HomescienceCura integrata del cancro: migliori pratiche nell'Australia post-pandemia

Cura integrata del cancro: migliori pratiche nell’Australia post-pandemia

La pandemia di COVID-19 ha causato Ha cambiato radicalmente il paradigma della cura del cancro in Australia, reso necessario dalla necessità di bilanciare il rischio di infezione con l’uso ottimale delle risorse del sistema sanitario per massimizzare gli esiti dei pazienti.

Durante tutta la pandemia, abbiamo visto disordini Per lo screening del cancro, l’adeguamento dei programmi di trattamento dei pazienti, il declino della ricerca sul cancro e degli studi clinici, nonché l’uso diffuso della telemedicina in tutto il sistema sanitario nazionale, la rapida diffusione dell’assistenza oncologica domiciliare, compresa la gestione della chemioterapia per via endovenosa, e gli adattamenti innovativi ai modelli di infrastrutture ospedaliere, cure di follow-up condivise e cure ai sopravvissuti tra medici di base e specialisti.

Tuttavia, la vera sfida è mettere in atto le lezioni apprese negli ultimi due anni per fornire ai pazienti le migliori pratiche e la cura integrata del cancro.

L’assistenza integrata non è un’idea nuova in Australia, che da allora è stata un obiettivo politico in tutti gli stati e territori Accordo del Consiglio dei governi australiani (COAG) nel 1995. Tuttavia, l’assistenza oncologica multidisciplinare integrata è ora più importante che mai nel mutevole panorama australiano. Durante la pandemia, abbiamo visto la necessità di migliorare la connettività virtuale (Qui e Qui), Modifiche ai ruoli e alle responsabilità esistentie Maggiore attenzione alle considerazioni localiintensificare Garanzia di qualità e sicurezza, E Semplificare la continuità delle cure Tramite impostazioni primarie e secondarie.

Il coordinamento è fondamentale per il modello integrato e l’integrazione delle cure primarie nelle cure secondarie è fondamentale per garantire la continuità dell’assistenza al paziente. Gli operatori sanitari di base svolgono un ruolo fondamentale nell’aiutare i pazienti ad accedere alle cure oncologiche giuste al momento giusto. I medici di base forniscono cure complete e continue e collegano la comunità con il resto del settore sanitario. terminato L’85% dei tumori viene diagnosticato dopo che i sintomi sono stati presentati al medico di base.

READ  Passi evolutivi: i Neanderthal potrebbero non essere stati una specie così diversa come si pensava

La cura integrata del cancro porta a Migliora i risultati clinici e sperimenta una migliore assistenza per i pazienti e le loro famiglie durante tutto il percorso di trattamento. Un modello multidisciplinare di cura del cancro, utilizzando un approccio basato su team di sottospecialitàÈ stato dimostrato che migliora i tassi di mortalità in molti tipi di cancro, con le aliquote più basse riflesse nei distretti sanitari locali Dove si pratica un’assistenza coordinata e integrata. inoltre, Studio 2021 su pazienti affetti da cancro del retto di stadio da 2 a 3 Dimostrato migliori tassi di sopravvivenza tra quelli in un ambiente di cura del cancro integrato rispetto a non integrato.

L’assistenza integrata non è solo meno frammentata, meno costosa e più efficiente, ma anche più sicura ed efficace perché riduce la possibilità che ciò accada. Il trattamento di una condizione, raccomandato da un caregiver, interferisce con l’esito di un altro. I risultati di una recente revisione sistematica e meta-analisi suggeriscono che L’assistenza integrata ha mostrato significative riduzioni dei costi e risultati migliori Rispetto alle cure abituali, soprattutto negli studi con un periodo di follow-up superiore a 1 anno.

Tuttavia, la pandemia di COVID-19 continua ad avere un profondo impatto globale sulla cura del cancro Reindirizza risorse importantie Chiusura dei servizi di screening di base, E Sospensione temporanea di studi clinici potenzialmente salvavita.

di recente studio Ha scoperto che circa la metà dei pazienti australiani con cancro ha subito interruzioni delle cure durante la pandemia. Inoltre, quasi la metà dei 150 operatori sanitari ha convenuto che ci sono stati ritardi atipici nella fornitura di cure per il cancro e la metà ha affermato che l’accesso alla ricerca e alle sperimentazioni cliniche è diminuito. La riorganizzazione dell’assistenza al cancro ha aumentato l’onere psicologico e pratico per i pazienti e gli operatori sanitari, con molte preoccupazioni sulla qualità e la sicurezza durante la pandemia.

READ  Queste misteriose tane di animali sembrano animali preistorici. Finalmente sappiamo come

Data la crescente necessità di pazienti che richiedono maggiore sicurezza, qualità e cure coerenti, il modello integrato deve considerare la riduzione dei viaggi offrendo cure localizzate con il maggior numero possibile di servizi in un’unica posizione. Il futuro dei servizi oncologici integrati è quello di aumentare ed espandere i servizi esistenti a livello locale o nel campus, senza costi aggiuntivi per il settore sanitario.

Uno di questi modelli è la nostra clinica privata a Sydney. Il trattamento integrato del cancro è offerto in un unico campus e comprende consulenze subspecialistiche, chirurgia, oncologia medica, radioterapia oncologica, ematologia, diagnostica, imaging, terapia fisica, oncologia cardiaca, servizi sanitari associati e referral, oltre a fornire un’esperienza clinica completa. La nostra clinica ospita anche il Cancer Institute of New South Wales, l’Agenzia per l’innovazione clinica e il Comitato per l’eccellenza clinica che crea un enorme potenziale di collaborazione con queste agenzie per fornire ulteriore sviluppo.

Ci sarà anche un urgente bisogno di nuovi modelli di cura per affrontare casi di cancro più complessi a causa dell’impatto dei blocchi nazionali in corso. Le statistiche globali mostrano un aumento dei casi di cancro complessi con più pazienti che emergono con malattia metastatica a causa di ritardi nella diagnosi e nel trattamento. (Quie Qui e Qui). I pazienti con malattia in stadio avanzato spesso richiedono un trattamento maggiore rispetto alla malattia in stadio iniziale e un approccio multidisciplinare e integrato ai casi di cancro complessi è fondamentale per migliorare gli esiti del paziente.

I principali esiti – laddove vi è un maggior grado di integrazione delle cure – sono maggiori effetti sulla fruizione dei servizi sanitari e sulla salute dei pazienti, che sono Gli effetti si ottengono a un costo inferiore.

READ  Le cliniche “ingannano” i pazienti che congelano gli ovuli

Il professor Stephen Clark OAM è un oncologo medico presso GenesisCare North Shore. È specializzato in tumori toracici e gastrointestinali, compresi i carcinomi neuroendocrini e il mesotelioma. È anche professore di medicina all’Università di Sydney.

Il professor Nick Pavlakis è un oncologo medico e direttore del sito di oncologia clinica presso GenesisCare North Shore. È specializzato in cancro ai polmoni, mesotelioma, cancro gastrointestinale e tumori neuroendocrini e la sua filosofia nella pratica è fornire cure di alta qualità con empatia e speranza.

La dottoressa Dasantha Jayaman è un oncologo delle radiazioni e direttore del sito dell’oncologo delle radiazioni presso GenesisCare North Shore. Ha interessi clinici speciali nel sistema nervoso centrale, nei tumori della testa e del collo e nelle neoplasie polmonari. Il Dr. Jayaman è anche docente di clinica presso l’Università di Sydney.

Le dichiarazioni o le opinioni espresse in questo articolo riflettono le opinioni degli autori e non rappresentano la politica ufficiale dell’AMA, e mia o Intuizione + A meno che non sia menzionato.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News