HomeEconomyWeber del PPE sfrutta il viaggio in Tunisia per spingere al rinnovamento...

Weber del PPE sfrutta il viaggio in Tunisia per spingere al rinnovamento della politica dell’UE nel Mediterraneo meridionale – EURACTIV.com

Il leader del Partito popolare europeo Manfred Weber vuole che l’Unione europea ripensi il suo approccio al Mediterraneo meridionale, dopo una visita di due giorni in Tunisia, con la quale il blocco ha concordato un nuovo accordo “denaro in cambio di migranti”.

La visita del leader del centrodestra prevedeva un incontro di 90 minuti con il presidente tunisino Kais Saied, nonché incontri con i ministri degli Esteri e dell’Interno, il presidente del Parlamento e leader della società civile.

Un alto funzionario del PPE ha detto a EURACTIV che il viaggio è stata un’iniziativa personale di Weber e che non era accompagnato da altri eurodeputati del PPE. Weber ritiene che la politica di vicinato dell’UE nel Mediterraneo meridionale e nel Nord Africa abbia ottenuto scarsi risultati e necessiti di una revisione, come inteso da EURACTIV.

“Ciò significa costruire rapporti politici e personali e talvolta avere discussioni scomode”, ha affermato il funzionario del PPE.

Posizionamento pre-elettorale

Anche il partito di centrodestra sta cercando di posizionarsi per contrastare l’immigrazione clandestina in Europa.

Il funzionario del Partito popolare europeo ha aggiunto: “Abbiamo bisogno di una partecipazione rispettosa e dobbiamo renderci conto della mancanza di amici dell’Unione europea nella regione del Mediterraneo meridionale”. “Dobbiamo sviluppare queste partnership.”

Durante l’incontro con Saied, il leader del Partito popolare europeo ha esortato il presidente tunisino a portare avanti le riforme economiche per incoraggiare gli investitori europei e ha insistito sul rispetto del Memorandum d’intesa concordato con l’UE a metà luglio.

Il viaggio avviene mentre il Partito Popolare Europeo inizia a definire la sua posizione in vista delle elezioni europee di giugno, quando l’immigrazione sarà destinata a diventare una delle principali questioni politiche nella campagna.

READ  L'attività di Summer Hill è stata chiusa

“I cittadini europei sono preoccupati per l’immigrazione e noi vogliamo differenziarci dall’approccio di estrema destra su questo tema. Vogliamo risolvere questi problemi in modo che le persone possano vedere che i paesi affrontano l’immigrazione irregolare in modo responsabile”, ha detto il funzionario del PPE.

Guidati dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e dai primi ministri dei Paesi Bassi e dell’Italia Marc Rutte e Georgia Meloni, i leader dell’UE hanno mediato un accordo con Saied a giugno e luglio che vedrebbe la Tunisia intensificare gli sforzi per controllare e fermare i flussi migratori attraverso il paese. Mediterraneo. . In cambio, quest’anno la Commissione fornirà 785 milioni di euro al paese nordafricano per sostenere la sua economia, progetti sottomarini in fibra ottica e cavi elettrici tra l’UE e il Nord Africa.

L’esecutivo dell’UE, con il sostegno dei governi nazionali, è desideroso di vedere l’accordo di Tunisi come un modello per accordi simili con l’Egitto e altri paesi nordafricani.

Alla fine di luglio, una lettera indirizzata a von der Leyen, firmata da un gruppo di eurodeputati trasversali tra cui diversi deputati del Partito popolare europeo, lamentava che l’accordo UE-Tunisia “non è riuscito ad affrontare le preoccupazioni fondamentali sui diritti umani”.

Hanno anche chiesto informazioni sulle misure che il comitato adotterà per garantire che le istituzioni coinvolte nelle violazioni dei diritti umani non beneficino di finanziamenti e perché il memorandum d’intesa non include richieste per un dialogo nazionale globale o il rilascio dei prigionieri politici.

Ma secondo i parlamentari la maggioranza dei partiti è favorevole all’accordo con la Tunisia.

Eliminare le cause [of irregular migration] “La questione è più importante che affrontare i risultati”, ha detto il presidente Said a Weber, durante il loro incontro nel palazzo presidenziale di Cartagine, aggiungendo che l’Unione europea e la Tunisia devono lavorare insieme “per affrontare le reti criminali che trafficano in esseri umani in il nord e il sud della Tunisia.” Mar Mediterraneo”.

READ  Il FMI lancia l'allarme sul "contagio" dei capitali privati ​​nel settore delle assicurazioni sulla vita

[Edited by Nathalie Weatherald]

Leggi di più con EURACTIV

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News