SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Una nuova ricerca potrebbe aprire la strada a test più sicuri ed efficaci per COVID-19

Una ricerca internazionale guidata dalla Monash University e dal Peter Doherty Institute for Infection and Immunology ha studiato le prove di un nuovo concetto di test di screening della saliva veloce e portatile che utilizza la tecnologia a infrarossi per confermare l’infezione da SARS-CoV-2.

La ricerca è stata pubblicata oggi su Chimica applicata.

Il professor Biden Wood della Scuola di chimica della Monash University, l’ex dottor Phil Herod del Monash Biomedical Discovery Institute e i collaboratori Professor Dale Godfrey e Damien Purcell del Doherty Institute riferiscono di un nuovo approccio diagnostico che include l’uso di radiazioni infrarosse portatili come strumento per rilevare SARS-CoV -2 nella saliva.

Il team ha identificato una firma dell’agente infettivo negli spettri infrarossi della saliva da 27 persone su 29 con SARS-CoV-2 che si sono presentate al Royal Melbourne Hospital con sintomi simili a COVID-19.

Il prof Wood ha dichiarato: “I principali vantaggi dell’utilizzo di questa tecnologia a infrarossi per i campioni di saliva includono la velocità e la facilità con cui il test può essere eseguito, l’accessibilità economica e il rischio ridotto sia per i pazienti che per gli operatori sanitari”.

Gli scienziati affermano che questa ricerca preliminare è molto incoraggiante e sono desiderosi di condurre ulteriori test con un gruppo più ampio di pazienti per comprendere meglio la specificità di questo approccio.

Lo spettrometro a infrarossi portatile è stato modificato per consentire un’ispezione ad alta produttività che consente una rapida scansione dei campioni in modalità senza contatto senza la necessità di pulire il dispositivo tra le misurazioni.

Il professor Wood stima che questa tecnologia potrebbe essere in grado di esaminare 5.000 campioni al giorno per strumento, con i risultati per ogni campione pronti entro cinque minuti.

READ  Gli scienziati hanno scoperto la causa della neurodegenerazione nella malattia di Lafora

Il dottor Herod ha affermato che poiché la luce infrarossa interagisce con le vibrazioni delle molecole, può essere utilizzata per generare uno spettro che rappresenta un’impronta chimica unica del campione che è stata quindi elaborata utilizzando algoritmi di apprendimento automatico.

“Questo approccio presenta vantaggi significativi rispetto alla reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa in tempo reale (RT-PCR), che è l’attuale gold standard per il rilevamento”, ha affermato il professor Godfrey.

“Come sappiamo, ciò richiede l’invio di campioni a un laboratorio dedicato e i risultati richiedono un giorno o più”.

Secondo il professor Purcell, il nuovo test proposto evita anche il disagio associato ai tamponi rinofaringei, una caratteristica che potrebbe migliorare la partecipazione della comunità al test.

Ha detto: “Chiunque può contribuire al campione semplicemente calpestando un contenitore sterile”.

“Il risultato può essere ottenuto in meno di cinque minuti e il risultato rapido riduce il ritardo nel determinare se è necessaria una quarantena, riducendo così il rischio di ulteriore diffusione dell’infezione”.

I ricercatori di Monash hanno precedentemente utilizzato una tecnica a infrarossi simile nota come spettroscopia a riflessione totale attenuata (ATR) per rilevare la malaria e l’epatite.

Il nuovo approccio basato sugli infrarossi fornisce una riflessione tre volte l’assorbimento e quindi richiede più saliva per il rilevamento di agenti patogeni rispetto alla tecnologia ATR convenzionale.

La velocità e la versatilità di questa tecnologia aumenta la velocità e la versatilità di questa tecnologia utilizzata per lo screening dei punti di assistenza negli aeroporti, impianti sportivi, università o scuole, per lo screening dei pazienti per i test RT-PCR.

Sebbene siano state utilizzate diverse tecniche per convalidare questo approccio, il professor Biden Wood ha svolto molto lavoro preliminare utilizzando una linea microscopica di raggi infrarossi nella gamma di sincrotrone australiano (AS), con il supporto del team della linea di luce.

READ  I meteoriti al forno forniscono indizi sulle atmosfere planetarie: ScienceDaily

Le misurazioni effettuate in AS sono state registrate da cluster di virus ad alta purezza, forniti dal team del Doherty Institute.

L’esclusiva firma infrarossa dell’RNA di SARS-CoV-2 è stata quindi rilevata negli spettri infrarossi dei campioni di saliva registrati con lo strumento portatile.

###

Altri contributori alla ricerca includono l’Università di Melbourne, il Royal Melbourne Hospital, il Dublin Institute of Technology (Irlanda), l’Università di Strathclyde (Scozia), Elitra Syncroton Trieste (Italia) e il Science District Park Trieste (Italia). .

Riferimenti DOI per l’edizione inglese e tedesca: 10.1002 / anie.202104453 e 10.1002 / ange.202104453

Dichiarazione di non responsabilità: AAAS e EurekAlert! Non è responsabile dell’accuratezza delle newsletter inviate su EurekAlert! Tramite istituzioni che contribuiscono o utilizzare qualsiasi informazione tramite il sistema EurekAlert.