HomescienceGli scienziati hanno scoperto i ghiacciai più antichi del mondo

Gli scienziati hanno scoperto i ghiacciai più antichi del mondo

Gli scienziati hanno scoperto tracce dei ghiacciai più antichi del mondo, risalenti a 2,9 miliardi di anni fa, nelle rocce sotto il più grande deposito d’oro del mondo in Sud Africa. Ciò suggerisce che all’epoca esistessero calotte glaciali continentali e che la regione fosse più vicina ai poli, o che parti della Terra potrebbero essersi congelate in un periodo di tempo molto freddo “palla di neve terrestre” precedentemente sconosciuto. Questo lavoro è stato presentato per la prima volta alla Goldschmidt Geochemistry Conference di Lione, a seguito di una pubblicazione sottoposta a revisione paritaria.

Gli scienziati concordano sul fatto che ci devono essere state grandi differenze nel clima della Terra primordiale, ma è stato difficile trovare prove convincenti delle condizioni esatte nella Terra primordiale.

Ora i ricercatori, il professor Axel Hofmann (Università di Johannesburg, Sud Africa) e il professor Elijah Bindmann (Università dell’Oregon, USA) hanno trovato prove delle concentrazioni relative di isotopi di ossigeno nelle rocce antiche, nonché prove fisiche, che mostrano prove coerenti di ghiacciai, 2,9 miliardi . anni fa.

“Abbiamo trovato depositi di ghiaccio ben conservati vicino ai giacimenti auriferi nell’Africa meridionale”, ha detto Elijah Bindman. “Questa è una delle poche aree che rimane più o meno intatta e inalterata dalla Terra primordiale. Questi depositi sono fossili di ghiaccio fossilizzati, che sono fondamentalmente i detriti che dietro di esso sono i ghiacciai mentre si scioglie e si restringe gradualmente. Questi sono i depositi morenici più antichi mai trovati. Inoltre, siamo stati in grado di correlarlo all’analisi degli isotopi dell’ossigeno da queste rocce, che ha dimostrato che il clima doveva essere freddo quando le rocce sono stati depositati».

READ  "L'obiettivo è ambizione": siamo pronti a seguire Netflix nello spazio? | documentario

“Abbiamo studiato le quantità relative di tre isotopi di ossigeno, 16EHI 17Q e 18O. Questi sono tutti tipi di ossigeno ma hanno pesi leggermente diversi. Abbiamo scoperto che queste rocce contengono quantità molto piccole di 18Q, quantità molto elevate di 17O, indicando che si sono formati a temperature glaciali. Questo significa ghiaccio. Aggiungi a quelle prove geochimiche prove moreniche, e questo significa ghiacciai, i ghiacciai più antichi mai trovati sulla Terra”.

I ricercatori hanno avanzato alcune possibili spiegazioni: “Questa regione potrebbe essere vicina ai poli. Un’altra possibilità è che l’intera Terra fosse in un periodo di ‘palla di neve’, quando c’erano basse concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera”.2 e CH4 Ha portato a un “effetto serra inverso”, causando il congelamento di gran parte del pianeta. Gli scienziati ritengono che ciò possa essere accaduto in due occasioni nel recente passato. In tal caso, questo sarebbe il primo periodo di raffreddamento globale mai registrato. “Entrambe le possibilità sono scientificamente interessanti”, ha detto Axel Hofmann.

Ha aggiunto: “I più grandi depositi d’oro sedimentari del mondo si trovano nelle rocce leggermente più giovani sopra le rocce che abbiamo studiato. È possibile che il cambiamento dal riscaldamento del ghiaccio alle condizioni di riscaldamento abbia contribuito a creare questi depositi d’oro, ma questo deve essere confermato e richiede più ricerca.” il lavoro”.

Commentando, il Dr. Andre Becker (professore associato presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Planetarie, Università della California, Riverside) ha dichiarato:

“Le prove della glaciazione in quest’era sono state oggetto di accesi dibattiti e dibattiti per decenni sulla base di prove sedimentarie con suggerimenti che vanno dalle alte quote alla glaciazione ad alta latitudine. L’analisi del triplo isotopo dell’ossigeno aggiunge una linea di prove completamente nuova a questo argomento. Il carbonio biogeochimico ciclo non controlla solo il clima, ma anche il contenuto di ossigeno atmosferico e questi dati probabilmente porteranno a studi di follow-up sull’ossigenazione transitoria in quel momento.

READ  Dolore da endometriosi esclusivo: cos'è, sintomi, case study

Questo lavoro si basa sull’articolo “The First Glaciation of Earth at 2.9 Ga Detected by Triple Oxygen Isotopes”, A.Hofmann e IM Bindeman, Geochemical Perspectives Letters v26. https://doi.org/10.7185/geochemlet.2319 essere visto https://www.geochemicalperspectivesletters.org/article2319/

Questo comunicato stampa contiene materiale e commenti aggiuntivi, non presenti nel documento pubblicato sopra.

Questo lavoro sarà presentato nel discorso 17171, “Modeling Unidirectional and Accretional Flows from the Mantle to the Lithosphere Explains Crust Growth via Triple Oxygen Isotope Mass Balance Through Earth’s History”, in programma per le 10:00 CEST, mercoledì 12 luglio.

La Goldschmidt Conference è la principale conferenza di geochimica al mondo. È una conferenza congiunta della European Association of Geochemistry e della Geochemical Society (USA). Si svolge a Lione, in Francia, dal 9 al 14 luglio. È prevista la partecipazione di circa 5.000 delegati. https://conf.goldschmidt.info/goldschmidt/2023/goldschmidt/2023/meetingapp.cgi

rilascio pubblico. Questo materiale proveniente dall’organizzazione/dagli autori originali può essere di natura puntuale ed è modificato per chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni o schieramenti aziendali e tutte le opinioni, le posizioni e le conclusioni espresse nel presente documento sono esclusivamente quelle degli autori. Guardalo per intero qui.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News