SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Il leader supremo dei talebani, Hebatullah Akhundzada, è ancora disperso nonostante il controllo del regime sull’Afghanistan

I talebani sono al potere in Afghanistan da quasi due settimane dopo aver preso il controllo del paese con un attacco rapido e devastante. Ma una persona è ancora dispersa.

Sono trascorse due settimane da quando i talebani hanno conquistato l’Afghanistan con un rapido attacco che ha sbalordito gli Stati Uniti.

Nei giorni successivi alla presa del potere in Afghanistan, una vasta gamma di talebani è entrata nella capitale, Kabul, inclusi commando incalliti, studenti armati di madrasse e leader dai capelli grigi dopo anni di esilio.

Ma manca ancora una persona: il leader supremo del gruppo.

Hebatullah Akhundzada – il cosiddetto Leader dei fedeli – sponsorizza i talebani come presidente dal 2016 quando è stato strappato alla relativa oscurità di supervisionare un movimento in crisi.

Dopo aver preso le redini della ribellione, il religioso è stato incaricato della colossale sfida di unire un movimento jihadista che si è spezzato brevemente durante un’aspra lotta per il potere.

La lotta interna è avvenuta in un momento in cui il gruppo ha subito una serie di colpi: l’assassinio del predecessore di Akhundzadeh e la rivelazione dell’occultamento da parte dei suoi leader dell’uccisione del mullah Omar, il fondatore dei talebani.

Poco si sa ancora del ruolo quotidiano di Akhundzada, poiché la sua immagine pubblica era in gran parte limitata all’emissione di lettere annuali durante le festività musulmane.

Ad eccezione di una foto diffusa dai talebani, il leader non è mai apparso in pubblico e la sua ubicazione rimane in gran parte sconosciuta.

Da quando ha preso il controllo di Kabul a metà agosto, il gruppo è rimasto segreto sui movimenti di Akhundzada.

READ  Un uomo con sindrome di Down è stato rapito e ucciso in un raccapricciante programma di scambio di corpi in Cina

“Lo vedrai presto, se Dio vuole”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid questa settimana quando gli è stato chiesto dove si trovasse Akhundzadeh.

Il continuo silenzio arriva mentre i capi delle varie fazioni talebane hanno pronunciato sermoni schietti nelle moschee di Kabul, incontrato esponenti dell’opposizione e persino chiacchierato con funzionari di cricket afghani negli ultimi giorni.

La storia segreta dei leader talebani

I talebani hanno una lunga storia di tenere nell’ombra il loro capo supremo.

Il misterioso fondatore del gruppo, il Mullah Muhammad Omar, era noto per i suoi modi da eremita e raramente si recava a Kabul quando il gruppo era al potere negli anni ’90.

Invece, Umar si è tenuto nascosto nel suo complesso a Kandahar, riluttante persino a incontrare le delegazioni in visita.

Tuttavia, la sua parola era giudizio e non una sola figura sembrava guidare il movimento con lo stesso rispetto.

Laurel Miller, capo del programma Asia presso l’International Crisis Group, ha affermato che Akhundzadeh “sembra aver adottato uno stile distaccato simile” a quello di Omar.

Miller ha aggiunto che la segretezza potrebbe essere alimentata da motivi di sicurezza, citando l’assassinio del suo predecessore, il Mullah Akhtar Mansour, da parte di un attacco di droni statunitensi.

“Il portavoce dei talebani ha indicato che il loro leader uscirà presto e potrebbe avere ragioni per farlo per sedare i sospetti sulla sua morte”, ha detto Miller all’AFP.

“Ma è anche possibile che, dopo essersi mostrato, si ritiri ed eserciti il ​​suo potere in un modo lontano, come ha fatto il mullah Omar”.

L’assenza di Akhundzada arriva dopo anni di voci sulla sua salute, con voci in Pakistan e Afghanistan che suggeriscono che abbia contratto il Covid o sia stato ucciso in un’esplosione.

READ  Un enorme ruscello minaccia di inghiottire una casa di campagna a Puebla, in Messico

Non c’è stato molto per dimostrare queste voci, ma la segretezza di Akhundzada arriva in un momento delicato per il regime.

Ci sono innumerevoli fazioni talebane che comprendono gruppi provenienti da tutto l’Afghanistan e rappresentano un’ampia varietà di componenti.

La rivelazione nel 2015 che la leadership talebana aveva nascosto per anni l’uccisione del mullah Omar ha scatenato una breve ma sanguinosa lotta per il potere, con almeno una delle principali fazioni che ha disertato dal gruppo.

Mentre i talebani passano dal combattimento al governo, bilanciare gli interessi delle sue numerose fazioni sarà cruciale per consolidare il suo potere.

Qualsiasi vuoto di potere potrebbe destabilizzare un movimento che è riuscito a tenere insieme dopo decenni di conflitto, uccidendo decine di migliaia di fanti, assassinando i massimi leader o trasferendoli in una prigione americana a Guantanamo Bay.

Altri suggeriscono che il gruppo potrebbe aspettare il suo momento fino a quando le forze guidate dagli Stati Uniti non saranno permanentemente rimosse dall’Afghanistan nei prossimi giorni.

“I talebani si considerano in uno stato di jihad” finché le forze straniere si trovano sul suolo afghano e probabilmente tengono nascosto il loro leader fino alla loro partenza, ha affermato l’analista della sicurezza pakistano Imtiaz Gul.

“Ecco perché il Leader Supremo non appare.”

con AFP