SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il pallone della NASA rileva il terremoto in California – prossima tappa, Venere?

Questa tecnologia è stata sviluppata per rilevare i terremoti. Un nuovo studio mostra come, nel 2019, abbia portato il primo pallone rilevatore di terremoti portatile molto più vicino a casa.

Tra il 4 e il 6 luglio 2019, una serie di potenti terremoti ha scosso vicino a Ridgecrest, in California, causando più di 10.000 scosse di assestamento in un periodo di sei settimane. Vedendo un’opportunità, i ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della NASA e del California Institute of Technology (Caltech) hanno pilotato strumenti attaccati a palloni ad alta quota sulla regione nella speranza di effettuare il primo rilevamento su pallone di un terremoto naturale. Il loro obiettivo: testare la tecnologia per future applicazioni su Venere, dove palloni dotati di strumenti scientifici possono galleggiare sopra la superficie estremamente ruvida del pianeta.

E ci sono riusciti. Il 22 luglio, barometri altamente sensibili (strumenti che misurano i cambiamenti della pressione atmosferica) su uno dei palloni hanno rilevato le onde sonore a bassa frequenza generate dalla scossa di assestamento sulla Terra.

Nel loro nuovo studio, Inserito il 20 giugno In Geophysical Research Letters, il team dietro i palloncini descrive come una tecnologia simile potrebbe aiutare a rivelare i misteri più profondi di Venere, dove le temperature superficiali sono abbastanza calde da sciogliere il piombo e le pressioni atmosferiche abbastanza alte da schiacciare un sottomarino.

“Gran parte della nostra comprensione dell’interno della Terra – come si raffredda e la sua relazione con la superficie, dove esiste la vita – deriva dall’analisi delle onde sismiche che attraversano regioni profonde come il nucleo interno della Terra”, afferma Jennifer M. Jackson, membro del team William E. Leonard Professore di Fisica Minerale presso il Laboratorio di Sismologia del Caltech e coautore dello studio. “Decine di migliaia di sismografi terrestri riempiono reti spazialmente dense o permanenti, consentendo questa possibilità sulla Terra. Non abbiamo questo lusso sui corpi di altri pianeti, specialmente su Venere. L’analisi delle caratteristiche della superficie su Venere indica una recente attività vulcanica e sembra che alcune regioni sono simili alle zone di subduzione. Le osservazioni dell’attività sismica in queste zone miglioreranno la nostra comprensione dei pianeti rocciosi, ma il duro ambiente di Venere ci richiede di studiare nuove tecniche di rilevamento”.

READ  Un camionista positivo al COVID-19 di Victoria è entrato nell'Australia occidentale, identificati i siti di esposizione

Leggi la storia completa su Notizie JPL.