HomescienceASTRO aggiorna le linee guida per la radioterapia nell’OPSCC associato a HPV

ASTRO aggiorna le linee guida per la radioterapia nell’OPSCC associato a HPV

Con l’evoluzione della pratica della radioterapia nell’OPSCC associato all’HPV, le linee guida ASTRO aggiornate e basate sull’evidenza possono aiutare a guidare la pratica clinica.

L’American Society for Radiation Oncology (ASTRO) ha aggiornato le sue linee guida per la radioterapia definitiva e postoperatoria nei pazienti con carcinoma a cellule squamose orofaringee (OPSCC) associato all’HPV, secondo i risultati pubblicati su Oncologia radioattiva pratica.1

La somministrazione concomitante di cisplatino rimane la raccomandazione basata sull’evidenza per i pazienti che ricevono radioterapia definitiva per la malattia pT3-4 e/o per un singolo linfonodo >3 cm o per più linfonodi. Inoltre, cetuximab (Erbitux), carboplatino/5-fluorouracile o una terapia sistemica contenente taxani sono raccomandati condizionatamente per i pazienti non idonei al cisplatino. Allo stesso modo, il cisplatino concomitante con la radioterapia postoperatoria è altamente raccomandato per i margini chirurgici positivi (PSM) o l’estensione extracellulare (ENE).

Inoltre, la radioterapia postoperatoria di per sé è raccomandata per i pazienti con malattia pT3-4 e più di due noduli o un nodulo più grande di 3 cm. La sorveglianza è raccomandata condizionatamente per la malattia pT1-2 e per un singolo linfonodo inferiore o uguale a 3 cm in pazienti senza fattori di rischio aggiuntivi.

7.000 centigray (cGy) in 33-35 frazioni sono fortemente raccomandati per i pazienti trattati con radioterapia definitiva più terapia sistemica concomitante, e da 5.600 a 6.000 cGy sono raccomandati per coloro che ricevono radiazioni postoperatorie senza PSM o ENE. L’uso di radiazioni ad intensità modulata tramite tecniche 3D con riduzione della dose agli organi critici a rischio è altamente raccomandato per i pazienti sottoposti a radioterapia.

Inoltre, 3 mesi dopo la radioterapia definitiva più chemioterapia, è altamente raccomandata una rivalutazione PET-CT oltre alla dissezione del collo per ottenere prove convincenti di malattia residua.

READ  Un genere perde più muscoli durante il volo spaziale

“L’OPSCC associato all’HPV continua ad aumentare in tutto il mondo, con quasi 21.000 nuovi casi nel 2020 solo negli Stati Uniti, riflettendo un tasso aggiustato per età di 5,0 per 100.000 persone. È il tipo di cancro più comune associato all’HPV Comune tra i maschi [patients]”È secondo solo al cancro cervicale nelle donne”, hanno scritto gli autori delle linee guida.1 Ruolo e pratica [radiotherapy] L’OPSCC associato all’HPV continua ad evolversi e queste linee guida guidano la migliore pratica clinica sulla base delle prove disponibili.

Una task force multidisciplinare guidata da ASTRO composta da oncologi medici e radioterapisti; Chirurghi della testa e del collo; Fisico medico. rappresentante dei pazienti; Sono state raccolte informazioni specialistiche per rispondere a 5 domande chiave riguardanti l’uso della radioterapia per la gestione dell’OPSCC associato all’HPV.

Le cinque domande principali riguardano i seguenti ambiti:

  • Utilizzo della terapia sistemica per i pazienti trattati con radioterapia definitiva.
  • Indicazioni alla radioterapia adiuvante e alla chemioradioterapia nei pazienti trattati con chirurgia primaria.
  • Sistemi di frazionamento della dose e volumi di trattamento con radioterapia e chemioradioterapia definitiva e postoperatoria.
  • Modalità di trattamento preferite e considerazioni sui tessuti normali per la radioterapia definitiva e postoperatoria.
  • Ripristina il comfort iniziale post-trattamento e la gestione del collo.

Le raccomandazioni si basavano su una revisione sistematica della letteratura e sono state generate utilizzando un sistema per valutare la qualità delle prove e la forza delle raccomandazioni, nonché una metodologia di costruzione del consenso pre-specificata. Queste linee guida sono state stabilite in seguito al riconoscimento dell’OPSCC HPV-positivo come malattia clinicamente distinta dall’OPSCC non-HPV in seguito alla pubblicazione delle precedenti linee guida ASTRO sul cancro orofaringeo nel 2017.2 Al momento della pubblicazione delle precedenti linee guida, la base di evidenze comprendeva principalmente studi prospettici avviati dai ricercatori prima che l’OPSCC positivo all’HPV fosse considerato clinicamente distinto dalla malattia non associata all’HPV.

READ  Come guardare la NASA portare a casa un pezzo di un asteroide lunedì

La linea guida è stata rivista da 14 revisori formali tra pari, con una versione rivista disponibile sul sito web di ASTRO tra ottobre 2023 e novembre 2023. La linea guida finale è stata poi approvata dal Consiglio di amministrazione di ASTRO.

Il sottocomitato per le linee guida ASTRO, in collaborazione con i presidenti delle linee guida, ha sviluppato domande chiave, che sono state esaminate dal gruppo di lavoro. Una ricerca sistematica di studi sui partecipanti umani dal database Ovid MEDLINE è stata eseguita utilizzando il framework PICOTS per le pubblicazioni in lingua inglese tra il gennaio 2000 e il 24 maggio 2023.

I tipi di pubblicazione consentiti inclusi nell’analisi erano studi di controllo randomizzati, meta-analisi di dati di singoli pazienti, studi retrospettivi, studi dosimetrici o studi di contorno. I criteri di esclusione completi includevano studi preclinici e non umani; Solo pubblicazioni astratte; rivedere articoli, commenti o editoriali; Studi che valutano il trattamento di malattie ricorrenti o malattie primarie secondarie.

I requisiti relativi alle dimensioni dello studio includevano 50 o più adulti con diagnosi di OPSCC positivo all’HPV per gli studi prospettici e 100 o più per gli studi retrospettivi. Inoltre, si è fatto affidamento sull’opinione degli esperti per supportare la raccomandazione laddove i dati disponibili sono limitati. Nell’elenco finale sono stati inclusi un totale di 186 studi valutati dalla task force.

Riferimenti

  1. Margalit DN, Anker CJ, Aristophanos M, et al. Radioterapia del carcinoma a cellule squamose orofaringee positivo al papillomavirus umano: linee guida di pratica clinica ASTRO. Pratica Radiat Oncol. 2024.doi: 10.1016/j.prro.2024.05.007
  2. Shear DJ, Adelstein DJ, Bajaj JK et al. Radioterapia per il carcinoma a cellule squamose dell’orofaringe: sintesi esecutiva delle linee guida di pratica clinica basate sull’evidenza ASTRO. Pratica Radiat Oncol. 2017;7(4):246-253. doi:10.1016/j.prro.2017.02.002
READ  L’aumento dei detriti spaziali minaccia la Terra e i governi vengono ritenuti responsabili
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News