SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli scienziati dicono che gli animali in natura potrebbero preferire l’accoppiamento con i parenti

Gli scienziati affermano che gli animali allo stato brado, inclusi primati e roditori, tollerano e “forse preferiscono” accoppiarsi con i loro parenti

  • Un team dell’Università di Stoccolma ha riassunto 139 studi che coinvolgono 88 specie
  • I biologi rivelano che gli animali sono tolleranti e potrebbero preferire l’accoppiamento con i loro parenti
  • Hanno scoperto che i roditori in particolare si impegnano in quella che chiamano “preferenza relativa”.

Un nuovo studio ha rivelato che gli animali in natura come primati e roditori sono tolleranti e potrebbero preferire l’accoppiamento con i loro parenti.

I ricercatori dell’Università di Stoccolma hanno riassunto 139 studi sperimentali su 88 specie, coprendo 40 anni di ricerca.

Il team voleva sapere se la specie evita la consanguineità quando ne ha la possibilità, o se se ne impegna intenzionalmente, una cosiddetta “preferenza per consanguineità”.

Le loro scoperte suggeriscono che i biologi devono “ripensare all’opinione diffusa” che le specie in natura evitino intenzionalmente l’incrocio con i loro parenti.

Delle 88 specie valutate dai ricercatori, cinque hanno mostrato la preferenza più forte per i parenti, incluso il macaco Rhesus (Macaca mulatta, nella foto).

I migliori preferiti da cinque persone

Delle 88 specie valutate dai ricercatori, cinque hanno mostrato la preferenza più forte per i parenti: un roditore, un primate, due pesci e una specie di coda primaverile.

– Ratto Littledale (Parotomys littledalei)

– Pesce tilapia africano (Pelvicachomis taeniatus)

Spring Tail (Orchesella cincta)

Trota di lago (Salvelinus namaychu)

Macaco rhesus (Macaca mulatta)

“La gente presume che gli animali dovrebbero evitare di accoppiarsi con un parente quando ne hanno l’opportunità”, ha detto l’autore dello studio Raisa de Boer, ricercatore in zoologia presso l’Università di Stoccolma.

READ  Uno studio ha rivelato che il cervello degli individui autistici ha codificato con successo le emozioni facciali

Ma la teoria evolutiva ci ha detto che gli animali dovrebbero tollerare, o addirittura preferire, l’accoppiamento con i parenti in un’ampia gamma di condizioni per più di quattro decenni.

“Abbiamo a che fare con l’elefante in una sala studio per evitare la consanguineità ribaltando il presupposto che gli animali eviteranno la consanguineità quando possibile”.

Delle 88 specie valutate dai ricercatori, cinque hanno mostrato una preferenza per i parenti rispetto ad altre: un roditore, un primate, due pesci e una specie dalla coda primaverile (l’esapode è simile nell’aspetto a una pulce)

Ma in generale, i roditori hanno dominato le prime dieci specie.

“Sembra che agli animali non importi se il loro potenziale partner è un fratello, una sorella, un cugino o un individuo non imparentato quando scelgono con chi accoppiarsi”, ha detto l’autrice dello studio Regina Vega Trejo dell’Università di Stoccolma.

I ricercatori hanno anche trovato “costantemente” indicazioni di bias di pubblicazione a favore di studi secondo i quali gli animali evitano l’accoppiamento con i parenti.

L’idea che gli animali evitino l’accoppiamento con i parenti è stata il punto di partenza per centinaia di studi scientifici condotti tra molte specie.

Ma la meta-analisi ha mostrato scarso supporto per l’opinione prevalente secondo cui gli animali evitano l’accoppiamento con i parenti.

Una piccola parte dell’analisi generale ha anche esaminato l’evitare la consanguineità negli esseri umani e il team ha confrontato i risultati con esperimenti simili con animali.

Hanno indicato gli studi che hanno messo in dubbio se gli esseri umani evitino la consanguineità quando presentano immagini di volti che sono stati manipolati digitalmente per far apparire i volti più o meno rilevanti per i partecipanti.

READ  Come vedere l'innovativo elicottero Marte della NASA in 3D

“Gli esseri umani, come altri animali, non mostrano una preferenza per potenziali partner non imparentati quando prendono le loro decisioni solo sulla base di segnali visivi”, ha detto John Fitzpatrick, professore associato di zoologia all’Università di Stoccolma e autore principale dello studio.

“Tuttavia, questo è chiaramente molto lontano da un vero accoppiamento”.

Lo studio dimostra che gli animali raramente tentano di evitare l'accoppiamento con i parenti, una scoperta coerente in un'ampia gamma di condizioni e metodi sperimentali.  I lupi erano tra le specie studiate, sebbene non mostrassero una forte preferenza per i parenti (scegliendo di accoppiarsi con i parenti) o

Lo studio dimostra che gli animali raramente tentano di evitare l’accoppiamento con i parenti, una scoperta coerente in un’ampia gamma di condizioni e metodi sperimentali. I lupi erano tra le specie studiate, sebbene non mostrassero alcuna forte preferenza per i parenti (scegliendo di accoppiarsi con i parenti) o “evitando i parenti” (scegliendo di non accoppiarsi con i parenti).

I risultati avranno implicazioni di ampia portata per la biologia della conservazione, poiché la selezione dei partner è sempre più utilizzata nei programmi di allevamento di conservazione

“L’obiettivo principale degli sforzi di conservazione è preservare la diversità genetica, e generalmente si prevede che la selezione dei partner raggiungerà questo obiettivo”, ha affermato il professor Fitzpatrick.

“I nostri risultati incoraggiano la cautela nell’applicazione della selezione dei partner ai programmi di conservazione”.

Lo studio è stato pubblicato in Ecologia ed evoluzione della natura.

Zebre con macchie e pelliccia dorata sono state osservate in Africa da consanguineità

Le zebre sono famose per le loro strisce bianche e nere, ma nel corso di diversi anni gli scienziati hanno notato che alcuni animali hanno macchie, motivi e persino peli dorati bizzarri.

Tali cambiamenti, causati da mutazioni genetiche, sono raramente osservati nei mammiferi, spingendo un nuovo studio sul motivo per cui le zebre stanno cambiando.

Un team dell’Università della California, a Las Angeles, ha condotto test del DNA su 140 zebre di pianura, di cui sette con strani modelli di mantello, provenienti da nove parchi nazionali in Africa.

READ  Dolore da endometriosi esclusivo: cos'è, sintomi, case study

I ricercatori hanno scoperto che popolazioni isolate producevano un’astrazione innaturale a causa della consanguineità, che è dovuta alla frammentazione dell’habitat degli esseri umani che hanno preso il controllo della terra.

La mancanza di diversità genetica può portare a difetti genetici, malattie e sterilità, che alla fine possono portare all’estinzione delle zebre normali.

Le zebre sono note per le loro strisce bianche e nere, ma nel corso di diversi anni gli scienziati hanno osservato che alcuni animali hanno macchie, motivi e persino peli dorati strani.

Le zebre sono note per le loro strisce bianche e nere, ma nel corso di diversi anni gli scienziati hanno osservato che alcuni animali hanno macchie, motivi e persino peli dorati strani.

Per saperne di più: zebre con macchie e pelo dorato sono state osservate in Africa sin dall’incrocio tra consanguinei

Annunci