SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un pensionato disabile perde una battaglia di sei anni per restare nella sua casa a sud-ovest di Sydney per 21 anni

Mia zia Carol Carter ha lottato per restare a casa per sei anni.

Ma in poche settimane il pensionato di 72 anni potrebbe essere licenziato. Dice che non va da nessuna parte.

“Sono arrabbiato perché nessuno mi ascolta, non mi ascolta”, ha detto uno degli anziani a Kamilaroy.

Mia zia Carol ha vissuto in case popolari a Risby, a sud-ovest di Sydney, per 21 anni.

Donna in sedia a rotelle che guarda i documenti
Il 72enne soffre di un raro disturbo neurologico, la sindrome di Guillain-Barré.(

Fornito: Tom Delaney / TNV

)

Sono cresciuto in una famiglia di nove persone, ma le cose non potrebbero essere più diverse ora senza fratelli sopravvissuti, senza figli e una rete di supporto limitata.

Negli ultimi due decenni, ha convissuto con la sindrome di Guillain-Barré – un raro disturbo neurologico che le ha fatto perdere la sensibilità “dal naso alle dita dei piedi” e significa che deve usare una sedia a rotelle per mantenersi mobile.

“Non posso sbucciare le patate o raccogliere l’uva.”

Dal 2015 sta lottando per rimanere a casa: se ha intenzione di trasferirsi, dice, la casa deve soddisfare le sue specifiche esigenze di salute.

Il governo del NSW vuole trasferirlo in una nuova casa a diversi isolati di distanza in modo da poter sviluppare l’area e costruire 18 nuove case popolari.

Ma mia zia Carol dice che non è così semplice.

Donna in sedia a rotelle che guarda un documento
NSW Land and Housing Corporation afferma che si trasferirà in una casa vicina.(

Fornito: Tom Delaney / TNV

)

“È così difficile che non capiscano… non posso imparare nuovi compiti”, ha detto.

“Il mio corpo è insensibile, le mie mani, tutto ciò che tocco sembra velluto.”

“Se non vedo i miei piedi, perché tutto il mio corpo è insensibile, potrei avere un incidente”.

In una dichiarazione, la NSW Land and Housing Corporation (LAHC) ha affermato che mia zia Carol aveva firmato un contratto di locazione per trasferirsi in una nuova proprietà a Revesby dopo “ampie consultazioni” – qualcosa contro cui si opponeva e stava combattendo.

“Un terapista occupazionale nominato dall’inquilino ha raccomandato modifiche specifiche alla proprietà e da allora questi lavori sono stati completati”. La dichiarazione ha detto.

“Una volta che l’inquilino si trasferirà nella nuova proprietà, consentirà a LAHC di procedere con lo sviluppo di 18 nuove case appositamente costruite per le persone bisognose”.

Il suo caso è stato portato dinanzi al Comitato di ricorso per l’alloggio due volte negli ultimi sei anni e tutto il lavoro che le è stato assegnato è stato completato.

Mia zia Carol sostiene che alcune delle modifiche necessarie per vivere in sicurezza non sono state fatte.

Donna seduta su una sedia a rotelle che guarda a sinistra
Mia zia Carol sta lavorando con un gruppo di advocacy per combattere la sua espulsione.(

Fornito: Tom Delaney / TNV

)

Si preoccupa che il corrimano sia “troppo spesso da impugnare”, che la rampa sia troppo larga e troppo lunga, mentre il design della cucina “le impedisce di muoversi in sicurezza”.

“Pensano che questa casa sia adatta a chiunque sia su una sedia a rotelle o abbia qualche disabilità, il che non è vero”, ha detto.

“Non sono preoccupati per la mia sicurezza o la mia salute, vogliono solo quello che vogliono”.

“Perché non possono costruire intorno a me? Ho solo poco tempo per andare, e poi mi unirò ai miei antenati.”

Aunty Carol lavora con Metro Assist, un gruppo di difesa senza fini di lucro per diverse comunità con sede nel sud-ovest di Sydney.

Domani, il servizio di supporto agli inquilini fornirà una risposta al governo statale in merito all’avviso di sfratto.

READ  Il nuovo Intel Core i9-12900K appare nel database di benchmarking BaseMark