SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Aggiornamento Victoria Covid: Daniel Andrews estende il blocco dopo 92 nuovi casi | Victoria

Primo Ministro vittoriano Daniel Andrews La possibilità di porre fine al blocco del Covid giovedì è stata esclusa, dopo che domenica il Paese ha annunciato 92 nuovi casi di trasmissione comunitaria, il suo totale giornaliero più alto quest’anno.

“Sfortunatamente, con questo tipo di numeri, è giusto essere il più franchi possibile e chiarire alla comunità che non saremo in grado di aprirci e rimuovere tutte queste regole, in pochi giorni”, Andrews disse.

“Avremo consigli nei prossimi giorni. Verranno prese anche decisioni e saranno annunciate poco dopo come abbiamo sempre fatto. Questi sono numeri difficili”.

Andrews ha affermato che le autorità del Victoria sono determinate a evitare un massiccio picco di casi di Covid-19 e a mettere a dura prova il sistema sanitario che affligge il NSW. Il Primo Ministro del Nuovo Galles del Sud Gladys Berejiklian, Domenica sono stati annunciati 1.218 nuovi casi di Covid, Il totale giornaliero più alto dell’Australia dall’inizio della pandemia.

“Se guardi all’esperienza nel Nuovo Galles del Sud, per esempio, in questo momento, sono sicuro che ci sono diverse migliaia di infermieri, diverse migliaia di medici, che stanno lottando con il fatto che molto presto, a quanto pare, avranno 1.000, ” ha detto Andrea…

“Possiamo evitarlo. Lo abbiamo evitato fino a questo punto e siamo determinati a farlo di nuovo”.

“So che c’è dolore e c’è sfida e difficoltà, ma perdere completamente il controllo è molto più difficile, molto più difficile.

Dei 92 nuovi casi nel Victoria, solo 63 sono stati collegati a cluster noti. La fonte dei restanti 29 casi è ancora oggetto di indagine.

Le persone indossano maschere per il viso a Melbourne domenica mentre Victoria ha registrato 92 nuovi casi di Covid-19.
Le persone indossano maschere per il viso a Melbourne domenica. Foto: James Ross/AAP

L’annuncio di domenica porta il numero totale di casi attivi nella comunità a 773. Attualmente ci sono 44 vittoriani in ospedale, 13 dei quali nell’unità di terapia intensiva e nove che necessitano di un ventilatore.

Il leader di Victoria per il Covid-19, Jeroen Weimar, ha affermato che la maggior parte dei nuovi casi era collegata ai sobborghi settentrionali e occidentali di Melbourne.

“Più di due terzi [of cases] All’interno dei sobborghi settentrionali e occidentali questa è di gran lunga la più grande concentrazione di casi che abbiamo al di fuori dell’area di Shepparton”.

Le autorità stanno monitorando un cluster in crescita nella città regionale di Shepparton, che ora ha 94 casi COVID in totale, in 37 famiglie. I membri della comunità hanno continuato a uscire in massa per testare il Covid: sabato sono stati condotti più di 1.300 test nell’area, portando il totale a 23.000 in questo focolaio.

Il fattore di rischio è stato ridotto anche in due siti scolastici distrettuali che in precedenza erano considerati hotspot, liberando dall’isolamento 1.000 contatti essenziali.

Le autorità stanno anche monitorando da vicino l’epidemia a Bayside Port Melbourne.

Ma Weimar ha affermato che domenica ci sono stati solo quattro casi positivi: tutti i dipendenti collegati al sito di esposizione in un autolavaggio. Trenta contatti ravvicinati primari sono stati testati e destinati a ricevere i risultati domenica.

Weimar ha osservato che la maggior parte delle persone che hanno contratto il Covid-19 in questa epidemia ha meno di 40 anni. Dei 773 casi attivi nel Victoria, 171 hanno meno di 10 anni e 131 hanno tra i 10 ei 19 anni.

Ci sono altri 300 casi positivi in ​​persone di età compresa tra 20 e 39 anni.

Iscriviti per ricevere ogni mattina un’e-mail con le migliori notizie da Guardian Australia

Andrews ha accolto con favore l’impegno del primo ministro Scott Morrison venerdì di distribuire equamente i vaccini tra stati e territori, dopo che oltre mezzo milione di dosi aggiuntive di Pfizer sono state consegnate dalla Polonia al Nuovo Galles del Sud per aiutare a frenare la crescente epidemia nello stato.

“Si trattava di non avere una situazione in cui il trattamento preferenziale continuasse come se ciò che stanno vivendo i vittoriani non fosse reale, certo che lo è. Penso che la cosa migliore da fare sia quando arrivano queste scorte aggiuntive, inviarle utilizzando il metodo più equo”, ha detto Andrews.

Ma ha espresso frustrazione per l’uso di dosi extra nel NSW in modo che le persone possano fare picnic.

“Sono sicuro che altri premier statali avranno una visione simile e potrebbe essere opinione del NSW che abbiano avuto abbastanza supporto extra ora e ora è il momento di non spingerli ad andare avanti necessariamente, perché il piano nazionale riguarda tutto ci trasferiamo insieme”, ha detto Andrews. “Non è un piano nazionale per picnic, solo in silenzio”.

“L’idea di rinunciare ai vaccini, così i vittoriani possono andare a fare picnic, no, non è quello che facciamo”.

READ  Le regole Vic facilitano e unificano la città e le regioni | Posta di Goulburn