SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un nuovo ceppo di probiotico comune potrebbe essere più efficace nel proteggere la salute del bambino

I ricercatori dell’Università di Helsinki hanno creato un ceppo di probiotico Lacticaseibacillus rhamnosus GG che è in grado di beneficiare del lattosio e della caseina, nonché di riprodursi nei prodotti lattiero-caseari. Di conseguenza, la scoperta potrebbe rendere non necessaria l’aggiunta separata di probiotici ai prodotti lattiero-caseari, inoltre potrebbe essere migliore nell’intestino, promuovendo la salute dell’intestino.

Lacticaseibacillus rhamnosus GG, o LGG, è il batterio probiotico più studiato al mondo. Tuttavia, le sue caratteristiche non sono perfette, poiché non è in grado di utilizzare i carboidrati del lattosio del latte o la scomposizione delle proteine ​​del latte caseina. Questo è il motivo per cui i batteri crescono male nel latte e perché dovrebbe essere aggiunto separatamente ai prodotti lattiero-caseari probiotici.

In effetti, sono stati fatti tentativi per far sì che L. rhamnosus GG si adatti meglio al latte attraverso l’ingegneria genetica. Tuttavia, severe restrizioni hanno impedito a questi batteri modificati di essere utilizzati nel cibo umano.

Grazie a una recente svolta presso l’Università di Helsinki, in Finlandia, con i ricercatori dell’Istituto nazionale di biotecnologia e ingegneria genetica, Pakistan, le caratteristiche sono state ora aggiunte con successo ai probiotici LGG senza modifiche geniche, facendoli prosperare e crescere nel latte.

Il metodo utilizzato è noto come coniugazione ed è una tecnica utilizzata da alcuni gruppi batterici per trasferire i loro tratti ad altri batteri. In questo processo, un batterio produce una copia del suo plasmide, che è un pezzo di DNA a forma di anello nei batteri. Successivamente, i batteri trasferiscono il plasmide ai batteri vicini. La diffusione dei plasmidi, che trasportano i tratti benefici dei batteri, può essere rapida tra le comunità batteriche.

READ  Blocco di Melbourne: Martin Foley avverte che i vittoriani non vaccinati non si godranno le libertà estive

Nel caso di Lacticaseibacillus rhamnosus GG, un plasmide che fornisce la capacità di utilizzare lattosio e caseina è emerso in uno specifico ceppo batterico di Lactococcus lactis che è cresciuto nello stesso locus.

Il nuovo ceppo LGG non è stato modificato geneticamente, il che rende possibile consumarlo e tutti i prodotti in esso contenuti senza alcuna procedura di autorizzazione. “

Per Sari, Project Leader, Professore di Microbiologia, Facoltà di Agraria e Forestale, Università di Helsinki

Il nuovo ceppo può essere utilizzato come punto di partenza nello sviluppo di nuovi prodotti lattiero-caseari poiché la concentrazione di probiotici aumenta già nella fase di produzione. In altre parole, i probiotici non devono essere aggiunti separatamente al prodotto finale.

Inoltre, il nuovo ceppo LGG potrebbe essere meglio attrezzato per la crescita, ad esempio, nell’intestino di un bambino dove può utilizzare il lattosio e la caseina presenti nel latte materno, il che si traduce in più acido lattico rispetto al ceppo originale.

“L’acido lattico abbassa il pH della superficie intestinale, il che riduce la vitalità di molti batteri che causano malattie Gram-negativi, come Escherichia coli, Salmonella e Shigella, che minacciano la salute dei bambini. Inoltre, in numero maggiore, il nuovo ceppo LGG potrebbe essere più efficace. Nel proteggere i bambini dal ceppo antico, dopo tutto, LGG ha già dimostrato di ridurre la dermatite atopica infantile e migliorare il recupero della flora intestinale dopo il trattamento antibiotico “.

I ricercatori sono in trattative sull’applicazione aggiuntiva per la loro scoperta.