SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un nuovo tipo di esopianeta coperto dall’oceano potrebbe supportare la vita

Quando si tratta di cercare la vita altrove nell’universo, tendiamo ad essere molto centrati sulla Terra: stiamo cercando quella Pianeti come il nostro, supponendo che la vita altrove sarebbe simile alla nostra e richiederebbe condizioni simili. Tuttavia, un nuovo tipo di esopianeta è stato identificato dagli astronomi dell’Università di Cambridge e, sebbene sia molto diverso dalla Terra, può ancora supportare la vita.

La nuova classe di pianeti è chiamata “Hycean”, che significa un mondo coperto di oceani con un’abbondanza di idrogeno nella sua atmosfera. I ricercatori ritengono che questo tipo di pianeta potrebbe essere comune e, poiché è potenzialmente abitabile, questo aumenta notevolmente i potenziali siti per la ricerca della vita al di fuori del nostro sistema solare.

    Rappresentazione artistica del pianeta Hycean.
Rappresentazione artistica del pianeta Hycean. Amanda Smith

Il ricercatore capo Niko Madhusudan dell’Istituto di Astronomia dell’Università di Cambridge ha dichiarato: affermazione.

Questi pianeti sono solitamente più grandi della Terra, fino a 2,6 volte la loro dimensione, e possono anche essere più caldi, con temperature atmosferiche che raggiungono i 200°C. Tuttavia, nonostante queste alte temperature, i loro oceani possono ancora ospitare vita microbica, come suggerito da Un altro studio recente Verso un grande pianeta extrasolare con un’atmosfera ricca di idrogeno. Questo studio ha scoperto che potrebbe esserci acqua liquida sulla superficie del pianeta sotto la sua atmosfera. Se questo è vero anche per i pianeti Hycean, allora la zona abitabile – l’area intorno a una stella in cui un pianeta deve ruotare affinché l’acqua liquida possa esistere sulla sua superficie – potrebbe essere più grande per questi pianeti che per altri tipi di pianeti.

READ  Il telescopio spaziale Kepler della NASA ha scoperto cinque pianeti con un doppio sole che potrebbe supportare la vita nello spazio

“Essenzialmente, quando stavamo cercando queste diverse firme molecolari, ci siamo concentrati su pianeti simili alla Terra, che è un punto di partenza ragionevole”, ha detto Madhusudan. “Ma pensiamo che i pianeti Hycean offrano una migliore possibilità di trovare molte più impronte biometriche”.

La biometria è un indicatore chimico della vita e rappresenta uno dei principali modi in cui i ricercatori cercano la vita in altre parti dell’universo.

“La scoperta dell’impronta biometrica cambierebbe la nostra comprensione della vita nell’universo”, ha detto Madhusudan. “Dobbiamo essere aperti su dove ci aspettiamo di trovare la vita e quale forma potrebbe assumere, poiché la natura continua a sorprenderci in modi spesso inimmaginabili”.

La ricerca è stata pubblicata in Giornale Astrofisico.

Raccomandazioni della redazione