Gli italiani esortano Amazon a boicottare a sostegno della giornata di sciopero | Italia

Circa 40.000 addetti alla logistica di una società di acquisti online hanno scioperato a livello nazionale per le condizioni di lavoro, spingendo lunedì i sindacati dei consumatori italiani ad astenersi dall’acquistare da Amazon.

Questa è la prima uscita in Italia, che interessa l’intera catena di distribuzione di Amazon, e include addetti ai magazzini e centri logistici e autisti forniti da servizi di terze parti.

I sindacati Filt Sigil, Fitzsil e Ultrasporti hanno indetto uno sciopero di 24 ore a seguito dell’interruzione delle trattative sugli emendamenti ai contratti di lavoro tra i rappresentanti dei lavoratori e l’azienda statunitense.

Secondo i sindacati, la rete di distribuzione di Amazon in Italia impiega 40.000 persone, comprese quelle che lavorano nella divisione logistica dell’azienda, che impiega la maggior parte dei 9.500 dipendenti con contratti a tempo pieno.

Le principali richieste sono legate al carico di lavoro, lunghe ore di lavoro per i conducenti, bonus legati ai risultati, buoni pasto e conferme di contratti a tempo determinato. I sindacati sostengono inoltre che i lavoratori dovrebbero essere pagati per continuare a lavorare durante i focolai di coronavirus, specialmente durante i periodi di aumento degli ordini di Amazon.

“Lo sciopero è necessario perché i lavoratori sono esausti”, ha detto Michael de Rose, segretario nazionale di Filt Sigil. I fattorini “lavorano 44 ore alla settimana, spesso tutto il mese, seguendo i segni di un sistema che non comprende l’equilibrio tra vita professionale e vita privata né i tempi del traffico nelle nostre città”, ha detto de Rose.

Lavoratori e sindacati esortano i consumatori a smettere di acquistare da Amazon quel giorno. “Chiediamo solidarietà con i destinatari del servizio affinché il servizio continui a essere svolto nel miglior modo possibile”, hanno scritto in un comunicato i lavoratori.

READ  L'ultimo virus Corona: il governo afferma che la Nuova Zelanda è "troppo vicina" per acquistare più vaccini

In una lettera ai clienti, il manager di Amazon Mariangela Marceglia in Italia ha scritto che l’azienda “rispetta il diritto di tutti di esprimere la propria posizione” e che l’azienda “è al primo posto tra i nostri dipendenti e fornitori di terze parti” in termini di “sicurezza, modernità e posto di lavoro all-inclusive, retribuzione competitiva “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto