HomeWorldPerché gli algoritmi si chiamano algoritmi? Una breve storia dell'eclettico persiano...

Perché gli algoritmi si chiamano algoritmi? Una breve storia dell’eclettico persiano di cui probabilmente non hai mai sentito parlare

Gli algoritmi sono diventati parte integrante della nostra vita. Dalle app di social media a Netflix, gli algoritmi apprendono le tue preferenze e danno priorità ai contenuti che ti vengono mostrati. Google Maps e l’intelligenza artificiale non sono nulla senza algoritmi.

Ne abbiamo tutti sentito parlare, ma da dove viene la parola “algoritmo”?

Più di 1.000 anni prima dell’avvento delle applicazioni Internet e degli smartphone, lo scienziato ed eclettico persiano Muhammad ibn Musa al-Khwarizmi inventò il concetto di algoritmo.

In effetti, la parola stessa deriva dalla versione latina del suo nome, “algorithmi”. Come puoi immaginare, è anche legato all’algebra.

In gran parte perso nel tempo

Al-Khwarizmi visse dal 780 all’850 d.C Età dell’oro islamica. È considerato”Padre dell’algebra“E per alcuni”Trova informatica“.

Si conoscono però pochi dettagli della sua vita. Molte delle sue opere originali in arabo sono andate perdute nel tempo.

Si ritiene che Al-Khwarizmi sia nato a Regione di Khorezm A sud del lago d’Aral, nell’attuale Uzbekistan. Visse durante il califfato abbaside, che fu un periodo di notevole progresso scientifico nell’impero islamico.

Al-Khwarizmi lo ha reso importante Contributi Alla matematica, alla geografia, all’astronomia e alla trigonometria. Per contribuire a fornire una mappa più accurata del mondo, corresse il classico libro cartografico dell’eclettico alessandrino Tolomeo, Geografia.

Ha prodotto calcoli per tracciare il movimento del sole, della luna e dei pianeti. Scrisse anche sulle funzioni trigonometriche e produsse la prima tavola delle tangenti.

Non esistono foto dell’aspetto di Al-Khwarizmi, ma nel 1983 l’Unione Sovietica ha emesso un francobollo in onore del suo 1.200esimo compleanno.
Wikimedia Commons

Al-Khwarizmi era uno degli studiosi della Casa della Saggezza.Bayt al-Hikmah) a Baghdad. In questo centro intellettuale, gli studiosi traducevano in arabo le conoscenze provenienti da tutto il mondo e le combinavano per ottenere progressi tangibili in una vasta gamma di discipline. Ciò includeva la matematica, che è un campo È strettamente legato all’Islam.

READ  Nuovi dati mostrano che fino al 30% dei residenti in assistenza agli anziani in alcune case non assume il vaccino contro il Covid | Notizie dall'Australia

“Abu Al-Jabr”

Al-Khwarizmi era un uomo enciclopedico e religioso. I suoi scritti scientifici iniziarono con la dedizione a Dio e al Suo Messaggero Muhammad. E Uno dei progetti più importanti I matematici islamici della Casa della Saggezza svilupparono l’algebra.

Intorno all’830 d.C. Califfo al-Ma’mun Incoraggiò Al-Khwarizmi a scrivere A Un trattato di algebraAlgebra (o il libro completo sull’aritmetica per completamento e bilanciamento). Questa divenne la sua opera più importante.

Una pagina di libro digitalizzata che mostra testo arabo con semplici contorni geometrici.
Una pagina del libro Brief Accounting by Completion and Balancing.
Biblioteca digitale mondiale

A quel punto, l'”algebra” esisteva da centinaia di anni, ma Al-Khwarizmi fu il primo a scrivere un libro specifico sull’argomento. Il suo lavoro doveva essere uno strumento educativo pratico. quello Traduzione latina Costituì la base dei libri di testo di algebra nelle università europee fino al XVI secolo.

Nella prima parte sono stati presentati i concetti e le regole dell’algebra, nonché i metodi per calcolare le dimensioni e le aree delle forme. Nella seconda parte, ha presentato i problemi della vita reale e ha presentato le relative soluzioni, come questioni di eredità, divisione della terra e conti commerciali.

Al-Khwarizmi non utilizzava la moderna notazione matematica con numeri e simboli. Invece lo è Scritto in prosa semplice E l’uso dei disegni tecnici:

Quattro radici equivalgono a venti, poi una radice equivale a cinque, e il quadrato da formare è venticinque, ovvero metà della radice equivale a dieci.

Nella notazione moderna lo scriviamo come segue:

4x = 20, x = 5, x2 = 25, x/2 = 10

Trova informatica

Sono stati presentati gli scritti matematici di Al-Khwarizmi Numeri arabi indù Ai matematici occidentali. Questi sono i 10 simboli che usiamo tutti oggi: 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 0.

READ  Ministro dell'Agricoltura ucraino rilasciato su cauzione per un caso di corruzione da 7 milioni di dollari | Notizie sulla corruzione

I numeri indo-arabi sono importanti per la storia dell’informatica perché utilizzano il numero zero e un sistema decimale in base dieci. Ancora più importante, è proprio questo Sistema numerico Che supporta la moderna tecnologia informatica.

L’arte di Al-Khwarizmi di calcolare problemi matematici gettò le basi per la scienza della matematica Concetto di algoritmi. Fornì la prima spiegazione dettagliata dell’uso della notazione decimale per eseguire le quattro operazioni fondamentali (addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione) e per calcolare le frazioni.

Un'illustrazione medievale che mostra una persona che usa un abaco da un lato e manipola simboli dall'altro.
Il contrasto tra calcoli algoritmici e calcoli abaci, come descritto in Margherita Philosophica (1517).
Biblioteca di Stato della Baviera

Questo era un metodo di calcolo più efficiente rispetto all’utilizzo di un abaco. Per risolvere un’equazione matematica, Al-Khwarizmi procede metodicamente attraverso una serie di passaggi per trovare la risposta. Questo è il concetto base dell’algoritmo.

Algoritmo, un termine latino medievale che prende il nome da Al-Khwarizmi, si riferisce alle regole per eseguire operazioni aritmetiche utilizzando il sistema numerico indo-arabo. Il libro di Al-Khwarizmi sui numeri indiani è stato tradotto in latino con il titolo Algorithmi de Numero Indorum.

Agli inizi del XX secolo apparve la parola algoritmo Nella sua definizione attuale Utilizzo: “Una procedura per risolvere un problema matematico in un numero limitato di passaggi; Procedura passo passo per risolvere il problema.

Muhammad ibn Musa al-Khwarizmi ha svolto un ruolo centrale nello sviluppo della matematica e dell’informatica come le conosciamo oggi.

La prossima volta che utilizzerai qualsiasi tecnologia digitale, dal feed dei social media al tuo conto bancario online all’app Spotify, ricorda che nulla di tutto ciò sarebbe possibile senza il lavoro pionieristico dell’antico studioso persiano.

READ  Le proteste dell'AJK sono state annullate un giorno dopo che il governo ha annunciato la riduzione dell'inflazione

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News