SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Windows 10 finalmente smetterà di riorganizzare le app nelle impostazioni multischermo

Nel tempo, il nostro flusso di lavoro si è evoluto enormemente, così come il modo in cui lo gestiamo. Al giorno d’oggi, ci sono molti usi in cui puoi trarre vantaggio dall’avere più monitor sul tuo computer. E la possibilità di utilizzare più monitor su Windows esiste da molto tempo, da Windows 98, infatti, a patto che la tua scheda grafica abbia abbastanza driver per supportarla. Ma anche allora, ci sono ancora alcune stranezze e problemi che possono derivare dall’utilizzo di più monitor, che, sebbene lungi dal rovinare le offerte, sono un po ‘fastidiosi. Ora, Microsoft è riuscita a risolvere uno dei suoi di gran lunga il più fastidioso: il sistema riorganizza le tue app inutilmente su più impostazioni dello schermo su Sistema operativo Windows 10.

Screenshot di video condivisi dagli sviluppatori Microsoft che descrivono il problema, prima della riparazione (a sinistra) e dopo la riparazione (a destra).

Se stai usando un monitor o mai prima d’ora, immagina di avere più schermi collegati al tuo computer, poi dormi, esci e poi torni per attivare il tuo dispositivo e scopri che le finestre si sono spostate casualmente in una posizione diversa all’interno dei tuoi schermi. Il più delle volte, saranno raggruppati in una schermata. Secondo Microsoft Blog degli sviluppatori DirectXQuesto problema, che è stato effettivamente documentato in dettaglio – i video e tutto il resto – ha in realtà un nome tecnico: Rapid Hot Plug Detect, o Rapid HPD, che è ciò che causa questo fastidioso riarrangiamento del desktop. Secondo questo post del blog, questo problema è specifico del modo in cui Windows gestisce le connessioni DisplayPort multi-monitor. La buona notizia: è stato risolto!

READ  L'impegno quinquennale di Microsoft per l'accessibilità inizia con i miglioramenti dell'intelligenza artificiale per Office e altro ancora

Ora, la correzione è solo nel programma Insider di Windows 10, in particolare nelle build 21287 e successive. Ma se il tuo dispositivo è interessato da questo problema e non eri un programma Insider, non passerà molto tempo prima che la modifica venga implementata nel ramo stabile di Windows 10. Nel frattempo, se è così fastidioso da essere più sopportabile , non preoccuparti: app come Watchman guard Sono presenti per evitare che si verifichi questo problema e per indirizzarti fino a quando non sarà disponibile una vera soluzione come aggiornamento di Windows.