Il posto più sicuro al mondo? Il Vermont guida la corsa ai vaccini negli Stati Uniti

Il Vermont – noto come Bernie Sanders e sciroppo d’acero e luogo di nascita del gelato di Ben e Jerry – ha una nuova celebrità: lo stato americano con il maggior numero di vaccinazioni contro il Covid-19.

Sede di ranch rossi e cartelli che avvertono i conducenti di alci, il secondo stato degli Stati Uniti meno densamente popolato è recentemente diventato il primo a vaccinare parzialmente l’80% della popolazione ammissibile.

“Probabilmente ci rende il posto più sicuro nel paese e probabilmente nel mondo”, afferma il commissario per la salute Mark Levine, che ha sulla sua scrivania il capo del consigliere capo per la pandemia degli Stati Uniti Anthony Fauci.

Lo stato rurale nord-orientale ha somministrato almeno una dose del vaccino all’82% della popolazione di 12 anni o più, ben al di sopra della media nazionale statunitense del 64%.

Il suo tasso di vaccinazione è più del doppio di quello del Mississippi con le prestazioni peggiori.

Funzionari e residenti locali attribuiscono il successo del Vermont alle onnipresenti cliniche per i vaccini, alla fiducia nei leader politici e nella scienza e al forte senso di responsabilità dei residenti nei confronti della propria comunità.

“I Vermont danno priorità alla loro salute, che è un buon punto di partenza”, dice Levine all’AFP presso gli uffici del Dipartimento della Salute a Burlington sul Lago Champlain.

“Di conseguenza, gli abitanti del Vermont sono molto cooperativi e compiacenti”, aggiunge, citando le tradizioni delle riunioni cittadine e dell'”impegno civico” in tutto il New England, inclusi Maine e Massachusetts, dove anche i tassi di vaccinazione sono alti.

Il Vermont, che ha una popolazione del 94% di bianchi e ha uno dei più alti livelli di istruzione negli Stati Uniti, ha registrato solo circa 250 decessi per Covid-19.

READ  Il lancio del satellite Euclid potrebbe svelare i segreti dell'universo

Gli Stati Uniti nel complesso hanno subito oltre 605.000 decessi correlati al Covid.

Il governatore repubblicano moderato Phil Scott ha revocato tutte le restrizioni rimanenti quando il Vermont ha raggiunto l’80% il mese scorso, dopo aver revocato il mandato della maschera dello stato a maggio.

Evan David Warner, un escursionista sulla principale Church Street di Burlington, concorda sul fatto che i residenti affiatati del Vermont di soli 640.000 abitanti sono stati la chiave per riportare la vita alla normalità.

“Gli abitanti del Vermont credono che tutti abbiamo la responsabilità di proteggerci a vicenda”, dice il chitarrista 23enne tra una canzone e l’altra, “è un codice morale sociale”.

I residenti sparsi del Vermont e il terreno montuoso popolare tra gli escursionisti in estate e gli sciatori in inverno hanno sfidato i vaccinatori a raggiungere tutti.

Con le riprese che rallentano in luoghi chiave, sono state allestite cliniche pop-up in fattorie, spiagge sul lago, parchi statali e corsi d’acqua per aiutare a raggiungere le persone nelle aree rurali, compresi i lavoratori agricoli migranti.

– “Comfort” –

“Ci siamo resi conto che dovevamo andare da loro”, spiega l’infermiera Elaine Munger, mentre aspetta di entrare nel mercato degli agricoltori a Northfield, che ha una popolazione di 6000 abitanti.

“A volte questo significa viaggiare su strade sterrate in mezzo al nulla e andare a casa di qualcuno dove sta tornando a casa.

“In realtà sono stata in posti che non mi sarei mai aspettato di visitare come infermiera”, aggiunge, dove la gente del posto vende tè biologici, sottaceti affettati e fragole fresche.

A quindici miglia (24 chilometri) di distanza a Websterville, la Guardia Nazionale somministra il vaccino one-shot Johnson e Johnson ai dipendenti della Vermont Creamery.

READ  Trasformazione morfologica delle galassie nude dalla pressione dell'ariete: un percorso dai tipi di galassie tardivi a quelli precoci Avvisi mensili della Royal Astronomical Society

La società ha collaborato con i soldati per aiutare ad aumentare il tasso di vaccinazione per i suoi dipendenti, che era in ritardo di circa il 55%.

“Stiamo solo cercando di rimuovere qualsiasi ostacolo”, spiega il direttore del marketing Kate Payne, osservando che l’azienda offriva tacos gratuiti come ulteriore incentivo.

Gli orari di lavoro, le case in aree remote e le responsabilità per l’assistenza all’infanzia hanno reso difficile per alcuni dipendenti trovare il tempo per vaccinarsi.

“È stato facile”, afferma Jason Strayd, 30 anni, supervisore di Fresh Cheese, spiegando perché è stato vaccinato al lavoro.

A Burlington, la città più grande del Vermont, l’alto tasso di vaccinazione è un sollievo per la gente del posto e le imprese.

“È fantastico vedere volti sorridenti naturali”, afferma l’operaia del negozio di abbigliamento Aida Arms.

“C’è anche un sostegno economico che deriva da un tasso di vaccinazione più alto”, aggiunge il 21enne.

Il commissario per la salute Levine osserva che il Vermont non ha offerto incentivi significativi per le vaccinazioni.

Nessuna lotteria come quelle viste in altri stati; Solo l’esotico gelato soft conosciuto localmente come “crema”.

Crede che “l’apatia”, non una riluttanza a vaccinare, sia ciò che spinge gli oppositori.

Ma è determinato a farsi iniettare nelle braccia, soprattutto con la preoccupazione che circonda le mutazioni del virus come la variante delta.

“Perseveranza: un altro buon valore per il New England”, dice.

pdh / acb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto