidenti di edifici non sono rari in Cina e sono spesso attribuiti a standard edilizi lassisti o corruzione.

Il crollo di un hotel in quarantena nella città cinese meridionale di Quanzhou lo scorso marzo ha ucciso 29 persone e in seguito le autorità hanno scoperto che tre piani erano stati aggiunti illegalmente all’edificio originale di quattro piani.

E le autorità a maggio hanno evacuato uno dei grattacieli più alti della Cina, il SEG Plaza nella città meridionale di Shenzhen, dopo aver tremato più volte per diversi giorni.

Reuters / Agence France-Presse

READ  Il principe Carlo dice ai giovani agricoltori familiari di unirsi