SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Come richiedere investimenti e bonifici sulle dichiarazioni dei redditi australiane

Gli australiani vengono avvertiti che qualsiasi tentativo creativo di chiedere più denaro fallirà e le persone rischiano di essere punite.

Più di A $ 600.000 sono stati avvertiti per evitare di commettere un errore comune nella dichiarazione dei redditi, altrimenti rischiano di restituire i soldi o ritardare il rimborso.

L’Australian Taxation Office (ATO) ha scoperto che un numero crescente di persone investe in azioni o fondi negoziati in borsa (ETF).

Tuttavia, molti spesso fraintendono i loro obblighi fiscali quando dichiarano le plusvalenze derivanti dalla vendita di azioni, nonché il reddito sotto forma di dividendi e dividendi.

Il vice commissario Tim Loh ha affermato che l’ATO è pienamente consapevole che la crescita delle piattaforme di micro-investimento ha aiutato un numero record di nuovi investitori ad entrare nel mercato.

“Sfortunatamente, gli investitori per la prima volta spesso non comprendono i loro obblighi fiscali, non tengono registri adeguati e hanno maggiori probabilità di commettere errori durante la presentazione delle dichiarazioni dei redditi”, ha affermato.

L’ATO riceve dati dalla Australian Securities and Investments Commission (ASIC), broker, borse e registri azionari, sui pagamenti dei dividendi e sull’acquisto e la vendita di azioni.

Le informazioni sull’orario di imposta su 5,8 milioni di transazioni verranno aggiunte automaticamente alle dichiarazioni dei redditi di 612.000 contribuenti.

“Anche se questi dati rendono molto più semplice il tempo fiscale, è comunque importante per gli investitori verificare che tutti i loro dati rilevanti siano inclusi”, ha osservato Lu.

Cosa sono gli ETF?

Gli ETF forniscono accesso a basso costo a migliaia di diversi tipi di investimenti e sono un’opzione di investimento sempre più popolare tra i millennial.

Molte piccole piattaforme di investimento mobile, come Raiz e Spaceship, fungono da fondi comuni gestiti che acquistano ETF.

READ  Troppo presto per ridurre gli acquisti di obbligazioni epidemiche "di emergenza": Visco . della BCE

Gli investitori acquistano quote di un ETF utilizzando l’applet di investimento sul proprio telefono. Al momento delle imposte, forniscono agli investitori una Dichiarazione di distribuzione standard (SDS) che dettaglia ciò che devono dichiarare nella dichiarazione dei redditi.

Quando l’investitore cede le quote, la SDS mostrerà la plusvalenza o la minusvalenza derivante dalla vendita delle quote, che deve essere inclusa anche nella dichiarazione dei redditi.

Tratta i profitti come contanti

In generale, i contribuenti di solito devono dichiarare i propri guadagni anche se non è stato prelevato denaro dal conto.

La maggior parte delle persone si rende conto che deve pagare le tasse sui soldi guadagnati dalla vendita di azioni. Ma molti non si rendono conto che la tassa si applica anche a dividendi e dividendi, anche se vengono automaticamente reinvestiti in un piano di reinvestimento.

Qualsiasi cosa ricevuta attraverso un piano di reinvestimento di dividendi o distribuzione è considerata reddito e viene trattata ai fini fiscali allo stesso modo della ricezione di contanti.

Gli investitori che vendono azioni dovranno calcolare la loro plusvalenza o minusvalenza e registrarla nella dichiarazione dei redditi.

È importante notare che le perdite di capitale si verificano solo quando le azioni vengono vendute. Gli investitori non possono rivendicare “perdite di carta” sugli investimenti se il prezzo delle azioni scende ma continuano a possedere le azioni.

“Ogni anno vediamo alcuni imprenditori intraprendenti che cercano di compensare le loro perdite di capitale con l’imposta sul reddito applicata ad altri redditi, come stipendi e salari. Altri cercano di compensare la loro ‘perdita di carta’ con il reddito effettivo”, ha affermato.

“Le nostre sofisticate analisi dei dati sono in grado di rilevarlo e potremmo sanzionare gli investitori che hanno intenzionalmente fatto qualcosa di sbagliato”.

READ  Il futuro del cibo è nelle nostre mani: il mondo

I record ti tengono fuori dai guai

Il signor Luo ha aggiunto che tenere una buona documentazione è il modo migliore per garantire il rispetto dei propri obblighi fiscali.

Le tasse sugli investimenti in azioni e ETF possono essere complicate e la scarsa tenuta dei registri non rende le cose più facili. Ha affermato che tenere una buona documentazione, comprese date, prezzi, commissioni e dettagli di eventi imponibili come frazionamenti azionari, consolidamenti azionari, fusioni e separazioni, è essenziale per evitare problemi al momento dell’imposta.

“Gli errori relativi alla CGT o al reddito da dividendi e dividendi, intenzionali o accidentali, comporteranno aggiustamenti. Potrebbe essere necessario pagare una parte o la totalità del rimborso fiscale e potrebbero essere applicate sanzioni. “

Di quali dettagli hai bisogno al momento dell’imposta

• Storia di acquisto/reinvestimento

• Importo/Valore di acquisto

• Dettagli di eventuali pagamenti non valutabili a te

• La data e l’importo delle eventuali chiamate (se le azioni sono parzialmente pagate)

• Data di vendita e prezzo di vendita (se l’hai venduto)

• Eventuali costi di intermediazione o commissioni pagate ai broker al momento dell’acquisto o della vendita

• Dettagli di eventi quali frazionamenti azionari, consolidamenti azionari, ritorni di capitale, acquisizioni, fusioni, consolidamenti ed emissioni di azioni bonus.

• Dettagli delle minusvalenze subite negli anni precedenti: potresti essere in grado di compensare queste perdite con future plusvalenze

• Dividendi o dati sulla distribuzione degli investimenti gestiti (dati sulla distribuzione standard)

Leggi argomenti correlati:tempo di imposta