HomeEconomyI leader del G20 si stanno preparando a incontrarsi a Nuova Delhi...

I leader del G20 si stanno preparando a incontrarsi a Nuova Delhi colpita dalle inondazioni, dove le politiche climatiche rimangono irrisolte

Un uomo passa davanti a un modello del logo del G20 fuori da una stazione della metropolitana prima del vertice del G20 a Nuova Delhi, India, 4 settembre 2023. Foto di Anushri Vadnavis/Reuters.

Nuova Delhi (AFP) – Rekha Devi, una bracciante agricola di 30 anni, teme il momento in cui alla sua famiglia verrà chiesto di lasciare la tenda improvvisata in cima a un cavalcavia semi-finito e tornare nelle pianure alluvionali del fiume Yamuna sottostante, dove Sotto si trovano ancora una capanna e un piccolo orto, acqua dovuta alle devastanti piogge di luglio.

Devi, suo marito e i loro sei figli sono fuggiti dopo che le piogge monsoniche da record hanno causato inondazioni che hanno ucciso più di 100 persone nel nord dell’India, provocando migliaia di sfollati e inondando gran parte della capitale, Nuova Delhi. Gli strumenti di lavoro di suo marito, le uniformi scolastiche dei bambini, i libri e tutto ciò che la famiglia aveva accumulato in 20 anni furono spazzati via, costringendo loro e migliaia di altre persone a vivere in campi di soccorso improvvisati.

Per saperne di più: India e Malesia protestano contro le rivendicazioni territoriali della Cina in una mappa appena pubblicata in vista del vertice del G20

La loro sede temporanea è a meno di 10 chilometri (6 miglia) dal luogo del vertice del G20 di questo fine settimana, in cui i leader avranno un’ultima possibilità di decidere come proteggere al meglio persone come Davey quando il prossimo evento meteorologico grave colpirà la città. Ma si aspetta poco, tranne che venga evacuata come parte delle misure di sicurezza per gli incontri.

READ  I rialzi di oro e Bitcoin mostrano crescenti rischi di cigno nero

“Se i capi vivessero qui, porterebbero i loro figli a vivere nelle acque profonde? In questo momento, nessuno sta facendo nulla per noi. Vedremo quando faranno qualcosa”, ha detto.

Nonostante i cicloni, le piogge torrenziali, le frane e il caldo soffocante che hanno colpito l’India e il resto del mondo negli ultimi mesi, i ministri del clima dei paesi del G20 – le maggiori economie mondiali e responsabili della maggior quantità di gas serra – hanno concluso la loro finale incontro al vertice del G20. anno a luglio senza risolvere i principali disaccordi sulle politiche climatiche.

Gli esperti di energia affermano che i principali ostacoli includono il mancato accordo tra i paesi sulle proposte per ridurre le emissioni globali di anidride carbonica entro il 2025, introdurre una tassa sulle frontiere del carbonio, aumentare le energie rinnovabili, eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili e aumentare gli aiuti ai paesi più colpiti dal cambiamento climatico. .

Per saperne di più: Piogge torrenziali e frane hanno ucciso almeno 72 persone questa settimana nell’Himalaya, in India.

Shayak Sengupta, ricercatore e ricercatore energetico presso il think tank US Observer, ha riconosciuto che non esistono accordi generali sulla riduzione dei combustibili fossili o sull’aumento delle energie rinnovabili.

“Tuttavia, sono stato incoraggiato nel vedere che ci sono iniziative su settori specifici come l’idrogeno verde, i biominerali, l’efficienza energetica, il finanziamento della transizione energetica e l’accesso all’energia”, ha affermato Sengupta, che vive a Washington.

I principali leader del G20 avranno un’ultima possibilità per inviare un messaggio forte sull’azione per il clima durante i loro incontri di sabato e domenica.

Madura Joshi, analista energetica presso il Climate Research Institute, ha affermato che la speranza è “che possano elaborare un’agenda ambiziosa che non solo mostri che il G20 può agire, ma aumenti anche la fiducia in vista degli incontri globali sul clima di dicembre”. Serbatoio E3G.

READ  I lavoratori sfogano la loro rabbia al di fuori di Harvey Norman per i salari

Quest’anno è prevista a Dubai la conferenza annuale globale sul clima COP28. Joshi si è detta ottimista perché “l’eliminazione delle prime 20 economie del mondo significa assolutamente che ci sono più preoccupazioni per il mondo nel suo insieme”.

Gli esperti sostengono che uno dei motivi per cui i colloqui tra i ministri del clima non hanno prodotto risultati tangibili è che le decisioni necessarie sono troppo grandi da prendere per loro.

“Dobbiamo chiederci se i ministri del clima hanno il mandato di negoziare ora su queste grandi questioni come il clima e l’energia”, ha affermato Luca Bergamachi, amministratore delegato del think tank italiano sul clima EcoClimate ed ex capo del team sul clima del governo italiano.

Per saperne di più: L’India sospende per cinque anni i piani per nuovi impianti a carbone per concentrarsi sulle energie rinnovabili

Peramachi ha affermato che il primo ministro indiano Narendra Modi, il cui Paese detiene la presidenza del G20 fino a novembre, ha l’opportunità di farsi avanti come leader globale e “mediatore dell’impegno internazionale tra l’Occidente e il resto del mondo”, in particolare su clima ed energia. . Negoziazione.

“Abbiamo bisogno che i leader dicano che dobbiamo fare di più” sul cambiamento climatico, ha detto Peramachi. “Più lontano dai combustibili fossili e più fonti rinnovabili, penso che questo invii un messaggio davvero forte.”

Arasu segnalato da Bangalore, India.

Partire:
Un uomo passa davanti a un modello del logo del G20 fuori da una stazione della metropolitana prima del vertice del G20 a Nuova Delhi, India, 4 settembre 2023. Foto di Anushri Vadnavis/Reuters.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News