SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Grand Hotel Combo Tè Fiori

Guardando le sue vecchie foto che ricordano le cartoline, è facile intuire come il Grand Hotel Combo de Fiori fosse un lussuoso rifugio: costruito su una collina, Appartato nella quiete dei boschi, Gli ospiti di un paradiso in una Sierra volevano ripulirsi dallo stress, dalla sporcizia e dalla sporcizia che li hanno ispirati. Le cartoline, invece, sono cimeli del passato. Oggi, l’albergo, Se ci fosse un hotel Grand Budapest sarebbe identico, La sua infrastruttura da sola ha resistito a mille tipi di tempo fino a un solo film conservato.

Il Grand Hotel Combo de Fiori è un monumento situato sul Monte Tre Crose nella periferia nord di Vortex. Alla gloria del passato, Ricrea non solo i suoi interni e mobili, ma anche un capolavoro progettato dall’architetto italiano in stile Liberty Giuseppe Somaruca. Somaruka era uno studente di Camillo Poyto, un architetto italiano e fondatore della moderna sicurezza italiana, prima che l’hotel fosse fondato, ma lo studente si ribellò rapidamente all’approccio del suo maestro storico. Deve trovare le sue ragioni per il suo stile radicale.

Grand Hotel Combo Tè Fiori
Grand Hotel Combo de Fiori, Vares.

Somaruka era un sostenitore dello stile Liberty dell’architettura nel suo tempo, e ha definito le caratteristiche dell’indipendenza italiana, o Fiore. Nonostante l’innovativa invenzione della tecnica architettonica, il nome di Somaruka compare solo in alcune riviste letterarie sulla sua opera, una delle quali è il Grand Hotel Combo de Fiori, da lui progettato nel 1908. Dopo la sua scomparsa, l’hotel è preservato Una struttura monumentale, Un grande esempio di indipendenza italiana.

Varez è in cima alla lista dei luoghi da non perdere nel primo decennio del XX secolo, attirando visitatori da investitori, dirigenti aziendali e visitatori. Monte Cambo Tè Fiori, Il suo splendore naturale odorava del suo pacifico stato di natura selvaggia e di alberi verdi tentacolari, Il Grand Hotel Combo de Fiori era una piattaforma per gattonare nel quartiere. I ricchi costruirono ville sul versante meridionale della collina, assicurandosi che fossero vicine alla foresta, dando impulso alla crescita economica del comune.

Nel 1907 gli imprenditori che videro le potenzialità di Vares colpite dai turisti crearono la Sociedo Anonima de Grandi Albergi Varesini, che fu investita dal Comune e dal Monte Combo de Fiori. L’azienda ha quindi commissionato la costruzione di edifici per l’ospitalità nelle vicinanze di Somaruka, dando vita al Grand Hotel Combo de Fiori con 200 camere. Guardandola oggi, il sentiero che sale verso l’alto conduce all’ingresso dell’albergo. L’altezza dell’ingresso è ribassata di un livello e dà un aspetto casuale ma invitante dall’esterno. Nel primo livello, la vernice gialla esterna è intervallata da un’unica tavolozza orizzontale di rosso terracotta.

Poiché è sepolto in un’altura, il Grand Hotel Combo de Fiori è coperto da viste sulle montagne e da un adattamento di alberi ad alto fusto all’esterno. L’aria delicata rinfresca i polmoni e rinfresca la pelle, il processo di accettazione della natura nella sua forma più pura. Carichi di ferro scolpito, caotici mattoni rossi, colonne di marmo e sculture ispirate a piante e animali scolpiti scorrono attraverso la costruzione, alcuni dei tesori dell’artigiano del ferro Alessandro Mascotelli Decora l’imponenza del luogo. Queste disposizioni esistono ancora oggi Nonostante alcuni sbiadimenti, strappi e desquamazioni.

Dopo essere tornati all’apertura dell’hotel, durante i primi decenni della sua attività si sono nascosti nelle stanze in evidenza, ballando o ascoltando la musica che fluttuava nella sala da pranzo e conversando sul balcone sotto i loro piedi sul balcone. Al di là delle attenzioni che ha ricevuto, l’hotel è stato costretto ad affrontare la sua chiusura a causa delle guerre che hanno devastato l’Italia.

La prima e la seconda guerra mondiale hanno destabilizzato l’hotel come una destinazione da non perdere e l’hanno portato alla sua rovina. Turisti, élite e investitori vagano dai rigogliosi rifugi verdi delle montagne alle onde del mare Dal boom dell’economia negli anni ’50. Il numero di persone che entrano nell’hotel è diminuito, riducendo il numero di giorni gloriosi trascorsi. I visitatori devono salire su una vetta ai piedi del Combo de Fiori, ma questa modalità di trasporto è stata interrotta nel 1958 a causa della mancanza di passeggeri. L’hotel rimase lì per un altro decennio, ma l’ultimo ospite se ne andò nel 1968.

Nonostante diversi tentativi di rilanciare l’hotel, è stato chiuso e abbandonato per decenni. Le antenne radio sono state aggiunte negli anni ’80 e sono stati utilizzati fili metallici di collegamento per ancorare antenne a forma di piastra, che ora sono raggruppate al centro della terrazza dell’hotel per ricevere i segnali. Il tetto è stato affittato a nuovi proprietari per l’acquisto delle spese di manutenzione. Inizialmente, la famiglia Castiglioni era proprietaria dell’hotel e assumeva dei custodi per mantenerlo in buone condizioni, vivendo all’interno con le loro famiglie per un periodo di tempo e vivendo da soli in 200 stanze.

Poi, nel 2016, il Grand Hotel Combo de Fiori Venduto a un’ex azienda privata guidata da un politico Chi ha detto che l’hotel ha bisogno di essere ridisegnato in ogni aspetto della pratica. L’organizzazione ha affermato di non avere intenzione di rinnovare o riaprire l’hotel. D’altra parte, le visite di gruppo sono disponibili per le persone che vogliono vedere e vivere la volta del passato. Se i visitatori sono alla ricerca di un trekking sui Monti Afidi, questa visita guidata al Grand Hotel Combo de Fiori potrebbe essere attraverso il loro vicolo. In questo prezioso sito di grandezza, ricordi e design, si immergeranno nelle storie dell’hotel, dall’essere un elemento chiave significativo dell’indipendenza italiana al recupero del suo magnifico e lussuoso ambiente. Presto si renderanno conto che il Grand Hotel Combo de Fiori ha vissuto la vita.

Sostieni il nostro progetto indipendente!

READ  Studenti benedettini isolati in Italia, in attesa delle prossime tappe

La stampa italiana è nata dall’idea di due amici che credevano che in Italia non esistesse una fonte di informazione completa, profonda, in inglese. Sebbene alcune pubblicazioni facciano un ottimo lavoro, riteniamo che scrivere sulle ultime notizie o concentrarsi su aree di interesse specifiche richieda altri tipi di approfondimenti di qualità per comprendere meglio la complessità di un paese. Per i titoli dei nostri politici all’estero o per i classici cliché di viaggio. Per questo la stampa italiana è interessata a trattare le tematiche italiane in modo completo a lettori stranieri, professionisti, stranieri e giornalisti. Tuttavia, essendo appena agli inizi, abbiamo deciso di non scegliere alcun compenso, quindi ci autofinanziamo il progetto attraverso annunci, promozioni e donazioni. Ciò significa che quando lo sforzo è grande, possiamo certamente essere orgogliosi della nostra linea editoriale gratuita e gratuita. Ciò è possibile soprattutto grazie ai nostri lettori che speriamo possano ispirare i nostri articoli. Ecco perché ti chiediamo gentilmente di considerare il tuo importante contributo, che aiuterà a far crescere questo progetto – nella giusta direzione. Grazie.