SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Tutti gli operatori sanitari dell’Australia occidentale saranno arrestati entro gennaio come previsto dalle vaccinazioni statali

Scarica

Entro il 1 novembre, tutti gli altri operatori sanitari che lavorano negli ospedali dovranno ricevere almeno la prima dose del vaccino COVID-19 per poter raggiungere il loro posto di lavoro e dovranno essere vaccinati completamente entro il 1 dicembre.

Entro il 1 gennaio, tutte le altre persone che lavorano nel sistema sanitario presso i siti del servizio sanitario pubblico di “livello tre” come il Dipartimento della Salute e i siti degli operatori sanitari devono essere completamente vaccinati.

Questa categoria comprende le persone che forniscono attività o servizi commerciali in luoghi sanitari di proprietà pubblica come punti vendita di cibo e chioschi.

Le esenzioni possono essere applicate a coloro che non possono ottenere un’iniezione per motivi medici.

Cook ha affermato che le sanzioni sono state ordinate dagli operatori sanitari che si sono rifiutati di ricevere la vaccinazione.

L’autore del mandato, il Chief Health Officer Andy Robertson, ha affermato che la direttiva non costringerebbe gli operatori sanitari a ricevere un’iniezione effettiva, ma solo che non sarebbero stati in grado di entrare nel loro posto di lavoro se si fossero rifiutati.

“Se un individuo non desidera essere vaccinato, dovrà cercare un altro impiego e questa è la sua scelta”, ha affermato il dott. Robertson.

“In pratica sta dicendo: ‘Se non sei stato vaccinato, non puoi entrare in questa struttura sanitaria.'”

Con il sistema sanitario in WA che già soffre di una crisi delle risorse, il dott. Robertson ha affermato che probabilmente ci sarà un piccolo impatto quando i lavoratori se ne andranno, ma l’alternativa sarebbe molto peggiore.

“Non pensiamo che sarà così grande come alcuni avevano previsto, ma quello che dobbiamo fare è metterlo nel contesto di ciò che accadrebbe se ci fosse un focolaio nei nostri ospedali”, ha detto.

READ  Cucciolo di leone delle caverne di 28.000 anni trovato perfettamente conservato nel permafrost russo

“Questo avrà un impatto ancora più devastante sulle nostre operazioni sanitarie”.

L’annuncio arriva dopo che l’Australian Medical Association ha chiesto vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari

“Questo può sembrare un passo drastico, ma è un passo necessario per garantire che gli ospedali rimangano sicuri per i pazienti e il personale. Non devi preoccuparti di contrarre un virus potenzialmente mortale quando entri in una struttura sanitaria”, Omar Khurshid, AMA presidente nazionale, ha detto mercoledì.

Il Nuovo Galles del Sud è stato il primo stato a imporre la vaccinazione degli operatori sanitari, mentre il governo federale ha accettato di introdurre vaccinazioni obbligatorie per gli operatori sanitari a giugno.

UN MUST HAVE PER I LAVORATORI IN NSW Prima dose entro il 30 settembre.

Le aziende private come la società di alimenti confezionati SPC, le compagnie aeree Qantas e Virgin non hanno in realtà politiche occupazionali o del lavoro per i propri dipendenti.

Ad agosto, il presidente del Fortescue Metals Group, Andrew Forrest, ha dichiarato al suo team che l’anti-vaccinazione non è benvenuta nei siti FMG.

San Giovanni Dio, fornitore di ospedali privati, ha accolto con favore l’annuncio.

“Come operatori sanitari, abbiamo la responsabilità della società di vaccinare e rispettare tutte le misure, compresi i rigorosi processi di controllo delle infezioni e l’uso corretto dei dispositivi di protezione individuale, rendendo i nostri ospedali e altri servizi il più sicuri possibile e mantenendo la fiducia della comunità nella salute”, ha affermato il CEO del gruppo Shane Kelly.