HomescienceSpiega le maree termiche nell'alta atmosfera durante El Niño 2015 2015

Spiega le maree termiche nell’alta atmosfera durante El Niño 2015 2015

Terra visibile della NASA ” larghezza=”800″ altezza=”530″/>

L’evento record di El Niño nel 2015 (la cui superficie termica è simile all’evento del 1997, a sinistra) non solo ha avuto un grave impatto sull’oceano, ma anche sull’atmosfera sopra i 100 chilometri attraverso le maree termiche. a lui attribuito: La Terra visibile della NASA

L’atmosfera terrestre oscilla su scala globale, proprio come gli oceani. Le cosiddette maree nell’atmosfera dipendono dal calore e dalla gravità del sole, così come dal trascinamento della luna e dalla rotazione della terra. Nella troposfera, gli scienziati hanno identificato una marea regolare, che chiamano DW1, ha una durata di 24 ore e un numero d’onda della regione 1. Il numero d’onda della banda si riferisce al numero di avvallamenti e picchi che possono essere osservati simultaneamente nell’onda poiché orbita intorno all’intero globo, il che in questo caso significa che ce ne sono solo uno di ciascuno.


I ricercatori sanno da diversi decenni che DW1 esiste in gran parte a causa del riscaldamento associato al vapore acqueo troposferico, che poi si diffonde nell’atmosfera centrale e nella bassa termosfera. Durante El Niño 2015, gli scienziati hanno visto un miglioramento anormalmente grande di DW1.

In un nuovo studio, Kogure e Liu hanno cercato di spiegare il motivo di questo miglioramento indagando su due potenziali fattori. In primo luogo, hanno esaminato l’effetto del riscaldamento delle maree nella troposfera causato da El Niño. Tuttavia, il team riferisce che l’evento El Niño del 2015 ha aumentato il riscaldamento di 0,4 milliwatt per chilogrammo, il che equivale a solo un ulteriore 5%. Al contrario, afferma il team, il 5% in più di riscaldamento troposferico potrebbe spiegare solo il 7% del riscaldamento delle maree.

Il restante 93% deriva dalla diminuzione della dissipazione in atmosfera. Una volta che DW1 inizia a propagarsi, inizia anche a dissiparsi mentre l’aria aspira spingendolo verso di sé, che fa parte del normale ciclo di vita delle maree. Tuttavia, durante El Niño 2015, gli effetti dei venti sulle maree termiche sono stati notevolmente ridotti, causando una minore dissipazione e un netto miglioramento di DW1. Nello specifico, i ricercatori suggeriscono che l’oscillazione quasi biennale (QBO) nella bassa stratosfera potrebbe spiegare la bassa dissipazione sopprimendo la lunghezza d’onda verticale e taglio del vento in direzione nord. QBO mostra come i venti della regione equatoriale si spostano da est a ovest nella stratosfera circa ogni due anni. L’evento El Niño del 2015 corrisponde alla fase QBO verso est, che secondo i ricercatori ha creato le condizioni favorevoli per un aumento del calore. Estensione.


Illustre attività di MJO durante il Super El Nino 2015/2016


maggiori informazioni:
Masaru Kogure et al, miglioramenti delle maree DW1 nella MLT tropicale durante il 2015 El Niño: il ruolo relativo del riscaldamento e della propagazione delle maree, Journal of Geophysical Research: Space Physics (2021). doi: 10.1029/2021JA029342

Questa storia è stata ripubblicata con il permesso di Eos e ospitata dall’American Geophysical Union. Leggi la storia originale Qui.

la citazione: Spiegazione delle maree termiche nell’alta atmosfera durante il 2015 El Niño (2021, 27 agosto) Estratto il 27 agosto 2021 da https://phys.org/news/2021-08-thermal-tides-upper-atmosphere-el.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi trattamento leale a scopo di studio o ricerca privato, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito solo a scopo informativo.

READ  Gli astronomi hanno appena scoperto le più grandi strutture rotanti dell'universo
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News