HomeentertainmentWellington divisa mentre l'acquisto del terreno da parte di Peter Jackson blocca...

Wellington divisa mentre l’acquisto del terreno da parte di Peter Jackson blocca il piano abitativo | Nuova Zelanda

UNQuando nella verdeggiante penisola di Miramar a Wellington si diffuse la notizia che il regista Peter Jackson e il suo partner Fran Walsh avevano fermato un controverso complesso residenziale da 500 milioni di dollari neozelandesi acquistando il terreno su cui sarebbe stato costruito, i residenti del sobborgo costiero si rallegrarono.

“È fantastico”, dice Dan Stickley, residente a Miramar, mentre lascia il supermercato. Aggiunge che è significativo che sia stato Jackson, che rifornisce il vasto quartiere cinematografico di questo tranquillo sobborgo, ad acquistare il terreno.

“È uno di noi”, dice Stickley.

I commentatori dei gruppi Facebook locali hanno elogiato l’impegno dei due a riportare il sito proposto alla normalità. Sono in atto piani per raccogliere messaggi di gratitudine sulla carta. A breve distanza dal luogo del progetto di edilizia residenziale pianificato, qualcuno ha scritto con lo spray le parole “Grazie Fran e Peter” sul lato di un condominio in lettere rosse corsive alte otto piedi.

La fine di un progetto di sviluppo residenziale a Shelly Bay – uno scintillante tratto di costa a 8 km dal centro della città che un tempo era una base di difesa – traccia una linea sotto una delle controversie più controverse di Wellington negli ultimi anni. Lo sviluppo proposto ha diviso i residenti della capitale neozelandese dal 2014, innescando discussioni sulla lentezza del cambiamento in una città che soffre di carenza di alloggi.

“Siamo di fronte a una cultura in cui la nostra città è alla ricerca di ragioni per fermare lo sviluppo edilizio”, afferma il consigliere comunale di Wellington Rebecca Matthews.

Georgina Campbell è residente a Miramar e giornalista a Wellington Per il New Zealand Herald“Ciò che sarebbe successo a Shelly Bay sarebbero 350 case in più in una città nel mezzo di una crisi immobiliare”, ha detto.

READ  True Colors lancia le vendite dei "Profeti" Alessio Cremonini al Museo d'Arte Islamica

Materiale polarizzante

Nel 2019, Jackson Lo ha denunciato il consiglio comunale di Wellington Poiché “hanno fatto tutto il possibile per aiutare un costruttore privato” che intendeva costruire “su una bellissima parte della costa di Wellington”, le società dei filmmaker $ 30.000 hanno contribuito alla campagna a sindaco del 2019 da parte di un candidato che si opponeva al Piano Shelley Bay Una delle sue società ha sostenuto una causa intentata da un gruppo che protestava contro il progetto.

Peter Jackson e Fran Walsh tengono le loro statuette agli Oscar dopo che Il Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re ha vinto il premio come miglior film nel 2004. Fotografia: Robert Galbraith/Reuters

In una dichiarazione che annunciava l’acquisto del terreno all’inizio di questo mese, Jackson e Welch hanno affermato che intendono ripristinare la “bellezza naturale della baia”, aggiungendo che presto inizieranno la sistemazione del paesaggio e la piantumazione. Secondo la dichiarazione, i due non svilupperanno il sito dopo aver restaurato due edifici esistenti. La coppia non ha menzionato l’importo pagato per il terreno; Attraverso un rappresentante, hanno rifiutato di commentare ulteriormente.

La dichiarazione afferma che Shelley Bay è una “costa meravigliosa che ha una grande importanza culturale e storica”.

È difficile trovare qualcuno per le strade di Miramar che non stia dalla parte di Jackson.

“Il traffico era un incubo”, dice la residente Barbara Heary.

Aaron Cowan, che si è trasferito nella zona per lavorare in una delle società di effetti visivi di Jackson, ha denunciato lo sviluppo di 350 case come un “disastro”.

“Non c’è accesso, non ci sono infrastrutture”, dice. “Non puoi ospitare così tante persone in quella zona.”

READ  I film on the road ispirano la locandina ufficiale di Lorenzo Mattotti per la Biennale Cinema 2023

Ma fuori dal sobborgo, la questione era polarizzante.

“Tra la miriade di questioni complesse e di storia che fanno parte della storia di Shelly Bay, c’è anche la grande influenza dell’umorismo”, afferma Matthews, consigliere comunale di Wellington.

Alloggi a “livelli di crisi”

Anche se la vendita pone fine a una lunga controversia su Shelly Bay, restano dubbi su come verrà utilizzato il terreno in futuro e su come la città affronterà la carenza di alloggi, che secondo i dati ufficiali è di circa 10.000 unità.

Paul Eagle, membro del parlamento del distretto di Rongotai che copre la penisola di Miramar, ha esortato Jackson Welch e il consiglio a discutere su come la coppia utilizzerebbe la terra di loro proprietà, che comprende decine di milioni di dollari in altre proprietà sull’istmo.

“Il mio appello a Sir Peter e Fran è che abbiamo bisogno di voi attorno a un tavolo come parte della visione della città”, afferma Eagle, che è stato consigliere comunale dal 2010 al 2017 e lascerà il suo seggio parlamentare alle elezioni di ottobre.

Non è noto quale ruolo potrebbero svolgere gli iwi Maori che hanno venduto la loro terra al promotore immobiliare nell’utilizzo del sito in futuro. I Maori – i coloni pre-coloniali di Shelley Bay – hanno riacquistato la terra come parte dell’accordo del Trattato di Waitangi dopo che era stata utilizzata dalle forze di difesa per più di un secolo fino al 2009.

Né l’iwi, che ha sostenuto lo sviluppo, né il gruppo che si è opposto, compresi i membri dell’iwi – che hanno occupato il sito per due anni fino al 2022, e hanno contestato la vendita del terreno allo sviluppatore in tribunale – hanno risposto a The Guardian. . Richieste di commento. Lo sviluppatore, Ian Cassels, ha rilasciato una dichiarazione congiunta con Jackson e Welch, parlando di “sentimenti molto contrastanti” riguardo alla fine del progetto.

READ  Rita Ora ricorda di aver recitato con la defunta Carrie Fisher nel suo ultimo film: Exclusive

Ha notato la natura “difficile” dello sviluppo. Un portavoce di Cassels ha detto che non avrebbe commentato ulteriormente.

Questa foto scattata il 23 marzo 2021 mostra una vista di una zona residenziale vicino a Wellington, in Nuova Zelanda.
Wellington, come altre città della Nuova Zelanda, soffre di una crisi abitativa con carenza di alloggi a prezzi accessibili. Foto: Xinhua/REX/Shutterstock

Tuttavia, molti a Wellington rimangono frustrati dalla mancanza di progressi nell’affrontare la carenza di alloggi. Eagle afferma che, sebbene l’acquisto di Shelly Bay possa essere una “vittoria per la conservazione e per la popolazione locale”, non riesce ad affrontare il problema degli alloggi a prezzi accessibili di Wellington “che rimane a livelli di crisi”.

Il sindaco di Wellington Tori Wahano, che ha saputo dell’accordo il giorno in cui è stato annunciato al pubblico, si è detta “incredibilmente sorpresa” dalla notizia.

“Non vedevo l’ora di vedere un aumento degli alloggi a prezzi accessibili con questo sviluppo”, ha detto whānau ai giornalisti, aggiungendo che è stato “deludente vedere ciò accadere”.

Il consigliere comunale Matthews afferma che Wellington “manca di molti luoghi ideali o facili per costruire case”.

“Dal punto di vista abitativo, la questione è se si supportano i proprietari terrieri nello sviluppo delle loro terre, e l’opinione di molte voci favorevoli all’edilizia abitativa nel nostro consiglio è che vogliamo adottare un approccio più abilitante”, afferma.

Campbell, giornalista del New Zealand Herald, ha affermato che la disputa di Shelly Bay è emblematica di un problema più ampio a Wellington – afflitto da edifici a rischio sismico, crisi dei trasporti pubblici e servizi igienico-sanitari fatiscenti: “una resistenza incredibilmente forte” al cambiamento.

Graziella Fazio
Graziella Fazio
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News