SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

‘Aborto della giustizia’: gli avvocati italiani riaprono il processo al famoso poeta Dante, World News

I giuristi italiani vogliono riparare un “aborto spontaneo” commesso sette secoli fa contro il famoso poeta Dante Aligeri.

L’uomo, che gli italiani chiamano il “sommo poeta”, fu esiliato dalla nativa Firenze nel gennaio 1302, dopo essersi trovato dalla parte sconfitta di una battaglia tra le fazioni politiche “bianche” e “nere” della città.

Dante, famoso per il suo “umorismo divino”, una delle più grandi opere letterarie del mondo, potrebbe essere riesaminato se emergeranno nuove prove. Fu attraverso questo lavoro che il poeta stabilì la moderna lingua italiana standardizzata e stabilì un precedente per l’imitazione di importanti scrittori italiani successivi Petrach e Pocasio.

Per valutare i tre verdetti contro Dante, esperti legali italiani hanno chiamato colleghi avvocati, alti magistrati e avvocati, e i discendenti sia di Dante che del giudice che lo ha espulso da Firenze per riaprire al convegno del 21 maggio.

Il conte Spherello de Cerego Aligeri, un astronomo con una linea di sangue diretta a Dondeau, accompagnerà l’erede del giudice Conte de Gabrielle, che ha esiliato il poeta.

“Sono interessato a riconsiderare la questione”, ha detto Antoine de Gabrielle, un discendente del giudice. Ma ha anche detto che non avrebbe cercato di stabilire la posizione del suo antenato che Dante era colpevole.

“Non ho intenzione di combattere”, ha detto il francese.

Nonostante tutte le questioni pratiche e legali, Traversi ha sottolineato il valore di un gesto simbolico per risarcire Dante, anche se è improbabile che una revisione completa funzioni, ha detto, “per legge, la città di Firenze registra ancora una persona con un delinquente”.

Bruciato

Come poeta, Dante era anche un politico che servì come uno dei nove governanti eletti di Firenze o per i soliti due mesi nel 1300.

READ  Il leader italiano esprime solidarietà al Kashmir

È stato questo post a metterlo nei guai.

Quando la fazione dei “Blocchi” restaurò Firenze nel 1301 con l’aiuto di Carlo, fratello del re Filippo IV di Francia, papa Bonifacio VIII era senza il sostegno di Dante e di altri pionieri “bianchi”.

Nel gennaio 1302, il Conte de Gabrielle li dichiarò colpevoli di corruzione e sostegno politico, diede loro tre giorni per pagare una grossa multa e li bandì dalla carica pubblica.

Dante e altri hanno confiscato le loro proprietà.

Due mesi dopo, de Gabrielle li condannò a bruciarli se avessero tentato di tornare a Firenze.

Nel 1315, dopo che Dante rifiutò i termini di un’amnistia generale, un altro giudice decapitò i figli del poeta e commutò la condanna a morte.

Dante è fuggito e si è trasferito da una città italiana all’altra.

Non si sa molto della sua vita, ma si ritiene che abbia completato un viaggio immaginario di “umorismo divino” attraverso l’inferno, la purificazione e il paradiso poco prima della sua morte nel 1321.

L’esilio è un tema chiave del libro, che dà anche a Dante l’opportunità di regolare alcuni conti personali: in cui si assicura che Bonifacio VIII e gli altri suoi nemici terreni trovino un posto all’inferno.

Test politico

Gli esperti hanno da tempo riconosciuto che Donte è stato vittima di giudici di parte.

Ma Alessandro Barbero, il più famoso storico medievale italiano, ha recentemente suggerito che alcune delle accuse contro di lui potrebbero aver avuto un significato.

Dandey non ha certo accettato tangenti, ma “non è esattamente possibile” immaginare che abbia usato il suo ruolo in carica a sostegno dei suoi alleati politici, ha scritto Barbero in una recente biografia.

READ  Scozia in otto tentativi contro l'Italia

Traversi spera di mettere le cose in chiaro e dissiperà ogni dubbio sull’onestà di Dante.

La sua conferenza sarà uno dei numerosi eventi che segneranno il 700 ° anniversario della sua conferenza come poeta, la maggior parte dei quali sarà celebrata in modo molto modesto a causa delle restrizioni del coronavirus.

“Speriamo di farlo di persona, ma siamo disposti a farlo da remoto se necessario”, ha detto l’avvocato fiorentino.

Il giudice Margherita Casano della Suprema Corte di Cassazione italiana preparerà la relazione finale della conferenza e tutte le discussioni saranno pubblicate in un libro, ha detto Traversi.

Tuttavia, Cerego Aligari – non solo porta il nome di Dante, ma condivide anche con lui il carattere unico della famiglia di un naso – tutto questo è arrivato un po ‘troppo tardi.

“Dante è colpevole, è stato deportato, è stato deportato a vita, non è mai tornato a Firenze”, ha detto.

“Non cambierà nulla che si possa fare per lui (oggi)”.