HomeEconomyI prezzi delle case continuano a salire – e tutti tranne il...

I prezzi delle case continuano a salire – e tutti tranne il governo australiano possono vedere che si tratta di un buon investimento | Greg Gerico

UN Il giorno dopo che il governo e il Partito dei Verdi hanno raggiunto un accordo sull’Australian Housing Futures Fund (Haff) progettato per migliorare l’accessibilità economica degli alloggi, l’Ufficio di Statistica ha pubblicato gli ultimi dati sui prezzi delle case che mostrano che l’accessibilità è nuovamente diminuita.

Prima di andare oltre, consideriamo questo in relazione al mercato immobiliare australiano. Negli ultimi tre anni e mezzo, abbiamo vissuto una pandemia globale che ha bloccato la maggior parte dei settori dell’economia per lunghi periodi consecutivi, e da allora abbiamo assistito a una crescita dell’inflazione che ha portato la Reserve Bank a raccogliere liquidità valutare. Di 400 punti base: un aumento più grande e più rapido di quanto abbiamo visto in più di 30 anni.

A prima vista, questa dovrebbe essere una pessima notizia per il mercato immobiliare. E finora l’ultima Dati dell’Ufficio censimento Il rapporto rivela che nel trimestre di giugno di quest’anno i prezzi medi degli immobili sono aumentati del 2,8%, dopo essere scesi solo dello 0,9% l’anno scorso e dopo essere diminuiti del 4,6% nei 12 mesi fino a marzo.

Ancora più sorprendente è che i prezzi residenziali medi in tutto il NSW sono ora più alti di 284.000 dollari rispetto a dicembre 2019 e di 261.000 dollari in più nel Queensland. E se vivi in ​​Tasmania, ora paghi in media il 49% in più per l’alloggio rispetto a prima della pandemia.

Tutto ciò significa che a causa dell’olocausto nucleare, le uniche cose rimaste saranno gli scarafaggi, e gli australiani stanno ancora cercando di fare più offerte all’asta per un posto dove vivere.

In effetti, possiamo probabilmente presumere che ci saranno anche politici australiani che faranno del loro meglio per sostenere i prezzi delle case, qualunque cosa accada.

READ  Siria - Capo missione - Repubblica araba siriana

Segnali di questo miglioramento dei prezzi delle case erano presenti negli ultimi dati sui prestiti immobiliari, che mostravano che la quantità di denaro presa in prestito per i mutui immobiliari stava aumentando molto più rapidamente del numero effettivo di persone che chiedevano prestiti.

Di conseguenza, il calo del mercato seguito all’aumento della RBA sembra ora essere di breve durata.

Naturalmente, come per tutte le questioni finanziarie, i risultati passati non sono garanzia di successo futuro, e poiché stiamo certamente vedendo segnali di rallentamento dell’economia e di tassi di disoccupazione in lento aumento, anche se i prezzi non scendono, è improbabile che ci saranno un altro boom dei prezzi, l’anno prossimo. I prossimi mesi.

Ma per ora possiamo dire che gli ultimi tre anni non sono stati buoni in termini di accessibilità immobiliare – sia per l’acquisto di una casa che per il pagamento di un mutuo su una casa a causa degli alti tassi di interesse.

Il decennio di bassi tassi di interesse senza precedenti è ormai alle nostre spalle e il mio collega dell’Australia Institute, David Richardson, ha sottolineato che gli ultimi conti nazionali pubblicati la settimana scorsa mostrano che il 6,6% di tutto il reddito disponibile delle famiglie in Australia sta ora andando a finire. verso il rimborso dei mutui immobiliari:

In media, le famiglie spendono una quota leggermente inferiore del proprio reddito in interessi ipotecari rispetto al 2008, quando i tassi di interesse erano più alti di 130 punti base, raggiungendo il 9,8%, rispetto all’attuale tasso variabile di riferimento dell’8,5%, o addirittura al 1989, quando i tassi di interesse erano pari a 130 punti base. sono più alti. Le tariffe erano il doppio di quelle attuali, ovvero il famigerato 17%.

READ  Rapporto mensile sull'economia italiana

Possiamo anche utilizzare i dati sul reddito disponibile delle famiglie per avere un’idea del costo reale di una casa media.

Nel dicembre 2019, il prezzo medio delle case in tutta l’Australia era circa 17,9 volte il reddito medio disponibile pro capite annuo delle famiglie (che ora ammonta a 56.150 dollari). I massicci tagli dei tassi di interesse e gli stimoli per la costruzione di case hanno spinto quel numero a 22,2 volte.

Gli alloggi sono diventati in qualche modo più convenienti a causa dell’aumento dei prezzi che hanno rallentato i prezzi delle case, ma sono diventati ancora una volta meno convenienti, a un livello molto più alto rispetto al 2019, per non parlare di dieci anni fa.

Tutto ciò evidenzia che investire nell’edilizia abitativa, a causa delle politiche fiscali e della convinzione politica generale secondo cui qualsiasi governo, qualunque sia la sua linea politica, dovrebbe mantenere alti i prezzi delle case, è stata un’ottima decisione.

Si arriva a un punto che l’altro mio collega Richard Dennis ha spesso sottolineato: tutti in Australia sembrano sapere che investire nel mercato immobiliare è un buon affare, tranne il governo australiano.

L’edilizia pubblica migliorerebbe l’offerta per i lavoratori a basso reddito che difficilmente potranno permettersi un deposito, ma trarrebbero vantaggio da un sistema in cui i prezzi degli affitti sono limitati rispetto all’inflazione e alla sicurezza degli affitti a lungo termine.

Ma potrebbe anche essere un buon investimento per il governo – ottenere una partecipazione azionaria in un settore dell’economia che finora ha visto i tre anni più turbolenti a memoria d’uomo senza clamore.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News