SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Possono svilupparsi nuovi ceppi di COVID negli animali da fattoria o negli animali domestici?

Nessuno sembra essere al sicuro dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2). Dato che SARS-CoV-2 probabilmente si è evoluto nei pipistrelli e successivamente trasmesso agli esseri umani a Wuhan, in Cina, c’è stata preoccupazione per gli animali che infettano gli esseri umani. Ma più prove lo dimostrano Gli esseri umani hanno maggiori probabilità di infettare gli animali Dai criceti e gorilla ai gatti domestici.

La maggior parte degli animali infettati da SARS-CoV-2 Non contrarre malattie gravi come gli umani. Ma man mano che il coronavirus si evolve per diventare più infettivo e mortale, c’è la possibilità che gli animali vengano infettati e diventino un terreno fertile per più variabili.

Sarah L CadyQuesta possibilità è probabile, afferma Clinical Research Fellow in Viral Immunology and Veterinary Surgeon presso l’Università di Cambridge. In collaborazione con Conversazione, il Dr. Cady ha pubblicato un articolo su Forum economico mondiale Sito web che ha discusso la possibilità di nuove varianti dell’infezione da coronavirus animale.

Credito di immagine: Garetsworkshop/Shutterstock

Servono due fattori per fare un cambiamento

Le varianti richiedono l’opportunità di mutare. Richiede un gran numero di infezioni con un gran numero di infezioni croniche nei corpi immunocompromessi. Ciò consente al virus di trovare una mutazione benefica che lo rende più trasmissibile o più resistente contro il sistema immunitario.

Prove per varianti SARS-CoV-2 di rilevanza animale

Il dottor Cady afferma che le possibilità che il virus si sviluppi negli animali domestici e passi inosservato sono improbabili. In diversi studi di prestampa, i ricercatori hanno prelevato campioni casuali di animali domestici e hanno trovato alti tassi di anticorpi negli animali testati. In questi studi, solo una piccola minoranza di animali è risultata positiva per SARS-CoV-2 o aveva questi anticorpi.

“È quindi ragionevole affermare che è improbabile che i nostri animali domestici agiscano come un importante serbatoio di infezione persistente che potrebbe consentire l’emergere di nuove varianti”, ha scritto il dott. Cady.

Mentre la maggior parte degli studi sull’infezione da coronavirus negli animali sono stati in gran parte studiati su cani e gatti, ci sono prove che si verifica anche in specie selvatiche come topi cervi e cervi dalla coda bianca.

READ  Due dei casi di COVID collegati all'epidemia di Melbourne sono stati riclassificati come falsi positivi

Un animale di preoccupazione è il visone. A maggio 2020, gli scienziati Sono stati trovati topi infetti da SARS-CoV-2 Sono stati in grado di trasmettere il virus all’uomo. In Danimarca, un nuovo tipo di SARS-CoV-2 è apparso nel novembre 2020 ed è stato fatto risalire al visone. Fortunatamente, le varianti sono state contenute e l’infezione del visone è stata controllata.

Vicino al visone adulto.  Credito di immagine: Gallinago_media/Shutterstock

Vicino al visone adulto. Credito di immagine: Gallinago_media/Shutterstock

Guardando alla crisi precedente, i visoni sembrano essere l’animale con maggiori probabilità di essere sotto costante osservazione di nuove variabili.

L’immunosoppressione negli animali consente uno sviluppo virale possibile ma improbabile

Come ogni virus, SARS-CoV-2 prospera nelle persone con un sistema immunitario debole. Mentre le infezioni da coronavirus negli animali sono meno gravi, i corpi dei loro ospiti sono abbastanza malati da aiutare lo sviluppo del virus?

Gli animali sembrano essere meno gravemente infetti degli umani. Di conseguenza, non hanno bisogno dell’ampio ricovero in ospedale che sarebbe necessario affinché il virus si sviluppi in un’altra variante.

Per gli animali selvatici, avere un sistema immunitario debole minaccia la loro esistenza complessiva. Per quanto riguarda l’immunosoppressione in altri animali, come la fauna selvatica, questo sarebbe un grave svantaggio per la sopravvivenza. Il Dr. Cady ha scritto che è improbabile che gli animali con un sistema immunitario indebolito possano vivere abbastanza a lungo per un importante sviluppo di un virus grave come SARS-CoV-2.

Sebbene ci siano dati preliminari che indicano che gli animali possono sviluppare mutazioni minori in SARS-CoV-2. Sono necessarie ulteriori prove, ma ciò suggerisce che sono probabili varianti che si evolvono negli animali.

READ  Una nuova mappa rivela i geni che controllano lo scheletro

Stai attento alle future infezioni

Il Dr. Cady suggerisce un rigoroso monitoraggio e l’esposizione agli animali, in particolare quelli che sono vicini all’uomo, come gli animali domestici e gli animali da fattoria.

“In futuro, è imperativo continuare a monitorare SARS-CoV-2 in tutti i tipi di popolazioni animali”.

Sebbene non ci siano prove di varianti legate agli animali, è possibile che gli scienziati non possano escluderlo. Inoltre, se vi sono prove di diffusione naturale tra gli animali o di infezione cronica negli animali, queste misure dovranno essere attuate rapidamente per evitare un’altra crisi.